vai al vecchio sito

Month aprile 2018

MGA FVG, esami regionali 2018

Domenica 29 aprile 2018, presso il DLF di Trieste, al termine del Corso Regionale MGA per l’acquisizione dell’abilitazione all’insegnamento, davanti alla commissione composta dal Presidente del Comitato Fijlkam FVG Maestro Claudio Valentini, al Fiduciario Regionale MGA Maestro Edoardo Reganzin ed al componente la commissione Insegnante Tecnico Salvatore Orlando, si sono svolti gli esami. Hanno acquisito il I° livello Mga Bartole Davide, Ciccone Giorgio Marco, Chiuchiolo Enrico e Tavano Rudy. Hanno acquisito il II° livello Mga Aliani Alessandro, Frigo Erik, Lenassi Walter, Serafini Fabrizio e Pintori Roberto. Tutti i candidati hanno dimostrato una buona conoscenza sia della parte teorica che di quella pratica. Il Fiduciario Regionale MGA, M° Edoardo Reganzin

African Open d’oro per Veronica Toniolo

Trieste, 29 aprile 2018. Veronica Toniolo ha messo al collo un’altra medaglia d’oro. Dopo quella meritata la scorsa settimana a Ostia, in occasione del campionato italiano U18, la promettente atleta della Ginnastica Triestina è andata a vincere ancora, questa volta in Marocco, nell’African Open Chanpionships che si è disputato a Casablanca. “Siamo andati in Marocco – ha spiegato il padre e coach Raffaele Toniolo – con l’idea di provare alcune situazioni in un ambiente meno stressato rispetto alle gare in Europa. Veronica ha saputo reagire anche ad una situazione difficile in finale quando gli arbitri l’hanno sanzionata due volte invece che sanzionare per la presa palesemente irregolare della sua avversaria. Anche questa esperienza ci ha permesso di migliorare ed ora guardiamo ai prossimi impegni”. Tredici le nazioni partecipanti, con la presenza europea dell’Azerbaigian e qualche singolo da Bielorussia, Ucraina, Macedonia, Slovenia e, per l’Italia, la sola Veronica che ha gareggiato nei 52 kg. Testa di serie numero 1 del tabellone la Toniolo ha atteso la vincente dello spareggio fra l’azera Safarova e la marocchina Rzal, quindi ha liquidato quest’ultima con due waza ari, che corrispondono ad ippon, e fuori una! A quel punto Veronica si è trovata a disputare la finale per il primo posto con la tunisina Amani Chayeb. Com’è andata? Doppio waza ari, che corrisponde sempre a ippon, fuori due. Fine dei giochi, primo posto e medaglia d’oro. Come si diceva, un’altra! “Sono contenta della mia gara perché sono riuscita a raggiungere l’obiettivo che mi ero posta – ha detto Veronica Toniolo – ovvero provare tecniche nuove. Sono felice per esserci riuscita e per avere anche vinto, ringrazio prima di tutti mio papà, che è venuto fino a qui con me e mi ha seguita, e poi i miei compagni di palestra che mi sono sempre vicini e mi supportano sempre.” Prossimi obiettivi? Potrebbe essere il campionato d’Europa cadetti in programma a Sarajevo dal 28 giugno al 1° luglio, oppure potrebbero essere i ‘Youth Olympic Games’ che si disputeranno a Buenos Aires dal 7 al 10 ottobre. E perché non entrambe? Si vedrà, non c’è fretta.

Sacile in festa con la 3^ tappa del Criterium FVG!

Grande festa oggi al Palamicheletto di Sacile per la terza tappa del Criterium Giovanissimi FVG, organizzata dal club di casa, il Dojo Sacile.

L’appuntamento, che segue quelle di Zoppola e Gorizia, ha visto la partecipazione di ben 474 bambini di età compresa fra i 6 e gli 11 anni provenienti, oltre che dal Friuli Venezia Giulia, anche dal Veneto. Ingrediente comune: il divertimento!

Grande successo ha riscosso, tra i piccoli partecipanti, il particolare riscaldamento proposto dagli organizzatori, suddiviso in 4 “stazioni”: una di judo, una di pre-acrobatica con l’utilizzo del trampolino elastico, una di arrampicata e di equilibrio sulla slackline e l’ultima di footbike per i più grandi e di giochi con i palloncini per i più piccoli. 

“E’ stata una giornata densa ma tutto è andato per il meglio – ha detto al termine della manifestazione Lucia Giust, che ha coordinato l’evento – Le tempistiche sono state rispettate e non ci sono stati né ritardi né imprevisti. Ho visto tutti molto contenti: bambini, genitori e allenatori e questo non può che essere motivo di grande soddisfazione per tutto lo staff!

Via all’ ‘Over Size, allenamenti per Judoka di peso’ con il Maestro Pizzinato

Giancarlo Pizzinato ha inaugurato oggi, nella palestra dello Skorpion a Pordenone, la serie di allenamenti dedicati alle categorie pesanti ‘Over Size, allenamenti per Judoka di peso’. Una denominazione che, evidentemente, è stata presa alla lettera essendosi presentati ‘esclusivamente’ atleti ed atlete di categorie pesanti…

L’Italia a Tel Aviv mette al collo la seconda medaglia, bronzo per Antonio Esposito

Tel Aviv, 27 aprile 2018. Un’altra medaglia per l’Italia agli Europei a Tel Aviv. È di bronzo ed è stupenda anche questa per il modo in cui è stata conquistata: lottando caparbiamente come solo il giovane cuore napoletano di Antonio Esposito sa fare. Terzo posto negli 81 kg al termine di cinque battaglie, sofferte, sudate, fortissimamente condotte per la vittoria. In semifinale l’equilibrio si è incrinato soltanto sulle penalità a favore del belga Chouchi, ma per Antonio Esposito la voglia di medaglia è stata molto più forte della delusione ed il confronto per il terzo posto con il turco Gulduren è stato l’apoteosi. Prima un waza ari (mezzo punto) cui nulla mancava per chiudere già lì la partita, ma il 23enne napoletano ha continuato la sua opera di demolizione dell’avversario fino a che, frastornato, è caduto nuovamente. Sul lato opposto, altro mezzo punto ed è stata la gioia infinita che si è potuta leggere tutta negli occhi di Antonio, di Francesco Bruyere, dello staff che l’ha seguito e di tutta la squadra, che sente che le cose stanno girando per il verso giusto. “Sono contentissimo, oggi ho finalmente dimostrato quello che valgo – ha detto Antonio Esposito – anche se con un pizzico di rammarico perché mi sarei potuto andare a giocare anche il titolo. Ma per gli avversari che ho battuto oggi ho dimostrato davvero di che stoffa sono fatto!”. A segnare la gara di Esposito sono state le vittorie dull’armeno Khachatryan, soffertissima sul turco Albayrak superato dopo 3 minuti e mezzo di golden score, quindi sul portoghese Egutidze. Poi semifinale e finale per il bronzo. “Ha fatto una gara superlativa – ha detto Francesco Bruyere – ha risolto incontri complicati con il cuore e la testa. Antonio è un lavoratore vero, un esempio per tutti, sputa sangue in materassina tutti i giorni e questo è il risultato. Si merita questa medaglia e molto di più. Sono davvero fiero e felice per lui”. Hanno lottato anche Giovanni Esposito, sconfitto nei 73 kg dal bielorusso Shoka e Christian Parlati, sconfitto negli 81 kg dal belga Casse, così come ha lottato Carola Paissoni, superata nei 70 kg dall’olandese Van Dijke. Ed hanno lottato anche Fabio Basile ed Edwige Gwend, eccome se hanno lottato, ma per entrambi la sconfitta è arrivata al termine di golden score infiniti. Per un contrattacco del turco Ciloglu al nono minuto di combattimento e per la terza sanzione (contro due) assegnata ad Edwige con la russa Valkova. Sabato terza giornata ed altri cinque azzurri sono pronti a dare il meglio, Linda Politi (78), Eleonora Geri (+78), Nicholas Mungai e Domenico Di Guida (90), Giuliano Loporchio (100).

JUDO – Argento europeo a Tel Aviv per Matteo Medves

È un’Italia di parola, quella in gara a Tel Aviv, per un campionato d’Europa con 368 atleti di 44 nazioni. Si è parlato di medaglie che sarebbero arrivate ed ecco che è arrivata la prima. È d’argento e l’ha messa al collo il 23enne udinese Matteo Medves, nei 66 kg, con una gara straordinaria. Da subito ha fatto vedere che le cose giravano per il verso giusto ed al primo turno si è preso la rivincita su Le Blouch (Fra), che l’aveva sconfitto il mese scorso ad Ekaterinburg, poi ha superato Gorjanacz (Hun), quindi il capolavoro sull’azero Shikhalizada, schiantato per ippon mentre si trovava in svantaggio. In semifinale poi, ha letteralmente travolto il montenegrino Gusic. Lo sloveno Gomboc, secondo l’anno scorso, è stato bravo ad imbrigliare i lunghi tentacoli di Medves e si preso il titolo. “Un grande Matteo Medves – ha detto il coach Roberto Meloni – è stata una conferma importante per lui, di appartenere a questo livello ed essere fra i primi. Domani si riparte, con altre medaglie!”. Gli altri azzurri, Francesca Milani, Rosalba Forciniti e Manuel Lombardo si sono fermati al secondo turno, Martina Lo Giudice al primo. Nella seconda giornata sono attesi i 73 kg con Fabio Basile e Giovanni Esposito, gli 81 kg con Antonio Esposito e Christian Parlati, i 63 kg con Edwige Gwend ed i 70 kg con Carola Paissoni. Medaglie? Può darsi… Le gare iniziano alle 10 e dalle 15 su RaiSport la diretta delle finali.

60: 1. Islam Yashuev (Rus), 2. Yanislav Gerchev (Bul), 3. Ashley Mckenzie (Gbr) e Beslan Mudranov (Rus)

66: 1. Adrian Gomboc (Slo), 2. Matteo Medves (Ita), 3. Tal Flicker (Isr) e Dzmitry Shershan (Blr)

48: 1. Irina Dolgova (Rus), 2. Eva Csernoviczki (Hun), 3. Maryna Cherniak (Ukr) e Milica Nikolic (Srb)

52: 1. Natalia Kuziutina (Rus), 2. Distria Krasniqi (Kos), 3. Gefen Primo (Isr) e Evelyne Tschopp (Sui)

57: 1. Nora Gjakova (Kos), 2. Theresa Stoll (Ger), 3. Anastasiia Konkina (Rus) e Telma Monteiro (Por)

Convegno a Udine, formazione motoria e sportiva nei giovani

Sabato 21 aprile si è svolto presso l’aula magna della Facoltà di Medicina di Udine , il convegno Nazionale promosso dal CONI FVG con il tema: ”LA FORMAZIONE MOTORIA E SPORTIVA NEI GIOVANI” , un tema piu’ che attuale all’interno del contesto educativo nazionale  dove le FSN sono andate a colmare in questi anni quel  deficit cronico della mancanza di attività motoria all’interno delle Istituzioni scolastiche. Apre i lavori il dottor Messina, direttore scientifico della Scuola regionale dello Sport, chiamando sul pulpito  il pres. Coni fvg ing. Brandolin,  che dopo i saluti ed i ringraziamenti di rito sottolinea l’impegno profuso delle società dilettantistiche in Friuli nell’educare e far amare alle nuove generazioni l’attività sportiva, finalizzata sopratutto alla socialità ed ad un corretto stile di vita. 

Grande attenzione è stata  data al prof. Andrea Ceciliani dell’Università di Bologna che ha sottolineato la multilateralità dell’approccio sportivo dei piu’ piccoli puntando sul fattore gioco, ovvero il piacere di fare sport che deve accompagnare il fanciullo sino alla specializzazione, fattore determinante per contrastare l’abbandono sportivo in età adolescenziale. 

L’intervento successivo del prof. Claudio Robazza dell’Università di Chieti, specialista in psicologia dello sport, ha trattato il tema dei processi cognitivi nell’apprendImento motorio in età evolutiva, dichiarando apertamente che il bambino deve sperimetare anche all’interno degli ambienti sportivi, guidato si dal tecnico ma  anche con un certo grado di  autonomia per favorirne l’autostima e la sicurezza, sviluppando funzioni anche cognitive durante l’apprendimento motorio. Chi pratica bene lo sport va anche bene a scuola.   

Ampi spunti di riflessione sono stati poi dal prof Daniele Fedeli della facoltà di scienze della formazione primaria di Udine, che ha evidenziato che i disturbi psicologici ADHD sono molto frequenti nella nostra società toccando punte del 4/5% della popolazione giovanile italiana. Soggetti apparentemente normali, ma che per cause genetiche,  hanno difficoltà di apprendimento  ed ulteriore difficoltà nell’eliminazione del gesto motorio sbagliato che oramai è automatizzato, quindi massima attenzione per i tecnici nel definire la tecnica ed ulteriore sensibilità se questi soggetto non l’apprendono in maniera veloce come si vorrebbe. 

Concludendo, la conterranea prof. Laura Bortoli, una delle primissime figure a livello nazionale per la gestione di atleti di Alto Livello, con un passato da primatista Italiana nel salto in alto e nella pallavolo, si è spinta a ricercare le cause dell’abbandono nello sport nel  triangolo insegnante – atleta – genitore che spesso è causa di contrasti che posso nuocere solamente ai ragazzi, augurandosi che le buone pratiche educative seguano una via univoca ovvero: la ricerca del talento è facile, difficile è mantenere e sviluppare l’atleta talentuoso, senza bruciarne le tappe o specializzarlo in giovane età, fattori che al passaggio all’attività agonistica possono determinare il salto di qualità o l’abbandono alle prime sconfitte. 

Al momento formativo, Michele Roiatti, rappresetante della  Fijlkam per Udine ha incontrato  la compagine del CSKS MONFALCONE giudata dal Maestro 6° dan Fabrizio Puntin, con il quale ha fatto il punto sull’attività giovanile in regione del settore karate.

Gli atti del convegno sono disponibili sul sito della Scuola dello Sport CONI FVG. 

Cadetti FVG scatenati a Ostia, oro a De Luca e Toniolo, bronzo anche a Tavano e Kamano

È un messaggio importante quello lanciato dai judoka della classe U18 del Friuli Venezia Giulia dal PalaPellicone a Ostia, dove si è disputato il campionato italiano cadetti con la partecipazione di 460 maschi e 238 femmine. Il riscontro infatti, è stato di cinque atleti sul podio tricolore per due medaglie d’oro, Giulia Italia De Luca (44) e Veronica Toniolo (52) della Ginnastica Triestina con tre medaglie di bronzo andate al collo di Asya Tavano (+70) dello Sport Team Udine e Michelle Kamano (63) del Dlf Yama Arashi Udine, che si sono aggiunte a quella di ieri con Michele Comuzzi negli 81 kg. L’eccellente risultato complessivo è stato accompagnato anche dal secondo posto della Ginnastica Triestina nella classifica per società femminile. Questi i commenti dei medagliati di oggi.

Giulia Italia De Luca:Sono felice del mio risultato sia per la cintura nera, ma anche per i sacrifici che ho fatto per raggiungerlo. Lascio i ringraziamenti ai miei allenatori, i genitori miei e degli altri che hanno fatto il tifo per me, come gli amici e ringrazio anche i compagni di judo che mi hanno allenata e incoraggiata per questa gara”.

Veronica Toniolo: “Sono molto contenta della mia gara. Il mio obbiettivo era vincere e ci sono riuscita. Ringrazio tutta la mia famiglia e i miei compagni di palestra”

Michelle Kamano: “Durante la gara mi sentivo molto tesa, ma ho cercato di gestire al meglio la mia emotività. Mi sentivo stanca durante gli incontri, ma allo stesso tempo carica e ho cercato di arrivare fino alla fine. Sono molto soddisfatta perché è il mio sogno da quando sono piccola. Ringrazio tutta la mia palestra che mi ha sostenuto sempre, in ogni gara”.

Asya Tavano: “Sono contenta per questo risultato, anche se sono venuta qua con l’obiettivo di vincere l’oro. Questa volta non è arrivato, ma va bene ugualmente così, ringrazio il mio maestro e tutto il mio club che mi stimolano a fare sempre di più e meglio. Continuo a lavorare per farmi trovare pronta la prossima volta”.

FINALE_CAMPIONATO_ITALIANO_CADETTI_2018_F_finali

Bravo Michele Comuzzi ai Tricolori U18, è bronzo e cintura nera

Ostia, 21 aprile 2018. Michele Comuzzi ha conquistato la medaglia di bronzo degli 81 kg nel PalaPellicone a Ostia in occasione del campionato italiano cadetti, al quale hanno preso parte 460 atleti. Cinquq gli incontri disputati dall’atleta dello Sport Team Udine, guidato da Luigi Girardi, con le vittorie su Emanuele Bria, Francesco Battista, Christian Sagunti e, dopo il disco rosso in semifinale con Filippo Bacchetta, è arrivata la vittoria-medaglia con l’ippon su Alessio Galasso. “Sono tanto contento – ha detto Michele Comuzzi ancora emozionato – è una medaglia cui puntavo da tempo e sono strafelice che sia arrivata. La gara è stata lunga e faticosa ed è arrivata anche quella cintura nera che era il mio obiettivo per questa gara. È arrivata anche la medaglia, in questo momento cosa potrei volere di più?”. Quella di Michele Comuzzi è stata l’unica medaglia per il Friuli Venezia Giulia, nonostante fossero diversi gli atleti con buone aspettative. Con cinque medaglie, un oro, due argento, due bronzo, il Fitness Club Nuova Florida si è aggiudicato il primato nella classifica maschile. “Questo è un appuntamento che abbiamo preparato con cura – ha detto il coach del club romano, Gianluca Ferro – pertanto eravamo preparati per un buon riscontro, anche se non pensavamo di portare a casa cinque medaglie. Domani? Proveremo a fare altrettanto bene ovviamente”. Il titolo di campione d’Italia U18 ha premiato gli atleti di nove società diverse, Nippon Napoli con Cristian Damiano, Segrate con Hosam Warid, Arti Marziali Novasconi con Vincenzo Skenderi, Akiyama Settimo con Matteo Armao, Champion Team Isernia con Luigi Centracchio, Acras Judo Bolzano con Giovanni Zaraca, Fitness Club con Alessio Graziani, Accademia Torino con Paul Creata, Kumiai Torino con Lorenzo Turini. Domenica si assegnano i titoli femminili.

46: 1) Cristian Damiano (Nippon Napoli); 2) Flavio Petruzzelli (Iacovazzi Bari); 3) Andrea Orlando (Judo Club Leone Palermo) e Antonio Polmo (Airon Judo 90 Furci Siculo)

50: 1) Hosam Warid (Judo Club Segrate); 2) Federico Malagodi (Fitness Club Nuova Florida); 3) Simone Casareto (Kimura Genova) e Alessandro Bellini (Centro Scuole Roma)

55: 1) Vincenzo Skenderi (Arti Marziali Novasconi); 2) Vittorio Cantile (Accademia Yume Napoli); 3) Giuseppe De Tullio (Iacovazzi Bari) e Valerio Ferro (Fitness Club Nuova Florida)

60: 1) Matteo Armao (Akiyama Settimo); 2) Alessandro Rossi (Banzai Cortina Roma); 3) Antonio Bottone (Star Judo Club Napoli) e Filippo Cicciarella (Koizumi Scicli)

66: 1) Luigi Centracchio (Champion Team Isernia); 2) Federico Cuniberti (Akiyama Settimo); 3) Samuel Salvo (Akiyama Settimo) e Flavio Frasca (Pol. Ottavia Roma)

73: 1) Giovanni Zaraca (Acras Judo Bolzano); 2) Valerio Bovi (Fitness Club Nuova Florida); 3) Cristian Belmonte (Musokan Napoli) e Dario Praiotto (Akiyama Settimo)

81: 1) Alessio Graziani (Fitness Club Nuova Florida); 2) Filippo Bacchetta (Judo Invorio); 3) Michele Comuzzi (Sport Team Udine) e Edoardo Perfetti (Fitness Club Nuova Florida)

90: 1) Paul Creata (Accademia Torino); 2) Jean Carletti (Judo Club Camerano); 3) Leonardo Carnevali (Judo Imola) e Ciro Sarnelli (Maddaloni Napoli)

+90: 1) Lorenzo Turini (Kumiai Torino); 2) Lorenzo Rossi (Sakura Arma di Taggia); 3) Dragos Bulat (Center Parma) e Andrea Palumbo (Harmony Roma)

Società: 1) Fitness Club Nuova Florida, 50; 2) Akiyama Settimo, 34; 3) Nippon Napoli, 20.

Comunicazione regionale, attive le nuove pagine web

Roma, 20 aprile 2018 – Da oggi quando si parla di comunicazione web federale non ci si limita al solo sito nazionale: sono, difatti, attivi i siti internet dei singoli Comitati Regionali FIJLKAM!
Siamo tutti in campo con la stessa maglia e se la maglia ha i colori della FIJLKAM vuol dire che il campo è sia il tatami del judo e del karate, che la materassina della lotta, ma anche la superficie sulla quale si praticano Aikido, Ju Jitsu, Sumo, Capoeira, Grappling e MGA, Pancrazio Athlima, S’istrumpa… insomma, stiamo parlando della comunicazione di tutte le nostre discipline federali svolte,oltre che a livello nazionale, anche sul territorio.
Dare voce e visibilità alle tante anime e iniziative locali è importante quanto pubblicizzare le iniziative nazionali e da oggi tutti potranno essere informati sulle tante e varie attività realizzate nelle Regioni. Grazie al grande impegno dei Responsabili nominati dai Comitati Regionali siamo all’inizio di un nuovo viaggio: tanto è stato fatto e tanto ancora è da fare, pertanto siete tutti invitiati a curiosare nei nuovi siti per vagliarne le potenzialità ed il funzionamento. Con l’unica avvertenza: sono siti in costruzione, pertanto i contenuti sono ancora in fase di implementazione.
Avvertiamo, infine, che i vecchi siti regionali rimarranno attivi a supporto dei nuovi per i prossimi mesi.

 E’ possibile scoprire i nuovi siti web regionali accedendo alla pagina “Comitati Regionali” del sito federale e cliccando sull’apposito link della Regione desiderata.

Buona navigazione!