vai al vecchio sito

Day 26 agosto 2017

Mondiali Lotta, Chamizo vince l’oro nei 70 kg: è il primo italiano della storia

Parigi, 26 agosto 2017. Frank Chamizo non lascia scampo a nessuno. Il liberista azzurro vince il suo secondo titolo iridato: il primo nella categoria 65 kg, il secondo alle 20.52 di sabato 26 agosto a Parigi nei 70 kg. Frank lascia un segno indelebile nella storia della lotta italiana: è il primo a bissare un titolo iridato. Fra lui e il gradino più alto del podio c’era l’americano Green, che niente ha potuto contro quello che si conferma ormai uno dei lottatori più forti al mondo. La finale termina con un netto 8-0, 6 dei quali ottenuti di seguito nella seconda ripresa. Il caporal maggiore dell’esercito ha iniziato la sua giornata con il combattimento di qualificazione, non essendo testa di serie, poco dopo le 11 di questa mattina e ha vinto una semifinale tattica e nervosa poco prima delle 15, per poi mettersi al collo la medaglia d’oro mondiale in questa serata storica.

 
Frank Chamizo subito dopo la vittoria del titolo sullo statunitense Green REUTERS
 
 
Il percorso — I due combattimenti che fino a ora hanno richiesto più energie psicofiche al lottatore azzurro sono stati paradossalmente il primo, contro l’uzbeco Navruzov e l’ultimo contro l’ostico turco Gor. Testimoni ne sono i punteggi: Chamizo ha vinto la qualificazione 9 a 5, è poi passato a due nettissimi 12 a 0 negli ottavi e nei quarti. In entrambi i cappotti i combattimenti sono terminati prima del tempo disponibile per manifesta superiorità. In semifinale invece il primo round è stato molto teso, ed è terminato 1 a 0 per il turco Gor che ha beneficiato di un «activity time », sorta di ammonizione per inattività. Il secondo round vede scatenarsi l’azzurro che dimostra molta più fantasia nelle prese oltre che velocità ed aggressività. Il lottatore italiano si porta sul 5 a 1, l’incontro terminerà sul 5 a 2. La finale per il titolo parte tesa: un testa a testa nel tentativo di studiarsi, fino ai primi attacchi di Frank, uno dei quali va subito a segno portandolo in vantaggio per 2-0. Dopo il riposo ecco che la seconda ripresa parte ancora più concitata con l’azzurro che non si fa sfuggire nemmeno un’occasione da punto. È così che l’italocubano mette a segno altri 6 punti di fila e chiude per 8-0 il match. Frank è il nuovo Campione del Mondo della 70 kg. Lucio Caneva, team manager degli azzurri commenta cosi’ la prestazione di Chamizo : “Frank stava molto bene ed era carico. Eravamo tutti molto fiduciosi. Green è un atleta molto duro e statico, ma Chamizo è stato più forte”.
I Precedenti — Green e Chamizo si sono già incontrati due anni fa in un Gran prix spagnolo. Vinse lo statunitense per 3 a 2, punteggio che diede adito a parecchie discussioni. Questa sera è stato il tempo della rivincita per Frank e un appuntamento con la storia: è il primo italiano a bissare un titolo mondiale dopo quello di Las Vegas 2015.
I NUOVI CAMPIONI — Nei 65 kg la medaglia di bronzo europea Zurabi Iakobishivili (Geo) ha vinto il titolo contro il polacco Magomedmurad Gadzhiev per 3-1. Nei 74 kg il tre volte Campione del Mondo nonché medaglia d’oro di Londra 2012, Jordan Burroughs (Usa) ha battuto per 9-6 il Campione del Mondo 2014 dei 70 kg Khetik Tsabolov (rus). A chiudere la rassegna iridata parigina è toccato ad uno degli incontri più attesi nella storia della lotta odierna: le medaglie d’oro olimpiche di Rio 2016 Kyle Snyder (Usa) nei 97 kg e Abdulrashid Sadulaev (Rus) negli 86 kg, si trovano in finale per il titolo nei 97 kg. Ad avere la meglio, in una finale spettacolare e combattuta è il russo, già campione iridato 2014 e 2015 per 6-5.
RISULTATI65kg: 1. Iakobishivili (Geo), 2. Gadzhiev (Pol), 3. Gogaev (Rus), 3. Valdes Tobier (Cuba). 70 kg: 1. CHAMIZO (Ita), 2. Green (Usa), 3. Fujinami (Giap), 3. Tanatarov (Kaz). 74kg: 1. Burroughs (Usa), 2. Tsabolov (Aze), 3. Shabanov (Bie), 3. Demirtas (Tur). 97 kg: 1. Sadulaev (Rus), 2. Snyder (Usa), 3. Ketoev (Arm), 3. Alborov (Aze).
 Luca Endrizzi  (da Gazzetta.it)
Chamizo e Green (Usa) durante la finale per il titolo REUTERS