vai al vecchio sito

Day 9 aprile 2015

Team FVG al primo posto nel Torneo a Kufstein

Trieste, 9 aprile 2015. È stata una trasferta positiva quella che la squadra regionale ha fatto lo scorso fine settimana in Austria in occasione del Torneo a Kufstein, gara che ha registrato la partecipazione di atleti da Austria, Italia, Polonia, Ungheria, Olanda, Germania, Svizzera, Repubblica Ceca. “È stata un’ottima esperienza per tutti e molto positiva la doppia gara per le ragazze – ha detto il DT regionale Monica Barbieri, coadiuvata in gara dal coach Daniele Blancuzzi – con le più brave che hanno doppiato tutte, infatti anche la gara U16 è stata piuttosto impegnativa”. I risultati ottenuti da Cristina Visentin (U16 3°-U18 1°), Elisa Toniolo (U16-U18 1°), Beatrice Musizza (U16-U 18 3°), Denise Lorenzoni (U18 1°), Elisa Forte (U18 1°), Riccardo Lagni (U18 2°), Giovanni Rosso (U18 2°), Emanuele Smolars (U18 7°) hanno consentito al Team Friuli Venezia Giulia di classificarsi al 1° posto ed aggiudicarsi il premio di 500 euro.

Karate in festa per gli 80 anni del Maestro Salvatore Mileto

Trieste, 8 aprile 2015. Senso di gratitudine, riconoscenza e grande ammirazione, sono i sentimenti ricorsi negli auguri rivolti al Maestro Salvatore Mileto, 6° Dan di karate FIJLKAM ed aderente alla Scuola di Stile Italia Shotokai Karate Do, che il 7 aprile 2015 ha raggiunto l’importante  traguardo degli ottant’anni. I fedeli allievi, i tecnici, i dirigenti del club e gli amici, si sono riuniti nella stessa giornata direttamente sul parquet di allenamento del Karate Club Trieste per festeggiarlo con affetto. Mileto, figlio di un sottufficiale dei carabinieri, nasce a Postumia Grotte (già territorio italiano) il 7 aprile 1935. Il Presidente e Direttore Tecnico dell’ASD Karate Club Trieste fondata nel 1976, attualmente ricopre il grado di 6° Dan benemerito della FIJLKAM concesso “Motu proprio” con decorrenza 1 gennaio 2001 dal compianto Presidente Matteo Pellicone su indicazione del fratello Giuseppe, già Vice Presidente del settore karate e segnalazione del Vice Presidente Regionale di settore Dott. Roberto Ruberti. Il decano dei maestri di karate triestini, prima di praticare karate è stato campione di body building, raggiungendo il titolo di Mister Italia 1959. Classificatosi quarto ai campionati europei svolti in Francia nel ‘61, detiene tuttora la qualifica d’insegnante tecnico per questa disciplina. Attratto dall’alone di mistero e imbattibilità che lo circonda, Salvatore inizia a praticare karate nell’ottobre del 1967 a Trieste, quando tale arte marziale era pressoché sconosciuta. Luciano Padoan, all’epoca istruttore dell’unico club cittadino operante nella palestra della scuola Fornis di Via Vasari, guida i primi passi di Salvino (come lo chiamano gli amici più cari) in quella che poi risulterà essere la grande passione della sua vita. Agli esordi lo stile praticato è lo Shotokan, mentre in seguito si prendono contatti con il maestro giapponese Tettsuji Murakami, che inizia a recarsi regolarmente a Trieste per tenervi i durissimi seminari della poco conosciuta scuola Shotokai. Mileto ottiene il 1° Dan nel 1972 a Roma e la qualifica di aspirante maestro nel ’73 a Porto Recanati in seno alla FIK presieduta a quel tempo dall’avvocato Augusto Ceracchini. Dopo il distacco da Padoan, Salvatore assume la direzione tecnica della società Tora No Kai, mentre nel 1976 con la collaborazione di alcuni associati tra i quali un giovanissimo Claudio Valentini, fonda l’attuale ASD Karate Club Trieste. L’associazione è da sempre legata alla federazione ufficiale di karate sotto egida del CONI, alla quale è rimasta fedele durante tutti i cambi di denominazione fino all’attuale FIJLKAM. Il club diretto da Mileto, è uno dei pochi ad aver conservato negli anni rapporti continuativi con i mitici maestri giapponesi, seppure seguendo parallelamente le evoluzioni metodologiche e scientifiche trasmesse dal Prof. Pierluigi Aschieri 8° Dan, Direttore Tecnico Federale FIJLKAM e Docente CONI di fama internazionale. Mileto a ottant’anni suonati non si stanca mai di ribadire ai suoi allievi, che il karate non è solo una forma di lotta a mani nude, ma soprattutto una scuola di vita e comportamento, in cui non bisogna mai perdere di vista gli scopi principali che il Karate-Do persegue, secondo i quali corpo e mente vanno sviluppati assieme con forte tenacia e spirito d’umiltà. (Claudio Valentini)

IMG_1793 IMG_1795