vai al vecchio sito

Day 11 settembre 2016

Brilla l’Italia nel test match pre mondiale a Tarcento, Croazia in crescita

Udine, 11 settembre 2016. È stata l’Italia ad aggiudicarsi la sfida pre-mondiale di kata che si è disputata a Tarcento. E, come da pronostico, l’appuntamento internazionale che ha messo a confronto la squadra azzurra con la Croazia, ha dato un risultato favorevole ai padroni di casa, che si sono imposti in quattro kata fra i cinque in competizione. La manifestazione, che ha assegnato la trentaduesima edizione del Memorial Fusillo ed è stata organizzata dal Judo Club Kuroki, è stata allestita proprio con l’idea del test-match in preparazione dei campionati del mondo di kata in programma a Gzira (Malta) l’1-2 ottobre ed in questo senso ha lasciato ampiamente soddisfatta la squadra italiana, guidata in questo caso da Monika Piredda, ma anche la Croazia, team in crescita. Una giuria qualificata e composta dagli arbitri mondiali Giosuè Erissini, Carlo Camparo, Giuliano Casco e Slavisa Bradic, ha espresso nei cinque kata i seguenti punteggi, Nage no kata: 1) Mauro Collini e Tommaso Rondinini, 419; 2) Matteo Martini e Alberto Gainelli, 387; 3) Matija Jug Dujakovic e Marijan Kraljevic, 378; 4) Gregor Jakovic e Nadija Nekic, 355; Katame no kata: 1) Andrea Fregnan e Stefano Moregola, 411; 2) Stefano Proietti e Alessandro Varazi, 405; 3) Ana Kvolik e Donna Vadlja, 394; Kime no kata: 1) Andrea Giani Contini e Giuseppe Distefano, 523; 2) Enrico Tommasi e Giulio Gainelli, 509; 3) Krunoslav Milanovic e Ivica Kosta, 461; Ju no kata: 1) Zoran Grba e Sandra Ursicic, 402; 2) Giovanni Tarabelli e Angelica Tarabelli, 399; 3) Marco Calugi e Martina Calugi, 396; 4) Lucija Zunic e Mia Mira Kukavina, 376; Kodokan Goshin Jutsu: 1) Marika Sato e Fabio Polo, 553; 2) Marco Dotta e Marco Durigon, 514; 3) Ivica Kosta e Rene Petrovic, 453; 4) Davor Marinic e Zdenko Grgetic, s.p. Oggi, dalle 9 alle 12, Monika Piredda, componente della commissione nazionale di kata, dirige lo stage di Koshiki no kata con la collaborazione di Marika Sato.