vai al vecchio sito

Day 13 dicembre 2015

Assoluti femminili, a Torino l’unica conferma è di Romina Passa

Torino, 13 dicembre 2015. Romina Passa si è aggiudicata il tricolore dei 48 kg nel PalaRuffini a Torino. Il titolo dei 48 kg fra l’altro, è stato l’unico che ha confermato la stessa leader del 2014, ed a questa si aggiunge la curiosità che le quattro atlete sul podio sono tutte romane, due del Fitness Club Nuova Florida e due del Banzai Cortina. Per la 21enne torinese Fabiola Pidroni è arrivato invece il primo titolo assoluto grazie alla vittoria nella finale dei 52 kg ottenuta per sanzioni su Valentina Tomaselli, mentre Martina Lo Giudice è ritornata al vertice dei 57 kg con un o uchi gari che ha sorpreso Maria Centracchio nei primi secondi della finale. La 24enne siciliana conquistò il suo primo tricolore a Verona 2012. È stata la 25enne bresciana Francesca Busto ad aggiudicarsi il titolo nei 63 kg, superando in finale Alessia Regis a causa di un infortunio che poi tale non era. Per la Busto è la quinta medaglia agli Assoluti, ma per la prima volta è d’oro. Nei 70 kg è stata Carola Paissoni che si è aggiudicata il titolo superando in finale Eleonora Ghetti e per la 21enne torinese, che ha detto: “il tatami è il miglior modo per dimostrare quanto si vale”, si è compiuto l’importante passo, dall’argento 2014 all’oro 2015. L’oro nei 78 kg invece è andato al collo di Linda Politi, 23enne che vanta già tre terzi posti agli Assoluti, e che è riuscita a ribaltare l’esito della finale con uno shime waza che non ha lasciato scampo alla brava Lucia Tangorre. La torinese Rita Ughetti si è imposta infine nei +78 kg al termine di una finale lampo vinta su Luna Coppola. Nella classifica per società l’Akiyama Settimo si è piazzato al primo posto (32 punti) precedendo Fiamme Oro (32) e Banzai Cortina Roma (30).

Classifiche. 48: 1) Romina Passa (Fitness Club Nuova Florida); 2) Francesca Milani (Banzai Cortina Roma); 3) Simona Pollera (Banzai Cortina Roma) e Alessia Ritieni (Fitness Club Nuova Florida); 52: 1) Fabiola Pidroni (Centro Sportivo Torino); 2) Valentina Tomaselli (Akiyama Settimo); 3) Giulia Pierucci (Judo Castelletto) e Anna Bartole (Ginnastica Triestina); 57: 1) Martina Lo Giudice (Fiamme Gialle); 2) Maria Centracchio (Fiamme Oro); 3) Giulia Caggiano (Banzai Cortina Roma) e Monica Iacorossi (Carabinieri); 63: 1) Francesca Busto (Akiyama Settimo); 2) Alessia Regis (Carabinieri); 3) Giorgia Dalla Corte (Dojo Equipe Bologna) e Simona Abate (Fiamme Oro); 70: 1) Carola Paissoni (Kumiai Torino); 2) Eleonora Ghetti (Mestre 2001); 3) Margherita Truglia (Fiamme Oro) e Chiara Carminucci (Akiyama Settimo); 78: 1) Linda Politi (Carabinieri); 2) Lucia Tangorre (Fiamme Oro); 3) Melora Rosetta (Akiyama Settimo) e Ilaria Silveri (Banzai Cortina Roma); +78: 1) Rita Ughetti (Sakura Favria); 2) Luna Coppola (Fitness Club Nuova Florida); 3) Debora Sala (Fortitudo Reggio Calabria) e Natasha Di Fabio (Kodokan Chieti).

Assoluti a Torino, per Napoli è poker d’oro con Faraldo, Parlati, Esposito, D’Arco

Torino, 12 dicembre 2015. La Capitale europea dello Sport 2015 ha rimescolato le carte ed i tricolori assoluti maschili assegnati nel PalaRuffini a Torino hanno cambiato padrone in cinque categorie su sette. Si sono confermati Elios Manzi (60) e Alessio Mascetti (+100), il più leggero ed il più pesante, ma anche il più giovane (19) ed il più anziano (27) fra i sette neo-campioni. È il arrivato il primo tricolore assoluto invece per Davide Faraldo (21 anni) nei 66 kg, Enrico Parlati (23) nei 73 ed Antonio Esposito (21) negli 81, mentre Vincenzo D’Arco (25), quarto napoletano d’oro, ha ritrovato il successo nei 100 kg (già ottenuto nel 2013). Quarto tricolore assoluto per Giovanni Carollo (26), ma il primo nei 90 kg, categoria orfana di Walter Facente, che ha gareggiato nei 100 kg infortunandosi al ginocchio. Poca fortuna anche per Elio Verde nei 73 kg, eliminato. Domenica è il turno delle categorie femminili. Classifiche. 60: 1) Elios Manzi (Fiamme Gialle); 2) Angelo Lanzafame (Titania Catania); 3) Andrea Ferretti (Cus Siena) e Michael Raso (Accademia Torino); 66: 1) Davide Faraldo (Nippon Napoli); 2) Salvatore Mingoia (Carabinieri); 3) Diego Cressi (Fiamme Azzurre) e Fabio Basile (Esercito); 73: 1) Enrico Parlati (Fiamme Oro); 2) Renè Villanello (Akiyama Settimo); 3) Augusto Meloni (Fiamme Oro) e Emanuele Bruno (Fiamme Gialle); 81: 1) Antonio Esposito (Fiamme Azzurre); 2) Massimiliano Carollo (Fiamme Azzurre); 3) Luca Poeta (Fiamme Oro) e Alessandro Bergamo (Akiyama Settimo); 90: 1) Giovanni Carollo (Carabinieri); 2) Nicholas Mungai (Akiyama Settimo); 3) Lorenzo Todini (Kodokan S.Angelo) e Antonio Saponaro (Kyai Ostuni); 100: 1) Vincenzo D’Arco (Fiamme Gialle); 2) Giuliano Loporchio (Fiamme Gialle); 3) Claudio Pepoli (Preneste Castello) e Davide Pozzi (Besanese); +100: 1) Alessio Mascetti (Carabinieri); 2) Fabio Dell’Anna (Fiamme Oro); 3) Valerio Menale (Fitness Club Nuova Florida) e Andres Felipe Moreno (Fiamme Gialle).