vai al vecchio sito

Month maggio 2017

Venerdì 26 allo Skorpion Stage di Ne waza con Marino ‘Benemerito’ Marcolina

Udine, 18 maggio 2017. Marino Marcolina è stato per quattro volte campione d’Italia. Conquistò quattro titoli consecutivi, nel 1975 ad Ancona, con una finale negli 80 kg storica e straordinaria con Herbert Pramstaller, altoatesino scolpito nella pietra. Andarono a terra alla prima azione dell’incontro e lottarono senza tregua per quattro minuti almeno. Attacco e contrattacco continui, in sequenza, da lasciare senza fiato sia il pubblico ammutolito ed affascinato, sia l’arbitro ed i ‘giudici di sedia’, che mai osarono nemmeno pensare di interrompere quella lotta a terra assolutamente incredibile. La prevalenza di Marino, alla fine, ebbe la meglio e si manifestò con uno strangolamento al quale il grande ‘Pram’ non trovò soluzione. Si alzarono entrambi come avessero fatto soltanto un randori, si sistemarono il judogi e si strinsero le ‘manone’ senza cenni di gioia o disappunto. A bordo tatami, dove le avevano lasciate rivolte verso l’esterno in perfetto ordine, Marino infilò degli infradito di gomma, mentre Herbert calzò le pantofole. Quelle comode, da casa. Forse fu quel giorno del 1975 che nacque la ‘leggenda’ di Marino Marcolina sulla lotta a terra. Poi Marino conquistò il titolo anche nel 1976, sempre negli 80 kg, poi cambiarono le categorie e nel 1977 e 1978 vinse negli 86 kg. Le radici sulla leggenda di Marino però, affondano ben più lontano nei tempi della sua gioventù. Ma quella è un’altra storia… Perché quando Marcolina e Pramstaller dettero spettacolo, Marino aveva già 30 anni ed oggi, che quei titoli italiani e quelle sfide stellari sono soltanto un ricordo per chi ebbe la fortuna di vederle, l’età è salita a quota 72. Che compirà il 19 settembre. Per il Judo Italiano, Marino Marcolina è una leggenda ed uno dei più grandi specialisti di ‘lotta a terra’ e per il Friuli Venezia Giulia è anche un Maestro di Judo unico e speciale. Per festeggiare il riconoscimento di ‘Maestro Benemerito’ tributato dal Presidente federale Domenico Falcone, il Comitato Regionale in collaborazione con lo Skorpion Pordenone ha organizzato uno Stage di Ne waza diretto da Marino Marcolina venerdì 26 maggio nella palestra dello Skorpion con orario 20.15-21.30. La serata, cui tutti sono invitati, si completerà con un video ad hoc su Marino Marcolina, discorsi e festeggiamenti.

Relazione programmatica Presidente Brandolin quadriennio olimpico 2017-2020

Trieste, 18 maggio 2017. Si pubblica la relazione programmatica del Presidente Brandolin, relativa al quadriennio olimpico 2017-2020, modificata come da proposte pervenute in Comitato. La stessa è consultabile e scaricabile dal sito internet del Comitato regionale al seguente indirizzo

Trofeo Italia, Veronica Toniolo vince anche a Fidenza, terzi Medau, Corte, Urbani

Fidenza, 14 maggio 2017. Una medaglia d’oro e tre di bronzo sono andate al collo degli atleti triestini a Fidenza in occasione del Grand Prix Emilia Romagna, seconda prova valida per il Trofeo Italia 2017. La medaglia d’oro è andata a Veronica Toniolo, che ha conquistato così un altro primo posto nel circuito tricolore riservato agli Esordienti B che, dopo il successo del 30 aprile scorso nella prima prova a Martina Franca, l’atleta della Ginnastica Triestina ha confermato la sua superiorità anche nella seconda prova, a Fidenza. A questo punto la Toniolo guida in perfetta solitudine la graduatoria tricolore dei 52 kg. Sul podio a Fidenza sono saliti anche Manuel Medau e Tina Corte per la Ginnastica Triestina e Ludovico Urbani per Dojo Trieste. Quattro le vittorie della Toniolo nei 52 kg, ma quattro vittorie le hanno allineate anche Tina Corte nei 48 kg e Manuel Medau nei 66 kg ed Emma Stoppari, quinta nei 44 kg, che hanno portato la Ginnastica Triestina fino al quinto posto della classifica generale per società. Sul podio a Fidenza è salito anche Ludovico Urbani, terzo nei +81 kg per i colori del Dojo Trieste.

Brandolin presenta la nuova squadra di Udine, Talotti: “rimanere grandi”

Udine, 12 maggio 2017. Il secondo quadriennio di Giorgio Brandolin da presidente del Coni FVG passa anche dal coinvolgimento di figure come Alessandro Talotti, olimpionico di salto in alto che ha accolto di buon grado il testimone per guidare il Coni Point di Udine. Ed è stata fatta proprio nella Casa dello Sport Friulano la presentazione di Talotti al mondo sportivo udinese che è accorso numerosissimo, al punto da lasciare anche molte persone in piedi nella sala conferenze nella Curva Sud della Dacia Arena, che ospita il Coni, numerose federazioni sportive e, a breve, arriveranno anche la federazione medico sportiva ed il Museo dello Sport Friulano. “Grazie per essere intervenuti in così tanti – ha detto Alessandro Talotti nel suo intervento di presentazione – accolgo di buon grado questo ruolo per mettere a disposizione dello sport un’esperienza che, da atleta prima e da dirigente nei quattro anni passati, auspico possa essere utile a portare sempre più in alto lo sport della provincia di Udine e rimanere grande, com’è sempre stata”. All’incontro ha preso parte anche il Vicario Ermes Canciani e Raffaella Basana, assessore allo sport del Comune di Udine che ha colto l’occasione per sensibilizzare associazioni, federazioni ed enti presenti a partecipare alla presentazione (13 giugno, da confermare) della Carta Etica dello Sport della Città di Udine, approvata all’unanimità (con un solo astenuto) dal Consiglio Comunale del 23 febbraio scorso. Cose fatte e progetti da completare sono stati poi presentati da Giorgio Brandolin, che ha valorizzato anche l’ampia presenza della nostra regione nel consiglio nazionale del Coni appena eletto con Andrea Marcon, Daniele Molmenti, Margherita Granbassi, Valentina Turisini e, come rappresentante degli atleti nel CIO, Manuela Di Centa. “Siamo discretamente rappresentati”, ha puntualizzato Brandolin che poi ha presentato anche il Fiduciari terrritoriali, tutti presenti, Livio Nonis, Mario Gasparetto, Ermanno Scrazzolo, Gabriella Paruzzi e Bruno Mongiat. “Il loro compito – ha aggiunto Brandolin – è quello di coinvolgere il territorio per portare poi tutti i problemi all’attenzione per cercare di risolverli”. Ma si è parlato anche dei contributi regionali per le manifestazioni top, di quelli ex-provinciali, di sostegno allo sport per le famiglie disagiate, del contributo per il Talento Sportivo (80mila euro) e quello per le Squadre di vertice (200mila), del Movimento in 3S e dei defibrillatori, il 30 giugno scadrà la proroga. Ne arriverà un’altra? Sembra sia già stata chiesta.

Un’opportunità eccezionale, fra un mese l’EJU Judo Festival a Porec

Udine, 12 maggio 2017. Il 4° EJU Judo Festival, in programma a Porec, in Croazia, dal 10 al 18 giugno prossimi, si propone con un’edizione davvero speciale. Ad un mese dall’inizio dell’evento, che include una serie di proposte estremamente interessanti (EJU Seminar “Improve Your Club”, Kids U18 Family Camp, Womens judo get together, 4th European Science of Judo Research Symposium, 3rd Scientific and Professional Conference) l’appuntamento affacciato sullo splendido mare della Croazia rappresenta anche un momento ideale per preparare il campionato d’Europa cadetti, che si svolgerà a Kaunas (30 giugno-2 luglio), oltre ad essere una grande opportunità di incontro, confronto, crescita e conoscenza per chiunque abbia il piacere di esserci. Chi ci sarà? Ha già aderito la squadra russa con 150 atleti, e fra questi ci sono i cadetti in preparazione degli Europei, ma anche gli Under 23 ed i Senior maschi e femmine. E poi ci sarai tu…

Allenamento Interforze Judo a Ostia aperto a cadetti, junior e senior

Ostia, 9 maggio 2017. Si comunica che presso il Centro Olimpico FIJLKAM “Matteo Pellicone” di Ostia è organizzato un allenamento Interforze nei giorni 15, 16, 17 maggio e 22, 23, 24, 25 maggio, con le sessioni di allenamento che si svolgeranno dalle 17 alle 19. L’allenamento è aperto agli Atleti delle classi Cadetti, Juniores, Seniores con il grado minimo di cintura nera 1° Dan ed ai Tecnici che seguiranno i propri Atleti. Per la partecipazione è necessario che le Società Sportive inviino preventivamente all’indirizzo email judo.amatoriale@fijlkam.it una lista nominativa dei partecipanti. Si specifica che non è possibile usufruire del vitto e dell’alloggio presso il Centro Olimpico FIJLKAM. Si pregano i Comitati Regionali di voler dare la più ampia diffusione alla presente comunicazione.

Judo, karate e ju-jitsu, Tarvisio capitale delle arti marziali

Tarvisio è stata per tre giorni la capitale mondiale delle Arti marziali. All’internazionale 7° Cisa Symposium, che s’è concluso ieri con la disputa della Cisa Children Cup, hanno partecipato oltre mille e cento persone, fra atleti d’ogni età e maestri delle discipline, in rappresentanza di una decina di nazioni, fra le quali la delegazione giapponese, portando anche animazione nelle strutture ricettive e nei ristoranti del comprensorio turistico, attività che hanno avuto una «boccata di ossigeno», per prendere in prestito le parole dell’assessore Igino Cimenti, in un periodo di bassa stagione, a cavallo fra il periodo invernale e quello estivo. Solo ieri, nell’ultima giornata, sono stati protagonisti 500 giovani allievi, giunti in Valcanale dalla nostra e da altre regioni italiane, nonchè da Austria e Slovenia. Ed è stato proprio entusiasmante vedere in azione questi ragazzi ben preparati, nell’affollato palazzetto dello sport. Il sindaco Renato Carlantoni nell’occasione ha voluto ringraziare gli organizzatori dell’evento, la Nuova Cisa Asd, per aver elevato la manifestazione che contribuisce a far conoscere Tarvisio nel mondo, a una dimensione internazionale. Carlantoni ha espresso l’augurio che Tarvisio possa continuare ad essere sede dell’iniziativa anche negli anni a venire. Andrea Cainero, presidente del comitato organizzatore, ha a sua volta ringraziato gli sponsor e ha riconosciuto il ruolo dell’amministrazione comunale che con lungimiranza, ha patrocinato e sostenuto l’iniziativa, ideata dal maestro Marco Cavalli, rendendo atto all’operato del sindaco e degli assessori Igino Cimenti e Renzo Zanette. Il simposio, uno dei maggiori eventi organizzati in Italia, era stato aperto venerdì, con il seminario del mattino sulla difesa personale e la gestione della sicurezza nelle città, coordinato dall’ex comandante della Polizia Municipale di Udine Sergio Bedessi. Nel pomeriggio s’era svolta la dimostrazione pratica di 110 rappresentanti delle Forze dell’ordine. Nella giornata centrale di sabato, sempre sui tatami del palazzetto dello sport, lo stage mondiale di Judo, Ju Jitsu e Karate, con almeno 500 atleti d’ogni eta, concluso con gli esami internazionale di Dan. Grande soddisfazione anche per i partecipanti, in particolare fra l’ottantina di maestri partecipanti, che hanno avuto modo di mettere a confronto le loro scuole. (Giancarlo Martina – Messaggero Veneto, lunedì 8 maggio 2017)

La relazione del Presidente. Il Palasport di Tarvisio ha raccolto nello scorso fine settimana oltre mille praticanti di Arti Marziali convenuti al 7° World CISA Symposium. Si tratta di un seminario che coinvolge varie tipologie delle cosiddette Arti Marziali, organizzato annualmente dalla Nuova CISA ASD diretta dal Presidente Andrea Cainero e dal DT Marco Cavalli. L’evento si è svolto in collaborazione con il Comune di Tarvisio e della Regione Friuli Venezia Giulia. Alle celebrazioni di domenica 7 maggio, che hanno chiuso la tre giorni marziale, sono intervenuti il Sindaco Renato Carlantoni, l’Assessore Igino Cimenti e il neo Presidente FIJLKAM Friuli Venezia Giulia Claudio Valentini. Durante gli indirizzi di saluto, Marco Cavalli ha rivolto particolari ringraziamenti a tutti i partecipanti, all’ente di promozione sportiva CSEN rappresentato da Giuliano Clinori e alla FIJLKAM regionale presente all’evento con i Settori Judo, Ju Jitsu e MGA. Parole di gratitudine sono state rivolte anche al Past President Enzo de Denaro. La delegazione FIJLKAM FVG, era inoltre composta dai Vicepresidenti dei Settori Judo e Karate, Sandro Scano e Roberto Ruberti. La manifestazione ha vantato la presenza di molti maestri italiani esteri che si sono coordinati nell’insegnamento delle proprie discipline. Tra questi è spiccata la mitica Sensei giapponese Keiko Wakabayashi che ha dedicato l’intera vita allo studio delle Arti Marziali. Keiko, nata ad Osaka nel 1931 e discendente da una famiglia di Samurai, ha la particolarità d’insegnare tecniche di difesa personale ai Paracadutisti della Folgore di Livorno. Esperta di Ju Jutsu Kashima Shin Ryu, la Wakabayashi ha iniziato lo studio delle discipline marziali nel 1940, “collezionando” negli anni innumerevoli graduazioni tra le quali l’8° Dan Nihon Budo Kenshyu. Approdata in Italia nel 2001 per raggiungere la figlia Yoko, in Patria è stata una cantante lirica che desiderava diventare pianista. Dotata di un’efficacia e capacità fisiche sorprendenti, l’arzilla ottantaseienne è la dimostrazione vivente di come il Budo non sia legato alla pura forza fisica o alla giovane età, bensì a un percorso di pratica della “Via” che dura tutta la Vita. Accompagnatore d’eccezione della maestra, l’immancabile Giancarlo Bagnulo, 7° Dan di Ju Jitsu, componente della Commissione Internazionale Ju Jitsu istituita dalla FIJLKAM. Presenti per la FIJLKAM regionale anche il Fiduciario MGA Edoardo Reganzin e l’esperto di Toyama Ryu Yamaguchi Ha Iaido Ferdinando Madeddu. 

Roitero e Mortal sul podio ai Tricolori juniores, Toniolo settima a Ploiesti

Ostia, 7 maggio 2017. Francesca Roitero ha conquistato la medaglia d’argento nei +78 kg e Nicola Mortal quella di bronzo negli 81 kg nel PalaPellicone a Ostia, dove si sono disputati i campionati italiani riservati alla classe juniores. Per entrambi si è trattato di una conferma, piacevole ovviamente, in quanto sia la portacolori dello Skorpion Pordenone che l’atleta del Dlf Yama Arashi Udine sul podio tricolore Under 21 ci sono saliti anche l’anno scorso, entrambi sul terzo gradino. Il risultato per gli atleti del Friuli Venezia Giulia è ancora una volta positivo, e sarebbe potuto essere anche migliore se i due quinti posti, uno dell’azzanese Mariasole Momentè nei 63 kg, l’altro del pordenonese dello Skorpion Alberto Ciardo negli 81 kg, si fossero trasformati in qualcosa di più. E se la sfida per il bronzo di Alberto Ciardo è stata un ‘derby friulano’ con Nicola Mortal, e non avrebbe modificato la contabilità nel medagliere FVG, il rimpianto dell’atleta del Judo Azzanese è per una semifinale che meritava più di quanto le è stato riconosciuto. Una gara degna di nota è stata anche quella del triestino Riccardo Moratti (Ginnastica Triestina) che in una categoria, i 73 kg, con sessanta atleti ha disputato 6 incontri, ne ha vinti 4 e si è classificato al settimo posto. Un settimo posto di buon auspicio è stato anche quello ottenuto a Ploiesti da Elisa Toniolo nell’European Cadet Cup, con 517 atleti di 27 nazioni, che ha siglato il rientro, dopo un anno tribolato dagli infortuni, con cinque combattimenti e tre vittorie. Una vittoria a Ploiesti l’ha ottenuta anche Francesco Cargnelutti, del Dlf Yama Arashi Udine, nei 55 kg.

Europei di kata a Malta, Sato e Polo d’oro anche nell’Open

Pembroke, 7 maggio 2017. Marika Sato e Fabio Polo hanno vinto la medaglia d’oro a Pembroke, in occasione del campionato d’Europa di kata. E più precisamente nella gara Open del Kodokan goshin jutsu, replicando così il primo posto della prima giornata ottenuto nella fascia Over 47. Il successo della coppia friulana è stato accompagnato anche da quattro medaglie d’argento, che sono andate al collo di Mauro Collini-Tommaso Rondinini nel nage no kata, Andrea Fregnan-Stefano Moregola nel Katame no kata, Giovanni Tarabelli-Angelica Tarabelli nel Ju no kata, Ubaldo Volpi-Maurizio Calderini nel Kodokan goshin jutsu, completate poi dal terzo posto ottenuto nel Judo Show dal team sardo composto da Nicola Placidi, Ilaria Placidi, Ruben Nannazzu, Thomas Amadu, Andrea Sau. Il totale delle medaglie conquistate dall’Italia nelle due giornate è salito dunque a quota 13, tre d’oro, nove d’argento, una di bronzo, nella gara Open le medaglie d’oro hanno premiato cinque nazioni diverse, Romania, Belgio, Germania, Francia, Italia, mentre le tre medaglie d’oro assegnate dall’European Judo Cup (nage no kata3G, katame no kata1G, Judo Show) sono andate tutte alla Francia. Al campionato hanno partecipato 110 coppie e 3 team in rappresentanza di 19 bandiere europee che si sono distribuite complessivamente 66 medaglie e sono state sei le nazioni che si sono spartite il ‘bottino’ delle 15 d’oro messe in palio dal campionato d’Europa, Italia, Francia, Germania e Romania con tre ciascuna, il Belgio con due e l’Olanda con una.

Classifiche Open

Nage no kata: 1) Iulian Surla-Aurelian Fleisz (Rou); 2) Mauro Collini-Tommaso Rondinini (Ita); 3) Erik Faes-Niels Neumann (Ned)

Katame no kata: 1) Nicolas Gilon-Jean Philippe Gilon (Bel); 2) Andrea Fregnan-Stefano Moregola (Ita); 3) Juan Pedro Goicoechandia-Roberto Villar (Esp)

Ju No kata: 1) Wolfgang Dax-Romswinkel-Ursula Loosen (Ger); 2) Giovanni Tarabelli-Angelica Tarabelli (Ita); 3) Zaharia Alina-Cheru Alina (Rou)

Kime no kata: 1) Michel Jeuffroy-Laurent Jeuffroy (Fra); 2) Stephane Bega-Gergory Marques (Fra); 3) Joern Stermann-Sinsilewski-Volker Degenhart (Ger)

Goshin Jutsu: 1) Marika Sato-Fabio Polo (Ita); 2) Ubaldo Volpi-Maurizio Calderini (Ita); 3) Juana Puigserver-Llorenc Gaya (Esp)

Classifiche European Judo Cup

Nage no kata 3G: 1) Victoria Kraska-Dylan Meddour (Fra); 2) Andreas Ber-Christoph Eidinger (Ger); 3) Emilie Arnal-Jessie Vinette (Fra)

Katame no kata1G: 1) Evan Couderc-Julien Couderc (Fra); 2) Vanessa Wenzl-Sophie Binder (Aut); 3) Katia Zunic-Lucija Zunic (Cro)

Judo Show: 1) Olanda; 2) Belgio; 3) Italia (Nicola Placidi, Ilaria Placidi, Ruben Nannazzu, Thomas Amadu, Andrea Sau)

Judo, Campionati Italiani Cadetti – Riccione, 3 e 4 giugno 2017

Ostia, 4 maggio 2017. Si informa che sul sito federale sono pubblicate informativa ed elenchi atleti qualificati di diritto al Campionato Italiano Cadetti.  Si invitano le Società Sportive a segnalare tempestivamente qualsiasi anomalia. Gli atleti qualificati attraverso la Ranking List possono comunicare la propria categoria di peso (per quanto riguarda gli atleti presenti in due categorie) e l’eventuale NON partecipazione in modo da consentire il recupero di altri atleti entro martedì 9 maggio. Dopo tale data la lista non potrà più essere modificata. Si comunica inoltre che, in deroga al PAAF 2017, il Consiglio di Settore ha stabilito che l’orario della seconda fascia di peso femminile venga anticipato di mezz’ora, che sarà quindi domenica dalle 10:30 alle 11:30.  

Cordiali saluti, Roggi Fabio

Area Sportiva/Ufficio Gare Judo