vai al vecchio sito

Day 8 giugno 2014

L’irresistibile curiosità di provare tutti gli sport è GameOpen a Trieste

Trieste, 7 giugno 2014. Ore nove e trenta di sabato otto giugno, partito il GameOpen con settecento atleti. È iniziata così la Giornata Regionale dello Sport a Trieste, ma non è stata una gara perchè per tutti, atleti ed aspiranti tali, è scattata l’irresistibile voglia di provare tutti gli sport che si sono messi a disposizione della città e del pubblico regionale sulla splendida spianata che si affaccia sul mare Adriatico e risponde al nome di Piazza dell’Unità d’Italia. Ed è stato un pubblico di tutte le età, sorridente e colorato per un’ampia partecipazione in una giornata di sole e sport a misura di tutti coloro avessero avuto il piacere e la curiosità di cimentarsi. E sono stati in tantissimi a farlo, in particolare giovani e giovanissimi che, oltre a chi è venuto per esibirsi, non ha saputo resistere al desiderio di provare nuove emozioni e sensazioni. Fin dal primo mattino dunque, Piazza dell’Unità d’Italia si è rapidamente riempita e dato vita al “GameOpen”, il Grande Gioco aperto a tutti per celebrare il centenario del Comitato Olimpico Nazionale, in programma in tutta Italia domenica 8. Ma Trieste, questa volta, ha giocato d’anticipo allestendo la Giornata Regionale dello Sport con il coinvolgimento di tutti, federazioni, società sportive, atleti, dirigenti, istituzioni e, soprattutto, tanti, tantissimi curiosi che non hanno resistito al desiderio di provare, ciclismo, ginnastica, hockey, canottaggio, atletica leggera, tennistavolo, vela, judo, karate, ju jitsu, aikido, kendo, taekwondo, orientamento, scacchi, wushu, kung fu, jing tao, flag fot ball, presenti anche le federazioni cronometristi, medico-sportiva ed il comitato paralimpico. Si è ballato, e non solo danza sportiva, con musica e speaker a dare il giusto ritmo ad una mattinata intrisa di sorrisi e serenità. Stanco, ma felice è Renato Milazzi, il delegato del Coni Point Trieste cui l’intera organizzazione ha fatto capo: “C’è da essere soddisfatti – ha detto – perché la partecipazione è stata davvero notevole, ma il coinvolgimento di giovani e giovanissimi nelle diverse proposte sportive è stato molto positivo, diverse le federazioni che in base alle richieste d’informazioni che sono state chiamate a dare, mi hanno riportato dei feed back positivi”.  Presenti anche i giovani dei Ricreatori comunali, la rappresentanza giovanile della Comunità Italiana dell’Istria e gli incontri amichevoli di mini volley e mini basket per una vera festa di sport, applaudita e salutata fra gli altri da Igor Dolenc vicepresidente della provincia di Trieste e Giorgio Brandolin, presidente del Coni Fvg.

CONI 1

Memorial Savron all’Austria, terzi gli udinesi Serano Gomez e Giorgione

Trieste, 7 giugno 2014. Austria più forte di tutte. E l’undicesima edizione del Memorial Mauro Savron di lotta stile libero che si è disputata a Trieste è stata conquistata dalla forte selezione nazionale austriaca, che ha centrato il successo pieno alla prima partecipazione nel torneo triestino. Nove atleti in gara e nove medaglie al collo, tre d’oro, tre d’argento, tre di bronzo e l’Austria con 63 punti ha preceduto i Vigili del Fuoco “Billi” di Pisa, 46 punti con dieci atleti ed i Vigili del Fuoco “Sorgini” di Roma, 29 punti con sei atleti. Onore sulla materassina anche per i Vigili del Fuoco “Ravalico” Trieste, organizzatori della manifestazione in collaborazione con il Comitato Regionale Lotta, il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, il Comune di Trieste, con il terzo posto nel 6° campionato italiano dei Vigili del Fuoco, che è stato abbinato al Memorial e ha assegnato la fascia tricolore ai pisani del Billi che hanno preceduto i romani del Sorgini. A livello individuale buone prove dei triestini Gianmarco Corazza, quinto nei 97 kg junior-senior ed Egidio Sia, settimo nei 65 kg junior-senior e, fra i regionali, in evidenza i portacolori del Lotta Club Udine con gli junior-senior Jeannis Serano Gomez, terzo nei 61 kg, Leonardo Giorgione, terzo nei 70 kg, Darlis Contreras Berroa, quinto nei 65 kg, Michele Cancedda, quinto nei 74 kg, per un bel settimo posto assoluto fra le società. Soddisfatti Fabio Savron e Sauro Bacherotti, responsabile organizzativo e della federazione regionale lotta, per aver coronato con successo anche l’undicesima edizione della manifestazione che, nel tener viva la memoria del lottatore e vigile del fuoco Mauro Savron, vuole anche sostenere questo sport nobile che proprio a Trieste ha piantato radici profonde.

RISULTATI