vai al vecchio sito

Day 15 marzo 2015

Oro a Casablanca per Elisa Marchiò, Rio 2016 non è più così lontana…

Casablanca, 15 marzo 2015. Elisa Marchiò ha conquistato la medaglia d’oro. E se questo colore suscita sempre un certo effetto, la medaglia è di quelle che pesano e, soprattutto, le consentono di avvicinarsi al sogno olimpico di Rio. È la prima volta che Elisa Marchiò si mette al collo l’oro internazionale a questi livelli internazionali e l’opportunità è stata data dall’African Open a Casablanca, torneo valido per la qualificazione olimpica che ha registrato la partecipazione di 266 atleti da 34 nazioni. La ventiduenne triestina che difende i colori del Centro Sportivo Esercito, ma continua ad essere seguita dai suoi tecnici di sempre, Monica Barbieri e Raffaele Toniolo, ha confezionato la sua gara perfetta mettendo a segno due k.o. che l’hanno promossa in finale mantenendo intatte o quasi tutte le energie. Dopo aver saltato il primo turno perchè testa di serie, Elisa Marchiò ha preso le misure sulla marocchina Khadija Benghanem, che aveva precedentemente eliminato la francese Anne M Bairo, liquindandola in due minuti, ma il vero exploit è stato nel match successivo, valido per l’accesso in finale con Aydana Nagorova, russa dalla quale la triestina è già stata sconfitta poco più di un anno fa. Battaglia durissima, nessuna delle due cede e le sanzioni, tre alla Marchiò, una soltanto alla Nagorova, stanno per assegnare la vittoria all’atleta russa quando, a trenta secondi dal termine, con un colpo a sorpresa Elisa a ribaltato l’esito della partita, chiudendola. Le energie messe da parte sono state preziosissime per aggiudicarsi la finale che l’ha messa di fronte alla polacca Katarzyna Furmanek, decisa dalle sanzioni a favore della triestina. ”Sono davvero felice – ha detto la Marchiò al termine della finale – è la mia prima medaglia del 2015, è la mia prima medaglia d’oro in un torneo che dà punti per le Olimpiadi ed è un passo concreto verso una qualificazione che potrebbe non essere poi così lontana“.2015 03 15 Elisa Marchio 1

I risultati del Grand Prix a Pordenone, 32° Trofeo Villanova

Pordenone, 15 marzo 2015. Cinquantanove coppie impegnate in sette kata hanno dato vita alla prova del Grand Prix a Pordenone, il 32° Trofeo Villanova agganciato all’Eju Kata Tournament. I tedeschi campioni del mondo Wolfgang Dax-Romswinkel-Ulla Loosen, che nel torneo europeo di sabato si sono aggiudicati il primo posto nel Ju no, si sono cimentati nel Koshiki superando Stefano Proietti-Alessandro Varazi, infaticabile coppia umbra che ha gareggiato anche nell’Itsuzu (primo posto) e nel Katame (secondo). Le coppie dell’Emilia Romagna e del Veneto hanno messo a segno quattro primi posti rispettivamente con Mauro Collini-Tommaso Rondinini (Nage), Laura Bugo-Carlotta Checchi (Ju no) e Andrea Fregnan-Stefano Moregola (Katame), Marco Dotta-Marco Durigon (Goshin jutsu), e se i lombardi Rocco Romano-Gaetano Castanò hanno replicato il successo ottenuto sabato nel Kime, nel Katame è stato l’intero podio che si è replicato nelle medesime posizioni ottenute in occasione dell’EJU Kata Tournament. Il Memorial Bisi a Reggio Emilia (1 maggio) è il prossimo appuntamento con il Grand Prix, mentre sulla strada che porta agli Europei c’è ancora l’EJU Kata Tournament a Tours (18 aprile).

Classifiche

Nage: 1) Mauro Collini-Tommaso Rondinini (Emilia-Romagna); 2) Stefano Cesana-Tommaso Campanella (Lombardia); 3) Michele Battorti-Stefano Bucer (FVG);

Katame: 1) Andrea Fregnan-Stefano Moregola (Veneto); 2) Stefano Proietti-Alessandro Varazi (Umbria); 3) Walter Sella-Sergio Rizzi (Piemonte);

Kime: 1) Rocco Romano-Gaetano Castanò (Lombardia); 2) Andrea Giani Contini-Giuseppe Distefano (Toscana); 3) Sofia Roncone-Katia Scapazzoni (Liguria);

Ju no: 1) Laura Bugo-Carlotta Checchi (Emilia-Romagna); 2) Alessandro Gavin-Giovanni Enriore (Piemonte); 3) Marco Calugi-Martina Calugi (Toscana);

Koshiki: 1) Wolfgang Dax-Romswinkel-Ulla Loosen (Germania); 2) Stefano Proietti-Alessandro Varazi (Umbria)

Goshin Jutsu: 1) Marco Dotta-Marco Durigon (Veneto); 2) Marika Sato-Fabio Polo (FVG); 3) Gianluca Della Valentina-Michele Capparella (Veneto)

Itsuzu: 1) Stefano Proietti-Alessandro Varazi (Umbria); 2) Sergio Rizzi-Walter Sella (Piemonte); 3) Mourad El Mehdi-Mauro Bisi (Emilia-Romagna)