vai al vecchio sito

Sumo

Olanda superstar a Barcis nella quinta Coppa Europa di Sumo

Barcis, 21 luglio 2013. L’Olanda ha rispettato il pronostico che la vedeva favorita e si è aggiudicata la quinta edizione della Coppa Europa a squadre di sumo che si è disputata sul “dohyo” a Barcis. Sette le squadre che hanno acceso l’entusiasmo del pubblico per la competizione a squadre e sette sono state anche le nazioni che hanno partecipato al torneo individuale che l’ha preceduta, il quinto Trofeo “Comune di Barcis” organizzato dall’A.S. Sport Barcis ed il Judo Fenati Spilimbergo con il patrocinio del Coni nazionale. Numerose le autorità che hanno preso parte alla manifestazione, da Eligio Grizzo, vicepresidente della provincia di Pordenone, Daniela Paulon, assessore allo sport del Comune di Barcis, Maurizio Salvador nel ruolo di presidente della Pro Barcis, Marco Chiarotto in rappresentanza della delegazione del Coni di Pordenone, ma anche Steve Pateman e Stefen Gadd, rispettivamente presidente e segretario generale dell’Unione Europea Sumo. A fare gli onori di casa Paola Boz, già campionessa di sumo ora fiduciario regionale per la Fijlkam, che si è avvalsa della preziosa collaborazione di Maria Grazia Perrucci, responsabile del Fenati Spilimbergo e attuale vicepresidente Fijlkam per il settore judo. Le gare, scorrevoli e vivaci, hanno suscitato interesse ed ammirazione in particolare per le prove di Raffaele Bordignon, atleta del Judo Montebelluna, nominato rivelazione della gara individuale in cui si è classificato al secondo posto negli 85 kg sconfitto soltanto dal campione olandese Toby Hijzen, ma ammirazione ed applausi sono stati dedicati anche all’intramontabile Andrea Epiro, friulano di Maniago e primo storico sumotori delle Fiamme Azzurre, primo nei +115 kg e secondo nella gara a squadre assieme a Raffaele Bordignon e la pordenonese dello Skorpion Giorgia Scannicchio. Una medaglia l’ha messa al collo anche Francesca Roitero dello Skorpion, terza nei +65 kg preceduta dalle tedesche Nicole Heremann e Carina Beerman. Cinque le medaglie per la Germania (2-2-1) proprio come l’Olanda (3-0-2) prima nel medagliere, terze le Fiamme Azzurre (1-1-0) che precedono Gran Bretagna (0-2-0), Montebelluna (0-1-0), Tajikistan (0-0-2) e Skorpion Pordenone (0-0-1).

 

Trofeo individuale “Comune di Barcis”

65: 1) Nicole Niemaier (Germania); 2) Inkel Markmann (Germania); 3) Zoe Gadd (Olanda)

+65: 1) Nicole Heremann (Germania); 2) Carina Beerman (Germania); 3) Francesca Roitero (Skorpion Pordenone); 4) Giorgia Scannicchio (Skorpion Pordenone)

85: 1) Toby Hijzen (Olanda); 2) Raffaele Bordignon (Montebelluna); 3) Daniel Van Der Host (Olanda); 4) Tomislav Matic (Austria); 5) Enzo Gadd (Olanda); 6) Bekhzod Istharov (Tajikistan)

115: 1) Pieter Vroon (Olanda); 2) Bradly Robinson (Gran Bretagna); 3) Rustam Gulomaliev (Tajikistan); 4) Tjark Markmann (Germania); 5) Renato Vinassa (Fiamme Azzurre); 6) Antonio Lagroia (Fenati Spilimbergo)

+115: 1) Andrea Epiro (Fiamme Azzurre); 2) Michael Robinson (Gran Bretagna); 3) Gothe Mukhitorov (Tajikistan); 4) Grizzly Faegri (Norvegia); 5) Christopher Friz (Austria)

Coppa Europa a squadre

1) Olanda; 2) Fiamme Azzurre; 3) Germania; 4) Tajikistan; 5) Skorpion Pordenone; 6) Norvegia; 7) Austria.