vai al vecchio sito

Day 6 dicembre 2013

Accordo Esercito-Karate, c’è anche il Fenati Spilimbergo

Udine, 6 dicembre 2013. La Sezione Karate del Judo Club Fenati di Spilimbergo ha aderito all’iniziativa “Fijlkam-Esercito italiano” e, in seguito a diverse richieste da parte delle caserme della provincia di Pordenone e del Veneto, ha avviato le lezioni. Lo scorso mercoledì 4 dicembre è stato il turno dei militari della Caserma di Maniago, con un gruppo di 17 elementi ed il feedback è stato subito positivo, tanto da parte dei tecnici del Fenati che da quella dei partecipanti. I prossimi appuntamenti in progrmma sono stati fissati ancora con la Caserma di Maniago, quindi Tauriano e Orcenico.

Il commiato di Matteo Pellicone

Cari tesserati della Federazione,  amici della Lotta, della Pesistica, del Judo, del Karate, delle Arti Marziali,  carissimi tutti: è a Voi che rivolgo, nel momento che lascio la Presidenza  federale, un sentito, immenso, affettuoso “ Grazie !”
Ho trascorso nel nostro mondo fatto di impegno, di lealtà, di regole da osservare, di obiettivi da raggiungere e di volta in volta superare, oltre  55 anni, prima come atleta ed interpretando, successivamente, i ruoli e le funzioni di tecnico, di membro del Consiglio Federale, di Vicepresidente e di Presidente.
Nel momento della mia elezione alla Presidenza, che risale al 29 marzo 1981, feci con voi un patto: “ se non avevo fatto promesse alla vigilia – dissi nella mia prima dichiarazione – ora ve ne faccio una: prendo impegno solenne di lavorare sodo perché la nostra Federazione raggiunga i massimi vertici in campo internazionale”.
Ad altri spetta il compito ed anche il dovere di certificare i progressi ed i risultati raggiunti: da parte mia posso solo affermare che ho rivolto il massimo delle mie attenzioni e speso tutte le mie energie per onorare il patto preso con me stesso e con i miei compagni di viaggio, in una avventura che personalmente mi ha completamente gratificato.
Rinnovo il ringraziamento iniziale alle varie anime federali: partendo dalla base  su cui si costruisce ogni edificio (le Società e tutti coloro che operano sul territorio) per giungere ai vertici dirigenziali e tecnici.
A loro consegno una eredità di passione, di risultati, di realizzazioni organizzative e strutturali che sicuramente riusciranno a conservare e ad accrescere. Sono certo che la nostra Federazione saprà rinnovarsi nella tradizione, onorando la sua storia, le sue conquiste, la sua serietà.
Buon lavoro a tutti.

Matteo Pellicone