vai al vecchio sito

Month marzo 2018

Brilla a Tula l’oro di Veronica Toniolo nell’European cadet Cup

Una medaglia d’oro e tre di bronzo per le cadette d’Italia che a Tula, nella prima giornata dell’European Cadet Cup, sono salite sul podio più volte d’ogni altra nazionale, eccezione fatta per la Russia padrona di casa. Primo posto per Veronica Toniolo nei 52 kg, terzo posto per Silvia Drago nei 44 kg, Carlotta Avanzato e Assunta Scutto nei 48 kg, in un torneo che conta 315 atleti in rappresentanza di 19 nazioni ed una bella soddisfazione per tutta la squadra. “Quest’anno gara di livello maggiore rispetto al 2017, le nostre hanno conquistato 5 finali e solo per il fatto che una è stata combattuta tra loro sono arrivate 4 medaglie. – ha commentato il Maestro Sandro Piccirillo – Grande prova di Veronica Toniolo che con autorevolezza e sicurezza ha vinto tutti gli incontri prima del limite. In finale con l’esperta mongola non ha mai avuto difficoltà, nonostante sia al primo anno della classe cadetti. Belle medaglie anche per Susy, Carlotta e Silvia, che hanno combattuto tutte molto bene. Peccato per Federica Silveri che è incappata in uno shime waza fortuito e viziato da un inizio palesemente sullla faccia, dopo aver marcato waza ari di ko uchi. Bella prova anche per Chiara Zuccaro che, anche lei giovanissima, si è classificata al quinto posto”. Di seguito il commento delle atlete salite sul podio. Veronica Toniolo: “Sono molto soddisfatta di questa medaglia. Volevo vincere e ci ho creduto fino alla fine. Ringrazio la mia famiglia, i miei compagni di palestra e in particolare mio Papà”. Silvia Drago: “È stata una bella gara, mi sentivo in forma, anche se non sono del tutto contenta del risultato ottenuto oggi, speravo di salire sul gradino più alto. Ho un po’ di amaro in bocca per l’incontro perso, ma mi rifarò”. Carlotta Avanzato: “Sono felice di questo risultato. Oggi mi sentivo abbastanza in forma ho dato il massimo ad ogni incontro anche se mi dispiace un pò per la semifinale. Per adesso il prossimo obbiettivo sono i campionati italiani e spero vadano bene”. Assunta Scutto: “Oggi mi sono classificata terza all’european Cup di Tula in Russia è stata una gara abbastanza tranquilla anche perché comunque ho una bella preparazione dietro peccato per la semifinale che comunque potevo vincerla ma comunque sono contenta di questa medaglia la dedico alle persone che mi sono state veramente vicino e al mio maestro”. Domenica in gara Giulia Frosoni (57) ed Erica Simonetti (+70).

Pordenone, applausi per i kata di Grand Prix e Criterium

Ostia, 26 marzo 2018. Con il Grand Prix ed il Criterium nazionale, Pordenone ha completato la ‘due giorni’ di competizioni dedicate al kata. La manifestazione, che ha fatto seguito all’EJU Kata Tournament, ha registrato la partecipazione di 58 coppie, di cui 11 delle 24 straniere che si erano già esibite il sabato. Queste le coppie vincitrici della tappa pordenonese del Grand Prix di kata, Nage no kata: Mauro Collini-Tommaso Rondinini (EMR); Katame no kata: Andrea Fregnan-Pietro Corcioni (VEN); Ju no kata: Giovanni Tarabelli-Angelica Tarabelli (TAA); Kime no kata: Enrico Tommasi-Giulio Gainelli; Goshin Jutsu: Marika Sato-Fabio Polo (FVG); queste invece, le coppie vincitrici della tappa pordenonese del Criterium nazionale di kata, Nage no kata: Gino Gianmarco Stefanel-Alessandro Cugini (FVG); Katame no kata: Paolo Giovanni Dorigo-Matteo Dorigo; Ju no kata: Marco Durigon-Benedetta Romeo; Kime no kata: Luca Cavecchia-Omar Pasquinuzzi (TOS); Goshin Jutsu: Ilaria Placidi-Nicola Placidi (SAR); Koshiki no kata: Ulla Loosen-Wolfgang Dax-Romswinkel (GER); Itsutsu no kata: Mauro Collini-Tommaso Rondinini (EMR); Randori no kata: Francesco Gritti-Federico Gritti (LOM).

Classifiche complete

L’8° dan di Palmiro Gaio il giorno dell’84° compleanno

È stato il pioniere che portò, assieme a pochi altri, la lotta giapponese (con il termine judo, al tempo, si doveva ancora prendere confidenza) in Friuli Venezia Giulia. È arrivato a Trieste e ha preso per mano la Ginnastica Triestina. Gli anni ’70 erano appena iniziati e, per la prima volta, arrivò in città Ken Otani, grande maestro giapponese che, per Palmiro Gaio, è stato l’insegnante ed ispiratore. È proprio di Palmiro Gaio che stiamo parlando, un punto di riferimento nella storia di questa disciplina, che potrebbe vantare titoli e qualifiche, anche se lui ha sempre tenuto un profilo composto, più propenso a riconoscere i meriti altrui che non i proprio. Maestro benmerito di judo, presidente onorario della federazione regionale (Fijlkam), nella sua lunga ed instancabile carriera ha cresciuto centinaia di atlete ed atleti, agonisti, amatori, giovani e giovanissimi, molti dei quali sono poi diventati tecnici e maestri a loro volta. Fra questi vale la pesa ricordare Monica Barbieri, grande campionessa, quindi insegnante con quella stessa Ginnastica Triestina che Palmiro Gaio ‘svezzò’ fino a quando scelse di fondare il Judo Club Ken Otani, un pensiero a quell’amato maestro scomparso il 31 marzo scorso a 97 anni. Ieri, Palmiro Gaio ha festeggiato il suo 84° compleanno, abbracciato da allievi di ieri e di oggi, amici e colleghi arrivati anche da fuori città. Per lui, sono arrivati due regali speciali. Unici! Una cintura nera firmata da Ken Otani, che il maestro giapponese spedì in Italia qualche giorno prima di andarsene. E poi la lettera della Fijlkam, datata 23 marzo, con il riconoscimento dell’ottavo dan. Un grado elevatissimo. Per il judo, nella nostra regione, è l’unico!

Miceli brilla a Sarajevo, è d’oro! Italia prima a Pordenone nel Nage e Goshin

Ostia, 25 marzo 2018. Primo posto a Sarajevo per Mattia Miceli che, con quattro vittorie nei 66 kg, ha messo al collo la medaglia d’oro nell’European Cup junior che registra la partecipazione di 270 atleti di 16 nazioni. Altre medaglie per gli atleti italiani sono state conquistate da Sofia Petitto, seconda con due vittorie nei 48 kg, quindi Mattia Martelloni e Liborio Basirico nei 55 kg, che si sono classificati rispettivamente secondo con una vittoria (proprio su Basirico) e terzo con due vittorie. Oggi in gara Luca Pigozzo nei 90 kg e Mohammed Lahboub nei 100 kg. Con due primi posti all’Italia ed alla Francia, uno alla Germania si è concluso invece l’EJU Kata Tournament a Pordenone, dove si sono confrontate 42 coppie di 7 nazioni. Oggi a Pordenone si disputa la prova valida per il Grand Prix di kata. Queste le coppie premiate per l’EJU Kata Tournament.

Nage no kata: 1) Mauro Collini-Tommaso Rondinini (Ita); 2) Stefano Cesana-Tommaso Campanella (Ita); 3) Fabrice Cardia-Ludovic Germa (Fra)

Katama no kata: 1) Nicolas Fourmaux-Jean Daniel N’Guyen (Fra); 2) Luciano Sgarzi-Francesco Lorenzetto (Ita); 3) Miriam Sikora-Christian Steinert (Ger)

Ju no kata: 1) Wolfgang Dax-Romswinkel-Ulla Loosen (Ger); 2) Emmnauel Wirtz-Armelle Woindrot (Fra); 3) Marco Calugi-Martina Calugi (Ita)

Kime no kata: 1) Michel Jeuffroy-Laurent Jeuffroy (Fra); 2) Enrico Tommasi-Giulio Gainelli (Ita); 3) Antonio Mavilia-Giovanni Gandolfo (Ita)

Goshin Jutsu: 1) Ubaldo Volpi-Maurizio Calderini (Ita); 2) Marika Sato-Fabio Polo (Ita); 3) Kamel Ben Tekfa-Alexis Lacroix (Fra)

Results_Pordenone_2018

Skorpionstage in arrivo, e c’è anche una gara di kata ed una lezione per aspiranti allenatori e preparazione dan

34° Skorpionstage. Da quando nel 2015 la dirigenza della A.S.D. Skorpion Pordenone dovette, per necessità, spostare lo storico stage internazionale di judo dal mare alla montagna, ogni edizione a seguire ha segnato dei sensibili aumenti di partecipazione grazie anche ad un’offerta tecnico-didattica di altissima qualità. Quella del 2018, che inizierà a Piancavallo giovedì 29 marzo e si concluderà domenica 1 aprile, si prospetta essere un’edizione con un livello tecnico eccezionale, forse il più alto in assoluto, con gli ospiti speciali: Hikari Sasaki (Giappone, campionessa olimpica 1988), Ilias Iliadis (Grecia, campione olimpico 2004 e tre volte campione del mondo), Georgii Zanataraia (Ucraina, campione del mondo 2009). Un esercito di oltre 350 judoka dai 12 anni alle classi master, si uniranno agli atleti della Nazionale Russa, presenti con quasi 40 judoka tra i quali spiccano campioni olimpici e mondiali, ad una rappresentativa Cecena, alla Nazionale Italiana cadetti, ai gruppi sportivi delle Fiamme Gialle e dei Carabinieri, ad alcuni tra i più quotati club italiani e alle rappresentative di alcune regioni italiane, sottolineando la grande eco che lo stage produce in termini di attrazione agonistica. Ma lo Skorpionstage non è rivolto solo alle fasce di età degli agonisti, ha anche la sessione dedicata ai più piccoli, ovvero ai nati tra il 2007 ed il 2011: quasi 300 piccoli judoka, provenienti da tutta Italia, che tra judo ed attività ludiche, potranno passare, in un contesto naturalistico di estrema bellezza, tre giorni all’insegna di sport & divertimento.

A breve verrà pubblicato il programma dei corsi regionali per aspiranti insegnanti tecnici e di preparazione alla graduazione 2018, in ogni caso il primo appuntamento è per il 31 marzo 2018 a Piancavallo, dalle 15 alle 17, nel Palazzetto dello Skorpion Stage con la prima lezione di “Nage no kata” del M° Maurizio Scacco.

Week end sul tatami a Sarajevo e Pordenone

Ostia, 22 marzo 2018. Riflettori puntati sui tatami a Sarajevo, per un’altra European Cup Junior ed a Pordenone, dov’è in programma invece l’EJU Kata Tournament il sabato ed il Grand Prix di kata la domenica. Sedici gli atleti italiani che saranno impegnati in Bosnia Erzegovina in un contesto di 293 atleti appartenenti a 17 nazioni, a Pordenone invece sono iscritte 44 coppie (19 italiane) appartenenti a 7 nazioni.

Nova Auxilia Sport Team ed il primo campionato italiano di Andrea, Lorenzo, Christian e Thomas

Campionati italiani Esordienti e Juniores di Lotta Greco Romana, sabato e domenica scorsi nel PalaPellicone a Ostia. C’erano anche i Master e la lotta libera Femminile, ma per il Friuli Venezia Giulia c’è stata soprattutto la Nova Auxilia Sport Team di Mortegliano con i suoi Esordienti, Andrea, Lorenzo, Christian e Thomas. Davvero enorme è stato il numero di lottatori presenti, i quali hanno dato vita a una competizione interminabile ma ricca di agonismo ed emozioni. La presenza poi di 3 campioni olimpici come Giuseppe Giunta, Luciano Ortelli e Salvatore Campanella, ha arricchito ulteriormente la manifestazione. A rappresentare i colori del Friuli Venezia Giulia in Italia, per la prima volta dopo decadi, c’era il team della Nova Auxilia Sport Team di Mortegliano del tecnico Martino Moroldo, con ben 4 atleti alla loro prima apparizione ufficiale nella categoria Esordienti. Nonostante l’inesperienza e la giovanissima età, Andrea Rivilli nei 57 kg, Lorenzo Cossio nei 48 kg e i fratelli Christian e Thomas del Prete, rispettivamente nella categoria dei 52 e 38 kg, non hanno avuto timore a scendere nell’arena e affrontare a viso aperto i loro avversari. L’esito degli incontri, dato l’elevato livello tecnico, è stato abbastanza scontato per i nostri. Quello che più conta però è stata l’esperienza acquisita. Il gruppo a questo punto può solo che migliorare e crescere. Il tempo e il lavoro speso dagli uomini e donne del team, saranno galantuomini! Conta anche, finalmente, avere una associazione sportiva con una base solida, con persone giovani e motivate, promotori di un progetto locale a lungo termine che mette al centro dei suoi obiettivi far conoscere la lotta in tutto il Friuli Venezia Giulia.

Toniolo, Vuk, Lahboub, tris d’argento per gli U21 FVG a Genova

Udine, 11 marzo 2018. Ancora Akiyama Settimo! Anche la seconda giornata del 30° Trofeo Genova Città di Colombo, quella riservata alla classe Juniores, ha visto il team piemontese in cima alla classifica. Positiva anche in questa classe la prova degli atleti del Friuli Venezia Giulia, che sono saliti sul podio con tre atleti, Elisa Toniolo (Ginnastica Triestina), argento 63 kg, Betty Vuk (Judo Tolmezzo), argento 78 kg e Mohammed Lahboub (Fenati Spilimbergo), argento 100 kg. Il medagliere complessivo per la trasferta FVG si attesta quindi a quota nove medaglie, tre d’oro, quattro d’argento, due di bronzo.

Genova_CA&JU

Woman’s day 2018

In occasione della giornata internazionale della donna, promossa dalla Fijlkam, si sono svolte in varie società della regione, gratuitamente, lezioni teorico pratiche sul “diritto di legittima difesa e di contrasto alla violenza di genere” aperte alle donne ed agli uomini di buona volontà., organizzate dal Presidente del Comitato regionale Fijlkam Claudio Valentini e dal Fiduciario regionale MGA Edoardo Reganzin

Si ringrazia gli insegnanti tecnici abilitati mga che con entusiasmo hanno partecipato all’iniziativa, e nella fattispecie per la provincia di Trieste Bellafiore Giuseppe, Lenassi Walter, Pintori Roberto, Tonini Paolo, Vitale Stefano e Reganzin Edoardo. Per la provincia di Gorizia Vitale Stefano, Collautti Annalisa e Rossi Antonio. Per la provincia di Pordenone Vignola Andrea.

Edoardo Reganzin

Fiduciario MGA FVG

De Luca, Kamano, Tavano, tris d’oro dei cadetti FVG a Genova

Udine, 11 marzo 2018. L’Akiyama Settimo si è nettamente aggiudicato il primato della classifica riservata ai cadetti al termine della prima giornata del 30° Trofeo Genova Città di Colombo, seconda prova Grand Prix. Con nove medaglie, 3 oro, 2 argento, 4 bronzo, il team torinese si è lasciato alle spalle tutte le concorrenti, Fitness Club Nuova Florida, seconda e Judo Club Leone, terza. Positiva la prova dei cadetti FVG che sono saliti sul podio in sei per tre primi posti con Giulia Italia De Luca (Ginnastica Triestina), oro 44 kg, Michelle Kamano (Dlf Yama Arashi Udine), oro 63 kg, Asya Tavano (Sport Team Udine), oro +70 kg, il secondo posto di Ludovico Urbani (Dojo Trieste), argento +90 kg e due terzi con Gabriele Zilioli (Judo Tamai), bronzo +90 kg e Francesco Cargnelutti (Dlf Yama Arashi Udine), bronzo 66 kg. Oggi in gara la classe juniores.

Classifiche