vai al vecchio sito

Month maggio 2014

Report del CSKS sul 13° Trofeo Città di Monfalcone

Monfalcone, 20 maggio 2014. E sono tredici le edizioni del Trofeo Città di Monfalcone di karate, organizzato dal Centro Studio Karate Sportivo al palasport di via Rossini, che ha visto la presenza di 200 atleti in rappresentanza di 17 società sportive provenienti da tutta la Regione e dal Veneto. La formula di gara, che ha lo scopo di avviare alle competizioni i bambini e i ragazzi, gratificandoli il più possibile con le premiazioni, ha visto sui tatami dal mattino i più piccoli dai 6 agli 11 anni con il programma tecnico della fascia pre-agonistica e successivamente con le categorie esordienti e cadetti, dai 12 ai 17 anni, nelle gare di forme (kata) e combattimento libero (kumite). Grande onore per i giovani atleti essere premiati dall’ex campione del mondo Davide Benetello, allenatore della nazionale giovanile italiana e presidente della commissione atleti della federazione mondiale WKF. Per quanto riguarda i risultati del CSKS, sono da segnalare i podi di Alice Medeot, Milos Kovacevic, Mattia La Mura, Giovanni Maurutto, Matteo Bauccio, Leonardo Prando, Matteo Fabris, Andrea Belladonna, Michele Bulli, Andrea Michelutti, Enrico Papais, Ilaria Passadore, Riccardo Guadagnini.

Pioggia di medaglie nel karate a Caorle e Postojna

Udine, 19 maggio 2014. Pioggia di medaglia per i giovanissimi karateka dei club del Friuli Venezia Giulia che hanno preso parte al 20° Trofeo Topolino a Caorle, ma altre medaglie sono state conquistate dagli atleti che sono stati impegnati nel Postojna Open 2014. Questa la sintesi dei risultati. Karate Club 2003 a Postumia: Oro per Daniele Paoletti e la squadra composta da Federica Maganuco, Melanie Corbatto, Sara Tortul, Argento per Federica Maganuco, Bronzo per Caterina Dreassi sia nelle junior che nelle senior e per Sara Tortul; Bushido Dojo Udine a Postumia, Oro per Davide Meulli nel kata fascia 12-13, Argento per Davide Meulli nel kata fascia 14-15, per Tiziano Candidori nel kumite senior 67 kg. Trofeo Topolino. Area Shotokan Trieste: Argento per Emilio Micali nei 50 kg, Bronzo per Gabriele Vusio nei 45 kg e Cristiano Delise nei 55 kg; Bushido Dojo Udine: Oro per Alessandro Craviari nella combinata fanciulli, Bronzo per Simone Genna nel percorso ragazzi; Karate Do Trieste: Margherita Plani secondo posto nel kata Fijlkam e terzo nel kata Fikta, Ilya Raschevski secondo nel kata Fikta e terzo nel kata Fijlkam, Fijlkam, Oro per Emma Plani nel kata ragazzi, Argento per Gabriele Edomi nel kata esordienti A, Bronzo per Matteo Senn nel kata esordienti A e per Simone Vizzaccaro nei 45 kg kumite Eso A, Fikta, argento per Rocco Bernobich e Alessio Kodarin nel kata, Bronzo per Jacopo Brandolin e Daniele Dagri nel kata, Shinkai Sgonico: Argento per Mitja Ukmar, Bronzo per Massimo Blocar, Irena Merkù, Patrick Zidaric

Universitari, Francesca Posocco porta l’oro dei 52 kg a Trieste

Udine, 19 maggio 2014. Una medaglia d’oro ai Campionati Nazionali Universitari a Milano è arrivata per il Cus Trieste dalle gare di judo. A vincerla è stata Francesca Posocco, giovane atleta del Kodokan Vittorio Veneto che studia a Trieste e si è tolta la soddisfazione di aggiudicarsi il tricolore universitario nei 52 kg, superando fra le altre la triestina Anna Bartole, poi classificatasi al terzo posto, ma in difesa dei colori del Cus Bologna. Un’altra medaglia, in questo caso d’argento, se l’è messa al collo un altro triestino, si tratta di Luca Braulin, che si è classificato al secondo posto nei 66 kg, ma per i colori del Cus Torino. Due quinti posti invece, sono stati i migliori risultati ottenuti dal Cus Udine con Jessica Tosoratti nei 57 kg ed Elisa Cittaro nei 63 kg.

I risultati completi sono pubblicati nell’area dedicata.

Milano, 18 maggio  2014. Al primo posto in classifica nelle gare maschili il Cus Torino ha aggiunto anche il primato in chiave femminile, mettendo così la firma sui Campionati Nazionali Universitari a Milano. Cinque medaglie (1-1-3) per le universitarie torinesi che hanno preceduto le ragazze del Cus Roma (1-2-1) e Cus Chieti (1-1-1), mentre il tricolore a squadre maschile è stato conquistato dal Cus Parma che ha regolato (3-1) il Cus Milano in finale. Sul terzo gradino del podio sono salite Cus Siena (3-2 al Cus Catania) e Cus Roma (5-0 al Cus Ferrara).

48

1° GIAMATTEI ANGELA – CUS BENEVENTO

2° CROSU CRISTINA – CUS BOLOGNA

3° CORONELLI ADUA ANTONIA – CUS BARI

3° BERTUZZI IRENE – CUS TRENTO

52

1° POSOCCO FRANCESCA – CUS TRIESTE

2° CONTI REBECCA – CUS ROMA

3° BARTOLE ANNA – CUS BOLOGNA

3° MASERIN SARA – CUS TORINO

57

1° RIGHETTI ANNA – CUS VERONA

2° RIPANDELLI FRANCESCA – CUS ROMA

3° VITTONI BEATRICE – CUS TORINO

3° IACOROSSI MONICA – CUS ROMA

63

1° EPIFANI MARTINA – CUS PARMA

2° CAPPONI BENEDETTA – CUS FIRENZE

3° PERIN ALICE – CUS TORINO

3° DALLA CORTE GIORGIA – CUS FORO ITALICO

70

1° PAISSONI CAROLA – CUS TORINO

2° ARAGOZZINI GIULIA – CUS TORINO

3° SINA DALILA – CUS MILANO

3° DAMIANI LUCIA – CUS ANCONA

78

1° TANGORRE LUCIA – CUS ROMA

2° SIMONE ROSANNA CAMILLA – CUS CHIETI

3° DI FABIO NATASHA – CUS CHIETI

3° MIRUCCI ELEONORA – CUS GENOVA

Milano, 17 maggio  2014. Netto successo per il Cus Torino nelle gare maschili di judo ai Campionati Nazionali Universitari a Milano. Due medaglie d’oro con Daniel Lombardo (60) e Nicholas Mungai (90) hanno proiettato al vertice della classifica il Cus torinese, che ha rinforzato la posizione anche con tre secondi e due terzi posti, distanziando così il Cus Milano, buon secondo con un solo punto di vantaggio sul Cus Roma, terzo.

60

1° LOMBARDO DANIEL – CUS TORINO

2° ANDRENELLI DANIELE – CUS ROMA

3° LANDI VINCENZO – CUS PARMA

3° ACCORSI AMEDEO – CUS MILANO

66

1° LA FAUCI LUCA – CUS CATANIA

2° BRAULIN LUCA – CUS TORINO

3° RICCI DANIELE – CUS BOLOGNA

3° RASO MICHAEL – CUS TORINO

73

1° MELEGARI GABRIELE – CUS PARMA

2° COPPARI RICCARDO – CUS URBINO

3° SETTI PIERLUIGI – CUS PARMA

3° LASCIALFARI MATTEO – CUS PERUGIA

81

1° MOSCA FRANCESCO – CUS BERGAMO

2° MICELLI ALESSIO – CUS TORINO

3° BERGAMIN FILIPPO – CUS VENEZIA

3° TAURISANO MARCO – CUS SAN RAFFAELE ROMA

90

1° MUNGAI NICHOLAS – CUS TORINO

2° BOLDETTI ALESSANDRO – CUS MILANO

3° DAMIANI MICHELE – CUS CAMERINO

3° PAPPALARDO DOMENICO – CUS CATANIA

100

1° CAVANNA FEDERICO – CUS GENOVA

2° RIVA MATTIA – CUS TORINO

3° PERINO LUCA – CUS TORINO

3° DE ANGELIS DARIO – CUS ROMA

+100

1° MARMO LUCA – CUS NAPOLI

2° BATTISTONI FILIPPO – CUS PERUGIA

3° ESATTORE BRUNO – CUS FERRARA

3° AIELLO MATTIA – CUS COSENZA

Nella valigia dell’allenatore, presentazione lunedì a Trieste

Trieste, 15 maggio 2014. L’appuntamento è per gli allenatori di ogni tipologia sportiva ed è in programma a Trieste, nella Sala Olimpia del Coni – Stadio Rocco, lunedì 19 maggio 2014 alle ore 18.30. L’occasione è offerta dalla presentazione del libro “Nella valigia dell’allenatore” in cui l’autore, Roberto Alessio, docente della Scuola Regionale dello Sport (promotrice dell’iniziativa), descriverà quel “Viaggio di un allenatore consapevole” evidenziato nel sottotitolo affrontando argomenti di pratica attualità, utili a ogni educatore e istruttore sportivo. E si va dalle responsabilità degli allenatori e degli insegnanti per danni e infortuni ai tesserati e ai terzi, al bullismo e violenza sui minori, dal rapporto con i genitori alle relazioni interpersonali tra le varie componenti del club, senza trascurare la mentalità vincente dell’allentore e la fotografia di cosa sia allenare in Europa oggi.

In sette abilitati al 1° livello per l’insegnamento dell’autodifesa

Trieste, 12 maggio  2014. I triestini Elena Deltreppo, Fabrizio Serafini, Edoardo Lapel, Alessandro e Stefano Bucer, lo spilimberghese Luciano Buran e l’udinese Lorenzo Bagnoli hanno superato brillantemente l’esame regionale per l’abilitazione all’insegnamento di MGA, metodo globale di autodifesa di primo livello, che si è svolto domenica nella palestra judo del Dopolavoro Ferroviario a Trieste. Il percorso di formazione che ha coinvolto i sette neo-insegnanti per un totale di 36 ore è stato diretto da Claudio Valentini, maestro triestino di karate 6° dan e fiduciario regionale MGA che ha posto l’attenzione dei corsisti, tutti già esperti di judo o karate, sugli aspetti preventivi della difesa e quelli legali applicati all’autodifesa, che assieme alle tecniche di difesa vere e proprie, sono fra i più importanti da promuovere, divulgare e tenere sempre presenti.

Abilitazioni FIJLKAM MGA al Dopolavoro Ferroviario di Trieste

Presso la palestra del Dopolavoro Ferroviario di Trieste, sita in Via Ottaviano Augusto, messa cortesemente a disposizione dal responsabile del settore judo Massimiliano Bucer, si è svolto l’esame conclusivo relativo al Corso Regionale di Abilitazione al 1° Livello d’Insegnamento del Metodo Globale Autodifesa, promosso dal comitato regionale FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali) Friuli Venezia Giulia.

Gli insegnanti tecnici iscritti, provenienti dalle varie discipline FIJLKAM praticate in tutto il territorio regionale, che hanno seguito con profitto le sessioni coordinate dal Fiduciario Regionale MGA M° Claudio Valentini, sono risultati tutti brillantemente promossi.

La commissione d’esame presieduta da Enzo de Denaro, presidente FIJLKAM regionale, Claudio Valentini, direttore del corso e Salvatore Orlando, insegnante di judo e MGA, in veste di terzo componente, ha potuto apprezzare con soddisfazione la serietà e l’impegno immesso dai candidati durante le trentasei ore di corso, come ben evidenziato anche dai risultati delle ottime prove teoriche e pratiche realizzate domenica scorsa.

Il corso di 1° livello avviato a Trieste il 30 marzo, aveva l’obiettivo di far acquisire agli Insegnanti Tecnici partecipanti con la qualifica minima di Aspirante Allenatore, le necessarie nozioni d’insegnamento pratico e teorico, dirette a poter sviluppare un corso di difesa personale “basic”, destinato anche a persone non esperte di Arti Marziali.

Il Metodo Globale Autodifesa FIJLKAM, i cui fini sono specificatamente sportivo-educativi, è un programma tecnico multidisciplinare suddiviso in tre livelli, ideato per fornire ai praticanti un valido sistema di difesa basato su principi di flessibilità e cedevolezza, su cui si fondano le Arti Marziali. Rappresenta un’equilibrata sintesi delle tecniche più efficaci derivate dalle discipline di combattimento da utilizzare come difesa, diretta a trasformare a proprio vantaggio l’energia impiegata dall’aggressore. Il metodo sviluppato in ambiti strettamente connessi alla vigente legislazione italiana, risulta da tempo in uso presso le principali Forze dell’Ordine e Corpi Militari quali; Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia Costiera, Polizia Penitenziaria e Polizia Locale di molte città italiane, tra le quali anche Trieste.

Il presidente regionale Enzo de Denaro, durante l’intervento di chiusura, ha espresso grande apprezzamento per il lavoro svolto, complimentandosi con i neopromossi, il docente e il direttivo della sezione judo del Dopolavoro Ferroviario, che ha collaborato attivamente all’ottima organizzazione del corso.

Le materie comprendevano la parte puramente tecnica, che a partire dall’attività motoria propedeutica all’autodifesa, contraddistinta da basi fondamentali ed esercizi di sensibilità corporea, sottende a sviluppare, passando dalle posizioni di guardia semplificata, vere e proprie tecniche di schivata, parata, liberazione, contrattacco, immobilizzazione e controllo dell’avversario, raggiunto con l’utilizzo di leve articolari caratteristiche del MGA.

Particolare cura è stata data agli aspetti preventivi e quelli legali applicati all’autodifesa determinati dall’Art. 52 del Codice Penale italiano Relativo alla Difesa Legittima che cita: “Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa”.

I presupposti essenziali della difesa legittima, ammessa nei confronti di tutti i diritti, personali e patrimoniali, propri o altrui, sono costituiti da un’aggressione ingiusta e da una reazione legittima i cui caratteri sono specificatamente definiti dalla nostra legislazione.

I temi trattati inerenti gli elementi di psicologia applicata alle Arti Marziali, definiscono che tutto inizia dal contatto fisico, toccare, afferrare, prendere, colpire, lottare. Sono state quindi esposte le basi della prossemica, disciplina che studia spazi e distanze all’interno di una comunicazione verbale e non verbale. Toccati anche i temi riguardanti l’aggressività, istinto umano che potrebbe anche non tradursi in comportamento aggressivo, mentre l’aggressione, invece, è un comportamento con l’obiettivo di arrecare danno a un altro individuo. In una situazione pericolosa, infatti, la cosa più difficile è valutare con esattezza l’entità del pericolo stesso e scegliere il modo migliore per affrontarlo tra i quali non è escluso il sottrarsi allo scontro stesso.

La conoscenza delle tecniche del MGA, degli aspetti legali ad esso connessi e degli elementi di psicologia applicata al confronto, unitamente alla corretta individuazione dei tipi di aggressore e rapida individuazione delle reali intenzioni ed obiettivi di questi ultimi, se opportunamente approfondita, concorre all’organizzazione di un’adeguata difesa volta a ridurre al minimo danni e pericoli per sé e per gli altri. La differenza con altri metodi di autodifesa non mediati dalla comprensione concernente tali aspetti diviene pertanto sostanziale.

Trieste 11 maggio ‘14

CV

2014 05 11 MGA Ts3

Luri Meret d’argento a Teplice, Tosolini è bronzo a Londra

Udine, 11 maggio 2014. È uno splendido secondo posto quello che la tarcentina Soraya Luri Meret ha conquistato a Teplice, in repubblica Ceka nell’European Cadets Cup cui hanno partecipato 442 atleti di trenta nazioni. Per l’azzurra del Judo Kuroki Tarcento si è trattato di una vera e propria marcia trionfale, cadenzata dagli ippon messi a segno inesorabilmente nei tre match, con Michaela Rehnova (Cze), Lauren Hawkins (Gbr), Valeriya Vakarchuk (Blr), che l’hanno accompagnata alla finale dei 70 kg. Nulla da fare invece, con la turca Semanur Erdogan, che si è aggiudicata meritatamente la medaglia d’oro, ma il risultato incassato da Soraya Luri Meret a Teplice è positivo e ne conforta le ambizioni. Un’altra splendida medaglia, in questo caso di bronzo, l’ha conquistata l’udinese Ermes Tosolini a Londra in occasione dell’European Cup Senior che ha registrato la presenza di 264 atleti da 27 nazioni. Il terzo posto di Tosolini è maturato al termine di cinque match, caratterizzati dalle vittorie su Kenneth Henneveld (Ned), Jordan Amoros (Fra), Ludovic Cavallera (Fra) e, dopo la sconfitta in semifinale con Kunter Rothberg (Est), su Arthur Clerget (Fra). Ha gareggiato a Londra nei 66 kg anche Gino Gianmarco Stefanel ed è stato sconfitto da Azema (Fra) e Martin (Gbr). Si è classificato al settimo posto nei 66 kg invece, l’udinese del Dlf Yama Arashi Matteo Medves, che ha gareggiato a Kaunas (Ltu) nell’European Cup junior (330 atleti, 22 nazioni) disputando cinque match ed ottenendo tre vittorie. Altre due medaglie per i colori friulani le hanno conquistate gli atleti del Judo Club Tolmezzo che hanno partecipato al Trofeo Città de L’Aquila, prova valida per il Trofeo Italia riservato agli esordienti B e che ha registrato i terzi posti negli 81 kg di Mattia Zarabara e nei 70 kg di Betty Vuk. Una buona gara anche per Federico Lo Gatto dello Sport Team Udine che ha concluso settimo nei 50 kg.

Ginnastica Triestina a L’Aquila, oro Toniolo, argento Visentin, bronzo Musizza

Trieste, 11 maggio 2014. Tre atlete per tre medaglie, di cui una d’oro con Elisa Toniolo, una d’argento con Cristina Visentin ed una di bronzo con Beatrice Musizza. È stato questo il brillante risultato che la Ginnastica Triestina ha ottenuto nel 16° Trofeo Città di L’Aquila, tappa del circuito nazionale riservato agli esordienti B denominato Trofeo Italia. Un percorso netto è stato quello di Elisa Toniolo nei 63 kg, tre match e tre vittorie su Martina Esposito (Star Napoli), Liuba Bondi (Fujiyama Velletri) e Caterina Mazzotti (Team Romagna), mentre Cristina Visentin dopo due vittorie nei 44 kg su Martina Tanieli (Budokan Lecce) e Viola Bertora (Kyu Shin Do Kai Parma), è stata sconfitta in finale da Anita Zamponi (Mestre 2001). Due vittorie ed una sconfitta anche per Beatrice Musizza nei 40 kg, ma dopo il successo su Michela Marzulli (Judo Andria), è stata sconfitta in semifinale da Martina De Blasio (Fitness Roma) aggiudicandosi poi la finale per il bronzo su Luna Prova (Judo Peschiera). Con tre sole atlete il team triestino si è piazzato quinto nella classifica per società con 24 punti, preceduto dal Fitness Club Roma (11 atleti), Akiyama Settimo (12), Banzai Cortina Roma (10) ed il Kumiai Torino che, con 11 atleti, di punti ne ha messi assieme 26.

Pubblicate nuove circolari e comunicati Judo e Karate

Udine, 9 maggio 2014. Si informa che sono state pubblicate le Circolari n. 22 e 23 del settore Judo, il programma dell’Attivita Didattica 2014 del Karate (Esami Regionali e Nazionali di Graduazione, Corsi Regionali obbligatori di Aggiornamento Insegnanti Tecnici e Verifiche di Gradi e Qualifiche) ed il programma del Campionato Triveneto di kata (Judo).

 

Oro di Caterina Dreassi nell’Open di Toscana

E’ stata una grande due giorni di karate e cultura l’Open di Toscana che ha chiuso i battenti ieri dopo aver coinvolto poco meno di 1500 atleti ed atlete di dieci Paesi tra i quali la rappresentativa del Sud Africa. “La competizione è stata di ottimo livello tecnico – commenta il vicepresidente del Comitato Regionale Toscana, Enzo Bertocci – abbiamo ospitato tante squadre, comprese le più forti sul panorama nazionale. L’organizzazione è stata complessa, siamo riusciti a coinvolgere anche RAI Regione che ci ha mandato in onda in due occasioni dando, così, visibilità al nostro sport. La cerimonia inaugurale è stata coinvolgente, siamo stati tutti uniti nel ricordo di un grande uomo, Nelson Mandela, nell’anno della sua scomparsa. Posso dire che tutto è andato bene e siamo stanchi, ma soddisfatti.” Presenti il vicepresidente federale Sergio Donati e gli osservatori della Commissione Nazionale Attività Giovanile Salvatore Nastro e Tiziana Costa. Nella giornata di venerdì 25 aprile sono scese sui tatami le due portacolori della scuderia Sanpierina, Caterina Dreassi e Laura Boschin. Le due pluri-campionesse italiane hanno entrambe dato spettacolo nella categoria Juniores +59Kg portando in vetta i colori della regione Friuli Venezia Giulia. Per Laura la gara è iniziata in salita con un piccolo infortunio dopo la vittoria del primo match, l’atleta non si è poi potuta esprimere al meglio nel match successivo. Ha vinto il primo match contro Vecchione Giusi (Karate Moscati Graganano) per 1-0 nel secondo match ha poi perso l’incontro per 3-0 con Leandri Greta (Comitato Regionale Veneto). Per Caterina invece la giornata è stata da podio, nel primo mach si è imposta per 9-1 contro Moccia Martina (Karate Moscati Gragnano), nel secondo ha vinto per 6-3 contro De Angelis Serena (Team Karate Velletri), 2-0 su Metti Sara (Accademia Karate Shotokan). Si è in seguito aggiudicata la finale per 2-1 contro Coulon Aline (C.U.S. Perugia Karate) conquistando così la medaglia d’oro. Ottima è stata la prestazione espressa dalla Sanperina in tutti i match disputati, tenacia e sicurezza sono state la base delle vittorie che giunte una dopo l’altra hanno dato idea della condizione tecnica e atletica dell’atleta. Prossimo appuntamento per i nostri atleti sarà la Il Campionato Italiano Esordienti B questo fine settimana per il quale hanno raggiunto la qualificazione Sara Tortul, Melanie Corbatto e Federica Maganuco. Melanie e Federica sono qualificate di diritto alla fase nazionale per i due bronzi ottenuti lo scorso anno al Campionato Italiano 2013.

Terza prova Criterium, le classifiche

Udine, 5 maggio 2014. On-line le classifiche della terza prova del Criterium Giovanissimi ospitata domenica nel PalaMicheletto a Sacile.

Classifiche

Karate Do Trieste sul podio a Mantova e Firenze

Trieste, 4 maggio 2014. Il Karate Do Trieste continua a raccogliere risultati positivi. È accaduto nel Palabam a Mantova in occasione degli Internazionali Us Acli con il primo posto della squadra grazie ai risultati ottenuti da Matteo Luin, classe 1998, che si è classificato al primo posto sia nel kata che nel kumite cinture marrone, Jon Jornea, classe 1999, che si è affermato nel kata e si è piazzato secondo nel kumite cinture arancio. Fra i senior Paola Mengotti ha centrato un terzo posto nel kata ed un terzo posto nel kumite 60 kg, Fabiana Corda nei 50 kg e Andrea Plani negli 80 kg master hanno meritato il terzo posto nel kumite. Davide Cante, classe 1998, si è classificato quarto nel kata. Ottimi risultati sono stati ottenuti anche a Firenze in occasione del 13° Open di Toscana cui hanno partecipato ben millecinquecento atleti da dieci nazioni ed il Karate Do Trieste ha conquistato una medaglia d’oro con Mauro Bonetti, primo nel kumite 65 kg master over 50 e una medaglia di bronzo con Fabrizio Serafini, terzo nel kumite +84 kg master over 45.