vai al vecchio sito

Day 12 dicembre 2017

Benemerenze Coni e Udine Campione, riconoscimenti per Toniolo e Ruberti

«Se il mondo dello sport nella nostra regione non è in crisi non è merito mio, ma delle 3 mila società sportive e delle migliaia di tecnici che lavorano ogni giorno con i nostri ragazzi, con la collaborazione degli enti e delle istituzioni che ci aiutano sempre». Queste le parole di Giorgio Bradolin, presidente del Coni del Fvg, che ha voluto e organizzato – assieme al Comune e in particolare con l’assessore comunale allo sport, Raffaella Basana – la cerimonia conclusiva di consegna delle Stelle, Palme e Medaglie d’oro al merito sportivo del Coni 2016 a dirigenti, tecnici e atleti friulani, che si è svolta ieri sera nel Salone del Parlamento del Castello di Udine. «La forza del movimento sportivo – ha aggiunto Brandolin – è la massa di ragazzi e ragazze che si impegnano, si allenano e giocano. Devono sapere tutti che il Coni regionale sarà sempre al loro fianco e presente sul territorio. Quello che ancora ci manca è l’impegno di qualche imprenditore che possa far tornare grande anche il basket a Gorizia, o la pallavolo nella nostra regione. Le società professionistiche, infatti, sono solamente tre, Triestina, Gsa e Udinese». Alla serata hanno partecipato rappresentati politici, sportivi e ospiti, che hanno consegnato i premi, come la Stella d’argento al Merito Sportivo, che è andata al dirigente Giancarlo Dal Forno (Figc), e quella di bronzo alla società Pattinaggio Fiumicello. Premio speciale anche per lo storico presidente della Pesistica Udinese, Marcello Zoratti. Le medaglie d’oro al Valore Atletico sono state assegnate alla campionessa mondiale di bocce volo-individuale Caterina Venturini, al campione mondiale di vela classe ORC, Samuele Nicolettis, a Silvia Stibilj, campionessa mondiale di pattinaggio artistico – solo dance, a Matteo Stroppolo e Vasco Vascotto, campioni mondiali di vela classe ORC. La Palma d’argento al Merito Tecnico è stata consegnata, invece, al ct della Nazionale di pattinaggio, Fabio Hollan, quella di bronzo a Giovanni Messina (calcio), a Valdi Medeot (basket) e a Raffaele Toniolo (judo). I premi “Udine Campione” e “Allori Sportivi” sono stati voluti dal Comune e ripristinati dall’assessore Basana, e sono stati attribuiti rispettivamente a Roberto Ruberti maestro di karate (Udine Campione), e a Roberto Piraino (scherma), Desirèe Rossit (atletica leggera), all’Associazione Sportiva Udinese (ginnastica artistica maschile) e all’associazione di atleti diversamente abili di sport olimpici, Fai Sport (Allori).

Simonetta d’Este (Messaggero Veneto – martedì, 12 dicembre 2017)