vai al vecchio sito

Day 27 ottobre 2017

JUDO-EDUCAZIONE: PRATICA CONTRO IL BULLISMO

Quest’anno l’ASD DOJO TRIESTE e in particolare Paola Sist (Presidente e IT), Ranieri Urbani (IT) e il dr. Massimiliano Tosolini (judoka e psicoanalista) hanno pensato che fosse propedeutico, per la crescita dei bambini e dei ragazzi, arricchire gli incontri di judo con alcuni dei principi del Kodokan che nel 1932 J. Kano declina presso l’Università della California del Sud in occasione della decima Olimpiade. Ci riferiamo in particolare alla questione della morale e dell’amicizia, intese come aiuto nella reciprocità. Non solo difesa personale, dunque, ma anche una formazione mentale che permetta ai nostri ragazzi di essere persone capaci di portare con loro, sin da piccoli, i valori dell’amicizia, della reciprocità e della difesa del più debole. La gestione della paura o dell’ansia trova supporto anche nella consapevolezza del proprio equilibrio fisico e nella coscienza di saper valutare ed evitare situazioni a rischio.

Nel progetto pilota proposto gli istruttori, affiancati dal dr. Tosolini, lavoreranno sulle risposte emotive derivanti da situazioni stressor quali l’incontro con la figura del prevaricatore, nello specifico il bullo. Nei corsi regolari di Judo che sono attivi presso il Dojo Trieste, i ragazzi apprenderanno una serie di strategie per evitare di essere “prede” dei bulli. Impareranno in primo luogo come chiedere aiuto agli adulti, come evitare il confronto e come negarsi in modo deciso alle attenzioni del bullo. Verrà loro insegnato che la paura è importante come il coraggio e che scappare, quando possibile, è un atto intelligente e non vile. Correranno, urleranno, rideranno e combatteranno perché loro hanno scelto di scoprirsi attraverso il judo e di condividere la fatica e la gioia con gli altri.

In piena sintonia con il tema del World Judo Day 2017, i proponenti credono fermamente che il coraggio sia un sentimento potente per superare paure e difficoltà, ma che sia meraviglioso quando nel coraggio del gruppo c’è accoglienza ed attenzione per tutti.

Dr.ssa Paola Sist, Prof. Ranieri Urbani, Dr. Massimiliano Tosolini