vai al vecchio sito

Month ottobre 2017

FIJLKAM TRIESTE – Stage grappling con Presidente FIGMMA

Trieste, 14 ottobre 2017. Oggi sabato 14 ottobre 2017, il presidente FIGMMA Francesco Saverio Longo ha tenuto a Trieste uno stage di 4 ore organizzato dall’ASCD Bear Brothers Club del Maestro Dario Zuliani. Il grappling è disciplina di lotta affiliata all’United World Wrestling  ed alla FIJLKAM, che ha demandato alla FIGMMA (Federazione Italiana Grappling e Mixed Martial Arts) l’organizzazione delle attività sportive. Allo stage erano presenti trentatre atleti per quattro ore consecutive di lotta; in materassina anche Marco Ferretti dell’ASD Grappling San Vito, già campione italiano e plurimedagliato in trofei internazionali di grappling.  L’organizzazione ha ricevuto i complimenti del Presidente Longo, per il visibile incremento numerico, miglioramento tecnico e spirito sportivo dei grappler coinvolti nell’iniziativa.

JUDO – Tre messicani a Pordenone, prima e dopo il Mondiale U21 a Zagabria

Udine, 11 ottobre 2017. Maestro di judo e fondatore dello Skorpion Pordenone assieme ad Enea Sellan ed ai fratelli Crozzoli, il 58enne Giancarlo Pizzinato vive ormai da qualche anno in Messico, dove segue le sue attività e intrattiene un rapporto di fiducia con la federazione judo. Questo il motivo per il quale, in occasione dello Stage internazionale che lo Skorpion organizza a Piancavallo durante le vacanze pasquali, fra i docenti dell’ultima edizione si è potuto conoscere l’eclettico Mario Paez, tecnico al servizio della nazionale messicana. Ed è per lo stesso motivo che fra qualche giorno, precisamente sabato 14 ottobre, arriveranno nella palestra dello Skorpion tre ragazzi, si chiamano Gilberto Cardoso, Jesus Torres e David Garfias e sono, rispettivamente, gli atleti della nazionale del Messico che gareggeranno nei 73, 81 e 90 kg ai campionati del mondo juniores a Zagabria. Un’opportunità per tutti, per questi tre ragazzi che conosceranno un angolo d’Italia e per chiunque avrà il piacere e la curiosità di conoscerli e confrontarsi con loro sabato allo Skorpion, mentre domenica parteciperanno al Judo in Piazza. Lunedì un altro allenamento allo Skorpion e martedì partenza per Zagabria, gare mondiali e quindi ritorno a Pordenone sabato 21 e, prima di ripartire per il Messico, dalle 19 alle 20.30 di lunedì 23 ottobre, allenamento aperto a tutti. Allo Skorpion ovviamente.

JUDO – Toniolo e Corte, oro e argento in Spagna al “Cidade de Vigo”

Trieste, 10 ottobre 2017. Veronica Toniolo e Marco Corte sono saliti sul podio in Spagna, in occasione del 22° torneo “Cidade de Vigo”, cui hanno partecipato 675 atleti. Per la spedizione della Ginnastica Triestina, guidata dal coach Monica Barbieri, il risultato della trasferta spagnola, valorizzato dalla medaglia d’oro di Veronica Toniolo nei 52 kg e quella d’argento di Marco Corte nei 55 kg, è stato eccellente e ha coinvolto tre atleti della fascia 2001-2003 che, dal prossimo anno, passeranno fra i cadetti. Se dopo una vittoria, Giulia Italia De Luca è stata sconfitta due volte ed è rimasta lontana dal podio, Veronica Toniolo è stata inarrestabile, inanellando una dopo l’altra ben sei vittorie. Gara molto convincente anche quella di Marco Corte che ha avuto accesso alla finale con quattro vittorie ed è stato sconfitto soltanto nella sfida valida per la medaglia d’oro.

 

L’Akiyama detta legge a Spilimbergo, il Fenati brinda con tutti

Udine, 9 ottobre 2017. Memorial Tiberi, Akiyama primo con 118 punti, Leanyvari secondo con 58. Mosaico, Akiyama primo con 50 punti, Leanyvari secondo con 48. Poi, a seguire, tutte le altre società che, con 350 atleti di 7 nazioni, sono arrivate a Spilimbergo per disputare i trofei del Fenati e per festeggiare i suoi sessant’anni. È stata una bella giornata di sport, con il sole e con la partenza di una gara ciclistica proprio adiacente il palasport con il judo che, Maria Grazia Perrucci ha descritto così: “Sono stati giorni intensi, con tante cosa da pensare, un pò all’ultimo momento, come mi capita di fare forse troppo spesso. I nuovi impegni federali sono entusiasmanti, ma anche pressanti e si vengono ad aggiungere all’attività internazionale che, in questo caso, ci hanno lasciati senza Elisabetta Fratini, impegnata con il tour IJF. Il Judo Club Fenati e i genitori hanno davvero fatto miracoli e un GRAZIE speciale va a loro! La concomitanza con una manifestazione ciclistica ha creato qualche problema logistico, fortunatamente alleggerito dalla splendida giornata di sole. Abbiamo colto l’occasione della presenza tanti amici per brindare ai 60 anni del club, con la partecipazione del Sindaco Francesconi e dell’avvocato Zannier, che assieme a Elio Fratini e Antonio Gurnari (attuale Presidente) sono stati tra i pionieri del Judo in Friuli. Anche questa è stata un’idea nata in forma “ufficiosa” e chiacchierando con Enzo e Milena qualche giorno prima della gara. Gli amici servono anche a questo, a farti fare qualcosa d’importante, anche se al volo!! La gara è andata bene, quasi 350 atleti 7 nazioni oltre all’Italia e, per tutti noi del Fenati, è stato un grande piacere poter accogliere così tanti amici”.

Brave le ragazze U13 del Team FVG al torneo “San Marino”

Udine, 7 ottobre 2017. Giulia Rossolato (48), Ilaria Cosenza (57) e Iole Alzetta (63) si sono classificate al primo posto nel quinto Torneo Internazionale femminile di judo “Repubblica di San Marino” che hanno disputato con la Rappresentativa Friuli Venezia Giulia nel Palazzetto Multi Eventi Sport Domus. Sul podio sono salite anche la formidabile Greta Zuzzi (48), che ha saputo farsi valere pur combattendo nella categoria superiore e Silvia Peressinotto (63) che ha superato Eva Castellani in una finale-derby FVG. Castellani si è quindi classificata al quinto posto, così come Carolina Zilioli (63), che non ha lesinato le sue energie. Nella classifica finale del torneo la Rappresentativa FVG si è piazzata quarta, alle spalle di Banzai Cortina, Rappresentativa Marche e l’imprendibile squadra della Lombardia capitanata da Cinzia Cavazzuti. Tutte le giovani atlete coinvolte hanno espresso felicità e grande soddisfazione per la bella esperienza fatta, ancora maggiore quindi, è stata la soddisfazione del Vicepresidente Judo Sandro Scano e del tecnico Sergio Polesel, che proprio per questo motivo e con questo scopo si sono messi a disposizione.

48: Rossolato Giulia (Polisportiva Montereale), prima nei 48 kg 

57: Cosenza Ilaria (Judo Kuroki Tarcento), prima nei 57 kg 

+63: Alzetta Iole (Polisportiva Montereale), prima nei 63 kg

44: Zuzzi Greta (Judo Kuroki Tarcento), terza nei 48 kg

63: Perissinotto Silvia (Sport Team Udine), terza nei 63 kg 

63: Castellani Eva (Yama Arashi Udine), quinta nei 63 kg 

63: Zilioli Caterina (Polisportiva Tamai), quinta nei 63 kg

Team Judo FVG in gara a San Marino con sette U13

Udine, 5 ottobre 2017. Greta Zuzzi ed Ilaria Cosenza del Kuroki Tarcento, Giulia Rossolato e Iole Alzetta della Polisportiva Montereale, Caterina Zilioli della Polisportiva Tamai, Eva Castellani del Dlf Yama Arashi Udine e Silvia Perissinotto dello Sport Team Udine. Sono i nomi delle giovani atlete che sabato 7 ottobre saranno impegnate nel Palazzetto Multi Eventi Sport Domus per difendere i colori della Rappresentativa Friuli Venezia Giulia nel Torneo Internazionale femminile di judo “Repubblica di San Marino”. La selezione FVG degli Esordienti A sarà capeggiata dal Vicepresidente Judo Sandro Scano e seguita dal tecnico Sergio Polesel.

Comunicazione dettagli Circolare 20/2017 Judo

Ostia, 5 ottobre 2017. Con riferimento alla Circolare 20 del 29 settembre u.s., vengono di seguito meglio dettagliate alcune procedure:

  • la documentazione da presentare all’accredito può essere in copia (compreso il documento d’identità);
  • la persona delegata non è necessario sia un tecnico o un dirigente sociale;
  • il body per il peso delle ragazze è assimilabile al costume da bagno intero (tipo da piscina).

Rammentiamo, ove fosse ancora necessario, che il peso indicato all’accredito non è più modificabile.

Trattandosi di fase sperimentale, per consentire a tutti di effettuare l’accredito limitando le spese per Atleti, Società Sportive e famiglie, per chi avesse difficoltà a delegare persone di fiducia, i Comitati Regionali di competenza nomineranno una persona di riferimento per la delega dell’accredito e creeranno un apposito account e-mail (vedi l’esempio del Torneo “Città della Mole”) per l’eventuale invio della richiesta di accredito e della documentazione.

Per l’accredito attraverso il Comitato Regionale (Piemonte per la prima gara in programma) è auspicabile inviare la documentazione e l’eventuale modifica del peso entro le 13.00 del giorno di accredito per poter pubblicare le liste aggiornate e consentire la verifica.

Di seguito i riferimenti operativi per il Torneo “Città della Mole”:

Trofeo “Città della Mole” 15 ottobre 2017

  • persona di riferimento: Patrizia Boscolo
  • e-mail a cui inviare la richiesta di accredito e la documentazione: accreditogpdellamole@libero.it  
  • termine per l’invio: sabato 14/10 ore13.00.

Auspicando di aver fornito i necessari chiarimenti, porgiamo cordiali saluti.

Il Segretario Generale

Massimiliano Benucci

Judo, Zannier, Fenati: amore a cinque stelle. E domenica a Spilimbergo ci sono ‘Mosaico e Tiberi’

Udine, 4 ottobre 2017. Domenica a Spilimbergo si disputerà un’altra edizione dei trofei di judo “Città del Mosaico” e “Memorial Tiberi” e, ancora una volta, la città verrà invasa da centinaia di atleti provenienti da ogni dove. Il primo ‘Mosaico’ risale al 1964 ed il ‘Tiberi’ è giunto alla 37esima edizione, ma la festa grande questa volta è per il Judo Club Gianfranco Fenati che compie 60 anni. Era il 1957 infatti, quando il Fenati Spilimbergo iniziò la sua gloriosa attività ed a ricordarlo è un socio fondatore piuttosto speciale, Giancarlo Zannier, che ha maturato anche 50 anni di carriera federale.

C’è un segreto per tutto questo?

“Non c’è nessun segreto, nessuna formula magica, ai Trofei del Fenati da sempre i judoka vengono numerosi da tutta Italia e dall’Estero, perché sanno di partecipare ad una manifestazione di judo sempre di ottimo livello, di sano agonismo, inserita in una atmosfera di amicizia e condivisione degli ideali sportivi. Sul tatami del Fenati sono salite generazioni di giovani che hanno trovato in questa Società il giusto ambiente sportivo per una sana formazione psico-fisica. Moltissimi, anche a distanza di anni, continuano a frequentare la palestra accompagnando i loro figli ed anche i loro nipoti, e molti quando hanno occasione di passare a Spilimbergo fanno una capatina in palestra per rivivere, attraverso le foto esposte in bacheca, i loro felici momenti sportivi. A mio avviso questo è il risultato più bello del Fenati: essere stato per decenni, ed esserlo ancora, un punto di riferimento per la gioventù dello spilimberghese”.

Il Fenati che fa 60 e Zannier 50 con la federazione, che storia è?

“Ho iniziato la mia “carriera” in Federazione preparando una lettera contro la conduzione di quel tempo, allora presieduta da Valente, per le Società della Regione. Eravamo al “Moretti” a Udine in Piazzale Venezia e c’erano tutti i Presidenti delle Società di allora. A Roma Addamiani mi ha accolto con un «Ecco qui il contestatore» e nel febbraio 1967 sono stato eletto Consigliere Federale, allora era la FIAP, per il judo. Sono passati 50 anni, vissuti come Consigliere e Vice Presidente, poi Componente della Commissione Federale d’Appello. Ho quindi vissuto tutti i momenti belli e quelli un po’ meno della nostra Federazione, ma sempre con entusiasmo, cercando di dare tutta la mia collaborazione per la crescita del judo. Mia moglie, Rosella, scherzando (ma anche no) dice sempre che lei è il mio secondo amore, il primo è il judo. Non è vero: sono entrambi i miei primi amori …”.

L’appuntamento è per domenica, a Spilimbergo, nel palazzetto dello sport in via degli Abeti. E l’avvocato Giancarlo Zannier, come sempre, ci sarà.

Argento mondiale a Olbia per Fabiana Fusillo e Cristiana Pallavicino

Olbia, 3 ottobre 2017. Fabiana Fusillo e Cristiana Pallavicino hanno conquistato la medaglia d’argento a Olbia, nella campionato del mondo riservato ai veterani che hanno partecipato numerosissimi, ben 1125 atleti da 52 nazioni. L’Italia, nella rassegna iridata organizzata in casa, ha dato il meglio di sé, scalando il medagliere fino ad un prestigioso primo posto cui hanno contribuito fattivamente anche Fabiana Fusillo, atleta di Buja che difende i colori del Kuroki Tarcento che si è classificata seconda nei 78 kg F4 e Cristiana Pallavicino del Dlf Yama Arashi Udine, che ha messo al collo l’argento nei 63 kg F7. “Sono molto soddisfatta – ha detto Fabiana Fusillo – ad un anno e mezzo dal mio ritorno alle gare, questo è il primo campionato del mondo cui partecipo e non mi posso lamentare. Anzi, questa medaglia la dedico a me stessa! Sì, questa volta faccio così, perché coniugare gli allenamenti con il lavoro e la famiglia non è stato per niente facile. Ed è un buon inizio!”. Fabiana e Cristiana si sono anche allenate assieme, soprattutto per questo mondiale e la condivisione di questo risultato è stato come un ulteriore collante, un momento di gioia e soddisfazione comune. “Sono contenta perché ho lottato bene – ha detto la Pallavicino – anche se ho perso con la solita Dufresne, mi sono piaciuta perché due li ho vinti bene, per ippon e con lei, la francese, ho davvero sfiorato la vittoria. Non sapevo se sarei riuscita ad esserci, ho avuto problemi con le mie zie in Brasile e se non fossi riuscita a risolverli non sarei potuta rientrare per gareggiare. È andata bene e con questa gara ho ritrovato la serenità”. Con le due medaglie d’argento conquistate da Fabiana e Cristiana, il Friuli ha partecipato anche con Stefano Perissinotto (Judo S.Vito), settimo negli 81 kg M3, Alberto Bertossi (73 kg M2), Alessio Marini (73 kg M1) e Davide Mauri (81 kg M3), tutti del Kuroki Tarcento.

A Salvatore Palillo il settimo oro italiano al Mondiale a Olbia

Olbia, 2 ottobre 2017. Sei, nove, undici. Terza giornata di gare nel campionato del mondo ‘Veterans’ a Olbia e la progressione dei Master azzurri non accenna a fermarsi. Sei le medaglie di sabato nella prima giornata, cui sono seguite, domenica altre nove. Nella terza giornata gli italiani impegnati nelle classi M4 e M5 hanno saputo fare ancora meglio, mettendo al collo addirittura undici medaglie. Una soltanto è stata d’oro, questo è vero, ma altri dieci azzurri hanno meritato l’onore del podio, cinque mettendo al collo la medaglia d’argento ed altri cinque quella di bronzo. Martedì è il turno delle nostre agguerritissime azzurre e c’è chi è disposto a scommettere che quest’incredibile progressione non si interromperà. Questo il dettaglio delle medaglie conquistate oggi: oro a Salvatore Palillo, 60 kg M5, argento a Fabrizio Murroni, 60 kg M4, Riccardo Santin, 73 kg M4, Giuseppe Ninfo, 90 kg M4, Andrea Giuseppe Leobono, 60 kg M5, Armando Vettori, 90 kg M5, bronzo a Melchiorre Emanuele Melis, 60 kg M4, Fausto Emilio Gobbi, +100 kg M4, Alessandro De Nardi, 60 kg M5, Francesco Saverio Tisi, 73 kg M5, Giampaolo Polenta, 81 kg M5. Questo invece, è il commento di Giuseppe Macrì, responsabile nazionale dei Master: “La penultima giornata ha regalato altre cinque finali all’Italia, ma una soltanto si è trasformata in oro, grazie al successo del siciliano Palillo, che ha superato in finale Leobono. Quest’oro ha permesso agli azzurri di salire un altro gradino nel medagliere, piazzandosi seconda alle spalle della Russia, ma davanti alla Francia. Ai quattro secondi posti sono da aggiungere anche cinque medaglie di bronzo, che hanno trasformato il palazzetto in una bolgia e, nonostante la sconfitta con lo svizzero, ha sostenuto il sardo Murroni fino all’ultimo”. Salvatore Palillo invece, ha detto: “Sono ritornato sul podio dopo Amsterdam e sono ritornato anche sul gradino più alto, un fatto questo che ripaga me e la mia famiglia per tutti i sacrifici”. Fabrizio Murroni, secondo nei 60 kg M4, ha detto invece: “Ci tenevo a vincere nella mia regione, ma ho sbagliato nel gestire l’incontro e lo svizzero è stato molto bravo a difendere il vantaggio finale”. “Un bronzo voluto e ottenuto con il cuore – è stato quello andato al collo di Giampaolo Polenta negli 81 kg M5 – La spalla uscita in semifinale, mi aveva fatto pensare che la mia gara era finita, ma il lavoro del dottore e il tifo dei miei compagni hanno fatto il miracolo”. Di bronzo anche la medaglia andata al collo di Francesco Saverio Tisi, nei 73 kg M5: “Ero venuto con altre velleità, ma considero il bronzo un grosso risultato, devo riconoscere, che non mi aspettavo un livello di gara così alto e il mio rientro alle gare, a cose fatte, lo considero un bel risultato”. “Grande attesa per la gara delle donne – ha concluso Macrì – che in questa edizione sono molte numerose”.

World Judo Championship Veterans 2017 Day 3