vai al vecchio sito

Judo

L’Italia cadetti travolge tutti a Coimbra, 11 medaglie e 5 sono d’oro

Troppo forte per tutti l’Italia U18 che, nella prima giornata dell’European cadet Cup, si è vista sui tatami a Coimbra. Più che mai è eloquente il medagliere che registra un’Italia solitaria con 5 primi, 3 secondi e 3 terzi posti. Non sarà un record, ma 11 medaglie in un giorno solo sono davvero tante, così come cinque primi posti. Azerbaijan (2) e Stati Uniti (1) sono riuscite ad aggiudicarsi l’oro che gli azzurri hanno lasciato a disposizione. Ma andiamo con ordine, nei 50 kg Cristian Miceli si è piazzato al primo posto, mentre nei 55 kg sono stati due gli azzurri sul podio, entrambi al terzo posto, Giuseppe De Tullio e Vincenzo Skenderi. Nei 60 kg Filippo Cicciarella è al secondo posto, terzo posto invece nei 66 kg per Flavio Frasca. Passiamo alle ragazze e, su quattro categorie in gara sono stati quattro primi posti: Giulia Giorgi nei 40 kg, Silvia Giuseppa Drago nei 44 kg, Assunta Scutto nei 48 kg e Federica Silveri nei 52 kg ed a queste si sono aggiunte le medaglie d’argento di Carlotta Avanzato (48) e Veronica Toniolo (52). Cosa accadrà domenica, nella seconda giornata di gare? La risposta ai cadetti azzurri.

Il commento di coach Piccirillo: “Grande gara con donne superlative e i maschi che, finalmente, hanno iniziato a crederci. Squadra affiatatissima con i tecnici e lascia ben sperare per domani”. Le dichiarazioni dei ragazzi saliti sul podio.

GIORGI: “Sono soddisfatta di oggi… speriamo che vada sempre meglio: non mi accontento e guardo a obiettivi più importanti. Ringrazio la mia società, i tecnici della nazionale e la mia famiglia per avermi accompagnata fino a qui”.

MICELI: “Sono molto contento di questo primo posto: è la mia prima medaglia ed è un risultato per cui devo ringraziare soprattutto i miei maestri, mio fratello e la mia famiglia”.

DRAGO: “Sono soddisfatta del risultato, anche perché in finale ho battuto la kosovara che mi aveva messa in difficoltà a Follonica. Ho lavorato parecchio e sono contenta di com’è andata”.

SKENDERI: “È stata una bella gara, sono contento anche se potevo fare di meglio… è la prima medaglia internazionale e spero che ne arrivino presto altre”.

DE TULLIO: “È stata una bellissima gara: oggi ho combattuto bene anche se sono consapevole che si possa fare sempre di più; dedico questa medaglia alla mia famiglia e a mio fratello”.

CICCIARELLA: “Sono molto contento del mio risultato, dopo tanti sforzi finalmente è arrivata questa medaglia. Ringrazio il mio maestro e i maestri Vinassa e Bongiorno che mi hanno seguito in questa gara. Spero di fare sempre meglio e di portare a casa altre vittorie”.

FRASCA: “Finalmente la medaglia è arrivata: oggi non mi sentivo al top, ma nonostante tutto sono riuscito a salire sul podio a cui quest’anno mi sono spesso avvicinato. Ringrazio i miei maestri e i tecnici della nazionale”.

SCUTTO: “Sono contentissima di questa medaglia. Come sempre i sacrifici vengono ripagati. Mi sentivo bene ed è andata bene, non ho trovato nessuna difficoltà. Ringrazio come sempre il mio maestro, il mio fidanzato e tutte le persone che mi sono state veramente vicino”.

AVANZATO: “Diciamo che non sono felicissima per come è andata questa gara, gli incontri sono andati tutti abbastanza bene ad eccezione della finale, che avrei potuto fare meglio. Ma non mi butto giù… il prossimo obiettivo sono gli europei e per questo continuerò ad allenarmi forte”.

SILVERI: “Quella di oggi è una medaglia importante: per me è stata l’ultima European Cup da cadetta, ma è anche la prima medaglia d’oro delle sette che ho conquistato in questi anni; ora mi concentro sulla prossima tappa: è ai campionati europei che devo guardare”.

TONIOLO: “Le mie aspettative sono altre, non posso che guardare al prossimo appuntamento con l’obiettivo di migliorarmi”.