vai al vecchio sito

Day 10 luglio 2017

Dotazione ed utilizzo Defibrillatori

Facendo seguito alla nostra lettera del 27 giugno u.s., con la presente vi informiamo che il CONI, con nota del 4 luglio u.s., ha fornito alcuni importanti chiarimenti in merito all’oggetto, alla luce della pubblicazione delle “linee guida sulla dotazione ed utilizzo di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri dispositivi salvavita da parte delle Associazioni e delle Società Sportive Dilettantistiche” contenute nel decreto del Ministro della Salute del 26 giugno 2017, adottato di concerto con il Ministro dello Sport.

Come noto, le Associazioni e le Società Sportive Dilettantistiche, a decorrere dal 1° luglio 2017, hanno l’obbligo di dotazione ed impiego di defibrillatori semiautomatici ed eventuali altri dispositivi salvavita. Tale obbligo si intende assolto:

  1. a) attraverso l’utilizzo di un impianto sportivo che sia dotato di un defibrillatore semiautomatico o a tecnologia più avanzata;
  2. b) garantendo la presenza di un soggetto debitamente formato all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico o a tecnologia più avanzata, durante ogni gara che sia inserita nei calendari delle Federazioni Sportive Nazionali e delle DSA, nonché durante lo svolgimento di attività sportive con modalità competitive ed attività agonistiche di prestazione disciplinate dagli Enti di Promozione Sportiva e da altre Associazioni e Società Dilettantistiche.

In termini più concreti, quindi, le Associazioni e le Società Sportive Dilettantistiche dovranno accertarsi che l’impianto dalle stesse utilizzato per la loro attività abbia in dotazione un defibrillatore semiautomatico o a tecnologia più avanzata e, prima di ogni gara, attraverso un referente all’uopo incaricato, che lo stesso sia perfettamente funzionante e perfettamente manutenuto.

Inoltre, al fine di adempiere agli obblighi su di esse gravanti, le Associazioni e le società Sportive Dilettantistiche – in occasione di Gare dalle stesse organizzate all’interno degli impianti nei quali praticano la loro attività – dovranno accertarsi e garantirsi la presenza di una persona debitamente formata all’uso del defibrillatore o di altro dispositivo salvavita. Per persona “debitamente formata” si dovrà fare riferimento a quanto previsto dall’art.5, comma 7 del D.M. 24 aprile 2013. (Si ricorda l’opportunità di avvalersi dei Corsi organizzati dalla Federazione Medico Sportiva Italiana sul territorio)

Ciò chiarito, si precisa come, in caso di mancanza di dispositivo salvavita all’interno dell’impianto sportivo utilizzato dalle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche – ferme restando le responsabilità di natura civilistica e penale – è prevista l’impossibilità di svolgere attività sportiva all’interno dell’impianto medesimo, risultando quest’ultimo inutilizzabile.

Da ultimo, si evidenzia che l’obbligo di dotazione e impiego di defibrillatori semiautomatici ed eventuali altri dispositivi salvavita non trova applicazione per le gare che si tengano al di fuori degli impianti sportivi (sia coperti che scoperti) e per quelle attività sportive di cui all’Art. 5 comma 3 del D.M. 24 aprile 2013, nonché a quelle a ridotto impegno cardiocircolatorio, elencate nell’allegato A al decreto 26 giugno 2017 che, per comodità, viene allegato alla presente.

Cordiali saluti.

Il Segretario Generale

Massimiliano Benucci