vai al vecchio sito

Day 27 settembre 2015

Tricolori a squadre, per la Ginnastica Triestina è tris d’oro

Trieste, 27 settembre 2015. Tre titoli italiani in un giorno solo. Questo è stata in grado di fare la Ginnastica Triestina a Trento, in occasione del campionato italiano a squadre in cui le formazioni biancocelesti guidate da Monica Barbieri e Raffaele Toniolo hanno messo a segno una straordinaria doppietta in serie A2, conquistando sia il titolo maschile sia femminile, per ottenere poi un terzo titolo con la squadra femminile, che si è dimostrata la migliore di tutte anche in A1. “Siamo soddisfattissimi – ha detto Raffaele Toniolo – perché se, per quanto riguarda la squadra femminile, eravamo consapevoli delle potenzialità e quindi sapevamo che avremmo potuto ottenere un risultato eccellente, con la squadra maschile siamo andati invece oltre ogni limite, hanno disputato sette incontri e sono stati bravissimi”. Cristina Visentin, Denise Lorenzoni ed Elisa Toniolo sono state strepitose e con il rinforzo di Arianna Stacco e Betty Vuk hanno sbaragliato il campo in A2 con le vittorie sul Fitness Club (3-2) e Nippon Napoli (3-2) ed affermarsi poi anche in A1 con i successi sul Pro Recco (4-1) ed in finale sul Kumiai Torino (3-2). Ventisette le squadre al via nella A2 maschile e per Emanuele Dante, Erik De Luca, Riccardo Moratti, Daniele Smolars ed i prestiti Matteo Turco e Mohamed Lahboub, è stato necessario vincere cinque incontri (Castelverde, Pro Recco, Judo e Movi-mente, Judo Grosseto, Ok Imperia), cedendo poi in A1 con il Nippon Napoli al secondo turno e con il Banzai Cortina Roma nei recuperi. Hanno gareggiato a Trento anche la muggesana Marta Palombini, in prestito con il Mestre 2001, con il quale ha ottenuto un buon quinto posto nella A2 junior-senior e Sebastiano Villatora dello Spartan, che ha rinforzato il Dojo Udine nel torneo junior-senior maschile di A2 classificandosi al nono posto. In evidenza fra i team regionali anche Kuroki Tarcento, Dlf Yama Arashi Udine, entrambe quinte nella A2 junior-senior rispettivamente maschile e femminile ed il Dojo Udine, quinto nella A2 cadette.

Trofeo Coni, la festa finale celebra la vittoria del Piemonte

Trieste, 27 settembre 2015. Ieri sera, presso il villaggio GETUR di Lignano, la grande festa finale con migliaia di ragazzi, ha celebrato la vittoria del Piemonte che si é aggiudicato il Trofeo CONI 2015, davanti al Veneto (secondo) ed al Lazio (terzo e vincitore lo scorso anno). Dopo una giornata intensissima di competizioni e gare, fino alla sera, nel piazzale principale del centro turistico, si sono riunite tutte le delegazioni nell’attesa del party e della proclamazione del vincitore ufficioso. Alle 21.30 il presidente regionale CONI Giorgio Brandolin, insieme all’assessore comunale Massimo Brini ha annunciato il podio con i nomi delle 3 regioni, invitando a ritirare un ricordo il capo della delegazione piemontese. Durante la cerimonia, sono state anche premiate le 3 foto più originali del concorso realizzate da ragazze dell’Umbria e della Puglia. Brandolin, salutando tutti i ragazzi, tecnici, accompagnatori, presidenti regionali e consiglieri nazionali, ha voluto ringraziare, in primis, gli oltre 150 volontari, l’ufficio scolastico regionale di cui molti insegnanti hanno offerto la loro disponibilità, dimostrando capacità ed entusiasmo, i tanti rappresentanti delle federazioni ed associazioni sportive, la Regione Friuli Venezia Giulia e le varie amministrazioni locali, tutta la comunità e le realtà coinvolte lignanesi, i partners privati e l’intero comitato organizzatore dell’evento, fatto di poche persone ma estremamente qualificate. E’ stata una grandissima ed emozionante festa dello sport che ha coinvolto oltre 3000 ragazzi under 14 (per oltre 4000 persone complessive) che hanno gareggiato in varie discipline di 33 federazioni in 20 strutture ed impianti sportivi regionali. Il Friuli Venezia Giulia, ha concluso il presidente, si é dimostrato anche in questa circostanza, all’altezza della situazione ed il messaggio che abbiamo voluto lanciare sin dall’inizio, con il tour della fiaccola partito dal sacrario militare di Redipuglia (in occasione del centenario dell’entrata dell’Italia nella grande guerra), é stato recepito e divulgato sul campo da tutti i ragazzi: il Trofeo CONI 2015 é stato un inno alla vita, alla gioia, alla pace ed alla fratellanza. Questo é lo sport!

Trofeo CONI 2015: il video della giornata di sabato 26 – cliccare QUI