vai al vecchio sito

Judo

Argento e bronzo per l’Italia ai Mondiali di kata a Pordenone

Pordenone, 22 settembre 2012. Nessuno ferma il Giappone, ma l’Italia c’è. È questo il tema della prima giornata del campionato del mondo di judo kata a Pordenone, con l’inno giapponese suonato per tre volte nei tre kata in gara, ma anche con una bella Italia, che ha meritato l’argento con Ilaria Sozzi e Marta Frittoli nel Ju no Kata ed il bronzo con Andrea Fregnan e Stefano Moregola nel Katame no kata. Il Giappone dunque, continua a non avere rivali, ma con due medaglie l’Italia si è ritagliata subito uno spazio al secondo posto del medagliere, lasciandosi alle spalle Germania, Corea del sud, Romania e Francia. Non ce l’hanno fatta invece, Alessandro Furchì e Michele Battorti, i due atleti della Polisportiva Villanova impegnata nel Nage No Kata che, sorteggiata ad esibirsi subito dopo i fortissimi romeni Iulian Surla e Aurelian Fleisz (poi terzi), non sono riusciti a superare lo sbarramento della qualificazione alle finali.

Pillole mondiali

GIAPPONE DA PRIMATO. Gli atleti giapponesi hanno avuto la meglio in tutti i Kata previsti oggi: Katame No Kata, Nage No Kata, Juno No Kata. Il podio più alto raggiunto dall’Italia è rosa: Ilaria Sozzi e Marta Frittoli seconde nel Juno Kata.

PECCATO. Non ce l’hanno fatta Alessandro Furchì e Michele Battorti della Polisportiva Villanova Judo Libertas che hanno combattuto nelle file della Nazionale italiana. La coppia, che si è esibita nel Nage No Kata subito dopo i fortissimi romeni (giunti al terzo posto), non è riuscita a superare lo sbarramento della qualificazione alle finali. «Ci dispiace molto, perché ci siamo allenati tantissimo e speravamo di riuscire ad arrivare in finale. La strada che abbiamo intrapreso per il miglioramento della tecnica del Kata purtroppo in gara non ha reso».

SAMURAI. Ad accogliere all’ingresso del Palasport gli oltre 400 studenti delle scuole pordenonesi, che hanno aderito al concorso “Applaudi i Campioni”, organizzato da  Polisportiva Villanova Judo Libertas con il patrocinio del Comune di Pordenone, un vero e proprio samurai: Gavino Piredda, maestro benemerito, cintura nera 6° dan, maestro del Judo Club di Alghero che ha sfilato con la sua preziosa armatura originale del 16° secolo, acquistata in Giappone e del valore di diverse migliaia di euro: si tratta di un’armatura completa da samurai cavaliere, dotata di copricapo con corna di cervo, parastinchi e paracosce in metallo, internamente foderati in seta e decorati a mano. L’armatura, nonostante il suo peso (circa venti chili), consente una buona liberà di movimento. Il maestro Piredda domani, alle 14, al Palasport, assieme alla maestra Monica Piredda, si esibirà in una dimostrazione di Koshiki No Kata (la forma delle cose antiche). Lunedì incontrerà gli alunni delle scuole elementari di Villanova, Borgomeduna e Vallenoncello; Il samurai pranzerà con gli studenti e le insegnanti della elementare “Rosmini” di via Piradello, dove si potranno assaporare i piatti tipici giapponesi, realizzati in collaborazione con la dietologa del Comune di Pordenone, Cecilia Cara.

SCRITTORE, GIUDICE ED ESAMINATO. Naoki Murata, autore del volume “La mente prima dei muscoli”, raccolta degli scritti e degli insegnamenti di Jogoro Kano, che nel 1882 fondò il Kodokan di Tokio, culla del Judo, in questa edizione dei Mondiali di Judo Kata ha rivestito il ruolo di giudice e di esaminato: assieme ad altri maestri del Kodokan di Tokyo (Michio Fukushima, Yoshiaki So, Tadashi Sato), è venuto a Pordenone per sostenere l’esame per diventare arbitro internazionale, sottoponendosi al giudizio della commissione presieduta dal maestro Franco Cappelletti, vicepresidente della Fijlkam, nonché vicepresidente dell’Unione Europea di Judo (Eju). Murata ha superato le prove di tutti i Kata. La partecipazione dei maestri giapponesi è stato un passaggio simbolico di grande umiltà, visto che il Giappone con l’Istituto Kodokan è considerato la realtà depositaria del verbo del Judo. Non era mai successo prima.
MUSICA. Emozionante apertura in musica con il coro “Cum Gaudio” dell’Istituto comprensivo Torre di Pordenone (una quarantina di elementi) che si è esibito, con la docente-cantante lirica Cinzia Del Col e l’accompagnamento al pianoforte della docente Fiorella Mattiuzzo, in una serie di brani tratti dal film “Le coriste”, medley vari e in canzoni tipiche friulane. L’apertura musicale si ripete domani, alle 14, con i medley napoletani della “Ensemble Sweet Armony”. Il coro “Cum Gaudio” nel maggio scorso ha vinto il primo premio del Concorso nazionale di Trento “Accordarsi è possibile”.

JUDO SHOW. I giovani judoka della Polisportiva Villanova Judo Libertas (Asia Lorenzon, Giovanni Boscaia, Matteo Visentini, Kenny Bedel, Jasmine Dene, Federico Tajariol, Greta Fracas, Tatiana Marta) preparati dal maestro Edoardo Muzzin, con la collaborazione di Carla Bellato (coreografa) e Manila Dall’Agnese (coordinatrice), si sono esibiti in una magnifica performance di Judo Show: le tecniche di difesa personale di Judo e Kata sono state esplicate con l’accompagnamento delle note musicali, in una sorta di danza che mostra l’esecuzione perfetta di questa disciplina.

SPALTI PIENI. L’edizione pordenonese dei Mondiali è la più partecipata sia dal punto di vista degli atleti (133 coppie di 28 nazioni per assegnare i cinque titoli iridati in palio) che di pubblico: studenti (con la maglietta azzurra dell’Italia), insegnanti, genitori e tanti cittadini sono accorsi nel Palasport di via Fratelli Rosselli per seguire le performance dei più grandi campioni al mondo di Judo Kata.

CONCORSO SCUOLE. L’assessore comunale all’istruzione Flavia Rubino ha consegnato i premi ai gruppi scolastici più numerosi che hanno seguito l’evento internazionale: primo posto e 500 euro in denaro per la scuola primaria Rosmini; secondo posto (300 euro) alla primaria “De Amicis”; terzo per la primaria “Da Vinci” (200 euro);

CURIOSITà. Dopo Malta 2009, Budapest 2010, Francoforte 2011, i Mondiali sono sbarcati a Pordenone, ma poco ci mancava che Rio De Janeiro ci strappasse l’evento. Pordenone ha vinto perché due anni fa si è distinta nell’organizzazione degli Europei di Kata; il prossimo anno i Mondiali andranno in Giappone.
IL PARERE ECCELLENTE. «Soltanto a Pordenone si poteva fare un Mondiale così importante e con una riuscita così perfetta. Una città vivibile e a dimensione d’uomo, dove le persone e le società sportive non sono considerate numeri; un volontariato eccezionale; enti pubblici, amministrazioni e aziende private attente e sensibili alle tematiche sportive e all’impegno sociale. Mai campionato mondiale di Judo Kata era stato organizzato così bene. A Pordenone è nato un modello che verrà applicato ai prossimi Mondiali di Judo Kata». Franco Capelletti, vicepresidente della Fijlkam, vicepresidente dell’Unione Europea di Judo (Eju), cintura nera 9° dan, esprime un plaudo al territorio e alla cordata che ha reso possibile l’evento: Polisportiva Villanova Judo Libertas, Judo Kuroki Tarcento, Comitato regionale Fijlkam FVG con il sostegno di Atena, Arrex, Bcc Pordenonese, Jacuzzi.

Classifiche prima giornata

Nage no kata: 1) Michito Sakamoto – Takayuki Yokoyama (JPN); 2) Lee Sun Hyung – Jo Min Ho (KOR); 3) Iulian Surla – Aurelian Fleisz (ROU)

Katame no kata: 1) Satoshi Nakayama – Seiji Hayashi (JPN); 2) Sebastian Frey – Chow Sei Kam (GER); 3) Andrea Fregnan – Stefano Moregola (ITA)

Ju no kata: 1) Etsuko Yokoyama – Chigusa Omori (JPN); 2) Ilaria Sozzi – Marta Frittoli (ITA); 3) Emmanuel Wirtz – Armelle Voindrot (FRA)

Medagliere: 1) Giappone (3-0-0); 2) Italia (0-1-1); 3) Korea, Germania (0-1-0); 5) Romania, Francia (0-0-1)