vai al vecchio sito

Day 2 ottobre 2015

Grande judo nel fine settimana a Spilimbergo

Udine, 2 ottobre 2015. È un appuntamento con il judo di alto livello quello in programma sabato e domenica a Spilimbergo. Si tratta dei tradizionali tornei organizzati dal Judo Club Fenati, il Memorial Tiberi giunto ormai all’edizione numero 35 ed il Trofeo Città del Mosaico, il primo ad aver girato la boa del mezzo secolo in Friuli Venezia Giulia, ed ancora una volta affolleranno il palazzetto dello sport di via degli Abeti nella giornata di domenica. Ma è d’alto livello anche l’attività in programma sabato (dalle 17 alle 19) con l’allenamento di judo femminile condotto da Cinzia Cavazzuti, grande atleta oggi 42enne, che ottenne un quinto posto alle Olimpiadi a Sydney ed un settimo ad Atene, oltre ad un oro e tre bronzi agli europei. Si tratta di un circuito di allenamenti riservati alle classi femminili che tocca diverse città dell’Italia settentrionale ed arriva a Spilimbergo per il secondo appuntamento cui sono attese un centinaio di atlete. Alle 17 di sabato, ma nella palestra del Fenati, si terrà anche una lezione del Maestro Walter Argentin sul ‘tachi waza’ che sarà organica al corso regionale per il passaggio di grado. Un altro week end particolarmente impegnativo per il Fenati Spilimbergo dunque, che soltanto sabato scorso aveva organizzato la staffetta 6 per un’ora. Quasi duecento le atlete iscritte al 35° Memorial Tiberi, centottanta gli atleti che saranno impegnati nel Città del Mosaico, per un totale ancora una volta importante, a sfiorare le quattrocento unità, ma la novità questa volta è nell’assenza del Leanyvari, la rappresentativa ungherese che dal 1995, ha sempre partecipato e quasi ininterrottamente vinto uno dei due trofei, se non entrambi. Fra le assenze spicca anche quella di Mohammed Lahboub, il portacolori del Fenati che domenica scorsa si è leggermente infortunato a Trento, in occasione del campionato italiano a squadre cadetti di A2 che ha vinto gareggiando come prestito per la Ginnastica Triestina. A contendersi i trofei realizzati dalla scuola di mosaicisti di Spilimbergo ci sarà il team della Svizzera guidato da Alberto Borin, numerosi club da Croazia e Slovenia e numerosissimi club italiani ed in particolare del Friuli Venezia Giulia, che hanno l’obiettivo di trovare un posto sul podio, sul quale l’anno scorso salirono soltanto team stranieri, Leanyvari, Bezigrad e Sankaku Celje.