vai al vecchio sito

Federazione

Un’esperienza speciale per tutti il 6° World Cisa Symposium a Tarvisio

Udine, 10 maggio 2016. Partecipazione, condivisione, rispetto, ma anche puro e sano divertimento. Tutto questo e molto altro è avvenuto a Tarvisio in occasione del 6° World Cisa Symposium, manifestazione organizzata dalla neo affiliata Società Nuova Cisa, e la Fijlkam FVG ha aderito ben volentieri all’invito, offrendo ai settori judo e ju jitsu l’opportunità di vivere un’esperienza entusiasmante e coinvolgente. Le attività di numerose arti marziali e sport di combattimento, presente infatti anche la lotta greco romana con Martino Moroldo, si sono alternate ed avvicendate sul parquet e sui tatami allestiti nel palazzetto dello sport animate dal piacere di praticare e dalla volontà di apprendere qualcosa di più e qualcosa di nuovo. Il maestro Giancarlo Bagnulo, presidente della commissione nazionale ju jitsu, ha diretto i lavori di un ampio gruppo di praticanti Fijlkam, e non solo. Alcuni dei partecipanti sono stati Edoardo Reganzin, Mauro Polese, Renato Gerin, Walter Lenassi, Roberto Pintori, Stefano Domini, Paolo Tonini del Sakura Trieste, Riccardo Romeo del Judo Udine, Pierluigi D’Osualdo della Ryugin, Marino Gregori e Michela Tarlao del Masayume, oltre il fiduciario Mauro Basso. Molto partecipata anche la delegazione del judo che, nelle due giornate ha dato modo ai numerosi giovanissimi che hanno colto l’opportunità di vivere esperienze diverse ed aggreganti, con spunti tecnici particolari come alcuni appunti di Itsutsu no kata proposti dal Maestro Maurizio Scacco ed il percorso Judo & Avventura sempre accompagnati ed accuditi da Maria Grazia Perrucci, Milena Lovato, Annalisa Colautti, Chiara Dominissini, Giorgina Zanette, Stefano Perissinotto e Fabio Martinuzzi. Significativa la partecipazione del comandante Alfa (rigorosamente con il volto coperto), ospite d’eccezione del simposio e, molto emozionato per le tante attestazioni di stima, ha trasmesso con parole semplici e chiare i concetti più importanti per mettersi in gioco nello sport, così come nella vita. L’obiettivo di coniugare specialità e discipline diverse collegate tutte dal comune denominatore della difesa personale, regolate da disciplina ed autocontrollo, è stato centrato ed a tutti coloro che vi hanno preso parte rimane forte il piacere di un’esperienza speciale.