vai al vecchio sito

Judo

Betty Vuk si laurea Campionessa Italiana U21, bronzo per la cadetta Asya Tavano!

Judoka FVG ancora protagonisti ai Campionati Italiani Juniores. Il PalaPellicone di Ostia ha ospitato oggi la seconda giornata di gare della rassegna Tricolore, stavolta a scendere sul tatami sono state le donne che hanno onorato al meglio i colori della nostra regione portando a casa un oro, un bronzo e un quinto posto, cui va a sommarsi l’argento della pordenonese Mariasole Momentè, cresciuta nel Judo Azzanese ma da gennaio tesserata per il Dojo Equipe Bologna.

Un altro titolo italiano è arrivato in Friuli, stavolta il merito è di Betty Vuk, del Judo Club Tolmezzo, che grazie ad una splendida prova è salita sul gradino più alto del podio nei 78kg. Quattro le vittorie messe a segno da Betty, che in finale ha superato Anna Fortunio. “La preparazione per questa gara è stata lunga, è dall’inizio dell’anno che ci sto lavorando” ha detto Betty subito dopo la premiazione “In molte occasioni durante questi primi mesi sono stata aiutata a trovare i punti sui quali lavorare e tutto, alla fine, ha dato i suoi frutti. Oggi, all’inizio della competizione, come in tutta la settimana precedente, mi sentivo davvero tesa, ma ho reagito al meglio! Sono davvero contenta, ringrazio in primis i miei allenatori, Anna Miniggio in particolare che quest’oggi mi ha affiancato per arrivare a questo risultato, ma soprattutto i miei genitori e la mia famiglia che non smettono mai di supportarmi”.

Si conferma nuovamente bronzo Asya Tavano, dello Sport Team Udine, ma la medaglia raccolta in questa giornata forse pesa di più rispetto a quella conquistata meno di un mese fa sempre sul tatami romano, perché l’atleta udinese è ancora cadetta e oggi ha combattuto nella classe superiore. Dopo la sconfitta iniziale contro Vanessa Origgi, poi seconda, Asya vince i successivi due incontri, salendo ancora una volta sul podio Tricolore dei +78kg.

“Un’altra medaglia, il colore è lo stesso, ma la soddisfazione è diversa, perché l’impegno è stato diverso” ha detto l’allieva del maestro Girardi. “E’ arrivato il bronzo nella classe juniores e, per me che sono ancora cadetta, lo sforzo è stato fisico ma soprattutto mentale, essendo stata anche la prima gara fra gli junior”.

Podio sfiorato di un soffio per Elisa Toniolo, della Società Ginnastica Triestina, nella categoria dei 63kg: dopo aver superato i primi due turni, Elisa è stata fermata ai quarti da Flavia Favorini ed è finita nei girone dei recuperi. Vinto l’incontro contro Irene Pedrotti, è approdata nella finalina per il bronzo, dover però ha avuto la meglio Nicolle Disanto.

Nella stessa categoria brilla l’argento conquistato dalla corregionale Mariasole Momenté, ora in forza al Dojo Equipe Bologna, che dopo 4 successi si è arresa soltanto in finale alla vicecampionessa italiana assoluta Nadia Simeoli.

“Questo secondo posto significa moltissimo per me: è una conferma che tutti i sacrifici che sto facendo in questi mesi tra università e allenamenti sono serviti a qualcosa ed è un’enorme soddisfazione personale perché sono finalmente riuscita a raggiungere il risultato che sognavo da quando ero esordiente (negli ultimi 8 anni ho collezionato 4 quinti posti, questa è la prima medaglia ai Tricolori” ha detto Mariasole. “Onestamente la paura di fallire e mancare la medaglia anche quest’anno, era molta ma grazie al maestro Paolo Natale e alle ragazze del Dojo Equipe che mi hanno aiutato e mi sono stati vicini soprattutto in queste ultime settimane, sono riuscita a trasformare la mia paura e l’ansia da prestazione in energia, entusiasmo e voglia di divertirmi!”

Prove più sfortunate sono state quelle degli altri judoka FVG in gara: nei 52kg Giorgia Rossi (Yama Arashi Udine) e Carlotta Finotta (Dojo Udine) hanno vinto un incontro a testa mentre lo stop è arrivato al primo turno per le triestine Alessia Benvegnù e Beatrice Musizza (SGT) nei 57kg e per Ingrid Carnelos (Sekai Budo Pordenone) nei 63kg.

Qui sotto i risultati completi della due giorni di gare.

Campionato Italiano Juniores 2018 Risultati Completi (3.52 MB)