vai al vecchio sito

Day 28 settembre 2016

Aria olimpica a Spilimbergo nel Città del Mosaico e Memorial Tiberi

Udine, 28 settembre 2016. L’aria di Rio arriva fino a Spilimbergo ed a portarcela, in occasione dei Trofei Città del Mosaico e Memorial Tiberi in programma domenica, è proprio Elisabetta Fratini, spilimberghese doc reduce dalla sua seconda esperienza olimpica di IJF event runner. “Anche quest’anno i tornei organizzati dal Judo Club Fenati aprono il calendario stagionale – ha detto Elisabetta Fratini – e per me è diventato quasi un privilegio riuscire ad essere presente alle manifestazioni che 52 anni fa mio padre Elio ideò accompagnandole poi a diventare delle ‘classiche’ del judo regionale conosciute in molti paesi europei”. Le grandi capacità di Elisabetta, unite a quelle di Maria Grazia Perrucci, ‘event runner’ del Mosaico-Tiberi oltre che del Judo FVG ed all’esperienza di lungo corso del presidente del Fenati Toni Gurnari, che ben rappresenta tutti i volontari del club, rendono l’appuntamento a Spilimbergo uno dei più amati dai judoka regionali e non solo, considerando che nonostante le concomitanze sempre più numerose in Italia ed all’estero, gli atleti in gara saranno più di trecento provenienti da cinque nazioni. “Grande assente – ha precisato la Perrucci – sarà la forte e numerosa squadra ungherese del Leanyvari, che negli ultimi anni ha sempre vinto il prezioso trofeo in mosaico che, anche in quest’occasione, è stato realizzato dal Maestro mosaicista Rino Pastorutti”. E mentre Elisabetta Fratini sarà a Trieste per partecipare ai festeggiamenti riservati ad olimpici e paralimpici organizzati da Coni e Regione FVG, sabato la macchina organizzativa del Fenati sarà già operativa, ospitando in collaborazione con la Federazione Regionale una sessione del corso di aggiornamento per insegnanti tecnici che vedrà salire in cattedra, oltre a Clara Serrao e Monica Barbieri, il maestro Pierangelo Toniolo, tecnico dell’Akiyama Settimo che ha formato tanti campioni, fra i quali c’è anche l’oro olimpico a Rio Fabio Basile. Le gare, che si svolgeranno nel rinnovato Palazzetto dello sport a Spilimbergo, inizieranno alle 9.30.

36-memorial-tiberi citta-del-mosaico

Sette coppie azzurre a Malta per l’ottavo Mondiale di kata

Udine, 28 settembre 2016. Sette coppie azzurre sono pronte per la sfida iridata alla quale sono attesi a Gzira (Malta) circa 300 delegati di 30 nazioni. L’appuntamento è per sabato e domenica (1-2 ottobre) nell’University Sports Pavilion in occasione dell’ottava edizione del Campionato del Mondo di kata. La rassegna iridata dedicata alle cinque forme (Nage no kata, Katame no kata, Ju no kata, Kime no kata, Kodokan Goshin-Jutsu) approda quindi per la seconda volta a Malta, dopo che sull’isola mediterranea fu ospitata la prima edizione nel 2009 ed in quell’occasione furono venticinque le nazioni che parteciparono. Queste le coppie che difenderanno il prestigio del kata azzurro, Mauro Collini e Tommaso Rondinini nel Nage no kata, Andrea Fregnan e Stefano Moregola, Stefano Proietti e Alessandro Varazi nel Katame no kata, Laura Bugo e Carlotta Checchi nel Ju no kata, Andrea Giani Contini e Giuseppe Distefano nel Kime no kata, Marika Sato e Fabio Polo, Marco Dotta e Marco Durigon nel Kodokan goshin Jutsu, Capodelegazione è Stefano Stefanel, gli Arbitri, Giovanni Strazzeri, Luigi Crescini, Gian Piero Gobbi, Antonio Ferrante. Il programma di sabato: inizio alle 9 con i preliminari di Nage, Katame e Ju no; finali alle 15; domenica: inizio alle 9 con i preliminari di Kime e Kodokan; finali alle 14.30. Lunedi (9-12 e 15-18) e martedì (9-12): kata training camp.