vai al vecchio sito

Month ottobre 2013

Quarto posto a Kyoto per De Cerce e Padovan, Giappone sempre ‘marziano’

Kyoto, 20 ottobre 2013. Uno scarto di due soli punti e la coppia composta da Giacomo De Cerce e Pierluca Padovan è rimasta ai piedi del podio iridato nel Kime no kata. È accaduto nella seconda giornata dei campionati del mondo di kata nel Kyoto Budo Center che, oltre De Cerce e Padovan, ha registrato anche la buona esibizione dell’altra coppia azzurra composta da Rocco Romano e Gaetano Castanò, approdata in finale e classificata al sesto posto. Il titolo iridato nel Kime no kata è andato ai giapponesi Shoji Imao e Kazunori Shimizu, che hanno preceduto gli spagnoli Fernando Blas e Uchan Chung ed i francesi Stephane Bega e Gregory Marques. Nessuna coppia azzurra invece nel Goshin jutsu che ha registrato il successo di Hideki Miyamoto e Masaki Watanabe (Jpn) davanti a Donghan Kim e Jaeseung Seo (Kor) e Takeshi Takeda e Junichi Miyazaki (Jpn). La quinta edizione del campionato del mondo si è chiusa quindi con un’altra netta affermazione del Giappone che, nonostante sia lasciata sfuggire per la prima volta una medaglia d’oro, ha piazzato sul podio tutte le sette coppie ammesse aggiudicandosi quattro medaglie d’oro, due d’argento e una di bronzo. Certamente curioso il fatto che i ‘dispiaceri’ del Giappone siano stati determinati soltanto dalla Corea del Sud, che ha scippato l’oro nel Nage no kata per 4 punti (l’anno scorso le stesse due coppie furono prima e seconda, ma in ordine inverso), ma anche nel Goshin jutsu dove Donghan Kim – Jaeseung Seo si sono classificati secondi alle spalle di Miyamoto e Watanabe, precedendo però e per soli due punti Takeda e Miyazaki, che nel 2012 vinsero l’oro. Nove coppie (su 15 che salgono sul podio) si sono confermate con la medaglia iridiata rispetto il 2012 ed alle tre già citate si aggiungono altre sei che hanno ribadito anche identico piazzamento e si tratta del primo e secondo posto nel Kime no kata, del terzo posto nel Nage no kata, del primo e terzo posto nel Katame no kata e del primo posto nel Ju no kata. E fra questi c’è anche la coppia azzurra composta da Andrea Fregnan e Stefano Moregola che ha consentito all’Italia di entrare in un medagliere ristretto a sette nazioni (otto nel 2012) con sette medaglie giapponesi (4-2-1), due coreane (1-1-0) e spagnole (0-2-0) e quindi un bronzo ciascuno a Francia, Romania, Italia e Germania.

Classifiche

Kime no kata                                                                                                              

1) Imao Shoji – Shimizu Kazunori (JPN), punti 568

2) Blas Fernando – Chung Uchan (ESP), 550

3) Bega Stephane – Marques Gregory (FRA), 548

Goshin jutsu

1) Hideki Miyamoto – Masaki Watanabe (JPN), 637

2) Donghan Kim – Jaeseung Seo (KOR), 598

3) Takeshi Takeda – Junichi Miyazaki (JPN), 596                 

Nage no kata

1) Lee Sun Hyung – Jo Min Ho (KOR), 468

2) Michito Sakamoto – Takayuki Yokoyama (JPN), 464

3) Iulian Surla – Aurelian Fleisz (ROU), 459

Katame no kata

1) Saroshi   Nakayama – Seiji Hayashi (JPN), 450

2) Ryuji Kabata – Toshiji Odate (JPN), 438

3) Andrea Fregnan – Stefano Moregola (ITA) 430

Ju no kata

1) Etsuko Yokoyama – Chigusa Omori (JPN), 460

2) Manuel Garcia – Vicente Picazo (ESP), 429

3) Wolfgang Dax Romswinkel – Ulla Loosen (GER), 425

Coppa Italia interregionale cadetti, i risultati a Sacile

Udine, 20 ottobre 2013. Quarantatre società con centoquarantotto atleti hanno gareggiato sabato 19 ottobre a Sacile in occasione della Coppa Italia interregionale cadetti. I risultati sono pubblicati nell’apposita sezione e possono essere consultati anche QUI’

Bronzo mondiale a Kyoto per Andrea Fregnan e Stefano Moregola

Kyoto, 19 ottobre 2013. È di bronzo il campionato del mondo di kata per Andrea Fregnan e Stefano Moregola. Ai Mondiali a Kyoto, che hanno registrato la partecipazione di 113 coppie da 34 paesi, la coppia veneta si è classificata al terzo posto nel Katame no kata, superata soltanto da due coppie giapponesi, mentre le cremonesi Ilaria Sozzi e Marta Frittoli si sono dovute accontentare del quarto posto nel Ju no kata, a cinque punti soltanto dalla medaglia di bronzo andata ai tedeschi Wolfgang Dax Romswinkel – Ulla Loosen (425), preceduti da Etsuko Yokoyama-Chigusa Omori (460) davanti agli spagnoli Manuel Garcia – Vicente Picazo (429). Clamorosa invece, la vittoria ottenuta nel Nage no kata dai coreani Sukhyung Lee – Minho Jo che hanno preceduto sul podio Michito Sakamoto- Takayuki Yokoyama (Jpn) ed i romeni Iulian Surla – Aurelian Fleisz. È la prima medaglia d’oro che il Giappone non si aggiudica dal 2009 ad oggi, ovvero da quando si disputano i campionati del mondo di kata. Non sono riusciti ad accedere alle finali nel Katame no kata Valter Sella – Sergio Rizzi e nel nage no kata, Mauro Collini -Tommaso Rondinini, entrambe le coppie si sono classificate al quinto posto nel girone eliminatorio. Domenica per il Kime no kata sarà il turno delle altre due coppie azzurre presenti a Kyoto, Giacomo De Cerce – Pierluca Padovan e Rocco Romano – Gaetano Castanò.

Anticipata la diretta su Rai Sport 1: gare di judo in TV dalle 12 di sabato

Rai Sport 1Roma, 18 ottobre 2013. In seguito allo spostamento dell’orario di inizio dell’European Open Women, sabato al Palafijlkam a Ostia il collegamento in diretta su Rai Sport 1 è stato esteso anche alla parte iniziale per un’ora e cinquantacinque minuti, dalle 12 alle 13.55 per riprendere poi, come già annunciato, per seguire tutte le finali per il terzo e primo posto dalle 16.30 alle 18.30.

Disagi dello sciopero aereo, posticipato alle 12 l’inizio dell’European Open a Ostia

Ostia, 18 ottobre 2013. I riflessi dello sciopero dei trasporti attuato nella giornata di oggi si sono fatti sentire anche sul torneo internazionale di judo “European Open Women”, nuova denominazione delle World Cup, in programma sabato nel Palafijlkam a Ostia. Diverse nazioni infatti, hanno fatto sapere che in seguito alla cancellazione dei voli prenotati ed in assenza di alternative per raggiungere in tempo utile la Capitale, sono state costrette a rinunciare alla partecipazione. A questo punto la gara, che attribuisce in ogni caso punteggio per la World Ranking List (quella utilizzata per la qualificazione olimpica), ha registrato una contrazione nel numero delle partecipanti e l’Organizzazione ha pertanto corretto l’orario di inizio dei combattimenti, che slitta alle ore 12. Rimane inalterato invece l’inizio degli incontri validi per le medaglie (final-block), che sarà seguito anche dalla diretta TV su Rai Sport 1 (16.30-18.30) condotta da Giulio Guazzini ed affiancato per il commento tecnico dal DTN Raffaele Toniolo.

On-line circolari MGA e Ju Jitsu

Udine, 18 ottobre 2013. Si informa che possono essere consultate le circolari relative all’attività MGA e Ju Jitsu pubblicate in data odierna in entrambe le sezioni FEDERAZIONE e ARTI MARZIALI. Accesso diretto alla Circolare CR n. 20 MGA e n. 21 JJ

Coppa Italia Cadetti, anticipato l’orario del peso a Sacile

Udine, 17 ottobre 2013. In considerazione alla diversa affluenza nella pre-iscrizione degli atleti fra il  gruppo delle cinture blu/marr/nere (ampia) e cinture colorate (contenuta), si comunica che l’orario del peso del secondo gruppo è anticipato alle ore 15 e si concluderà alle 16, per evitare inutili attese ed ottimizzare i tempi della gara. In allegato l’elenco atleti pre-iscritti Coppa Italia Cadetti.

Cento all’OTC preparano l’Open a Ostia e Glasgow, il kata azzurro a Kyoto per i mondiali

Ostia, 15 ottobre 2013. Oltre un centinaio di atleti ed atlete provenienti da diverse nazioni europee hanno aderito all’Olimpic Training Centre iniziato lunedì nel Centro Olimpico a Ostia e che si concluderà venerdì per lasciare la scena all’European Open Women in programma sabato nel Palafijlkam. Ventiquattro le azzurre che saranno impegnate sabato 19 a Ostia nel tentativo di conquistare il maggior numero di medaglie mai realizzato in un torneo del World Judo Tour, si tratta di  Valentina Moscatt, Ilaria Ugon, Angela Giammattei, Anna Bartole (48), Noemi Boccanera, Sara Maserin, Fabiola Pidroni (52), Martina Lo Giudice, Anna Righetti, Monica Iacorossi, Fabiola Roma (57), Edwige Gwend, Valentina Giorgis, Martina Greci, Alessandra Prosdocimo (63), Jennifer Pitzanti, Giulia Cantoni, Marisa Celletti, Francesca Busto (70), Assunta Galeone, Lucia Tangorre, Linda Politi (78), Elisa Marchiò, Tania Ferrera (+78). Altri due appuntamenti di rilievo sono in programma nello stesso week end (sabato 19 e domenica 20), con la squadra maschile guidata da Giuseppe Maddaloni che partecipa all’European Open Men a Glasgow e la rappresentativa italiana di kata che partecipa al campionato del mondo a Kyoto. Emanuele Bruno (66), Marco Maddaloni, Augusto Meloni, Andrea Regis (73), Massimiliano Carollo (81), Giuliano Loporchio (90), Domenico Di Guida, Luca Ardizio (100) sono gli otto azzurri impegnati in Scozia, mentre nella rassegna iridata sono sei le coppie azzurre che si esibiranno sui tatami a Kyoto: Ilaria Sozzi e Marta Frittoli nel Ju No Kata, Andrea Fregnan e Stefano Moregola, Valter Sella e Sergio Rizzi nel Katame No Kata, Giacomo De Cerce e Pierluca Padovan, Rocco Romano e Gaetano Castanò nel Kime No Kata, Tommaso Rondinini e Mauro Collini nel Nage No Kata.

Iscrizioni on-line per la Coppa Italia a Sacile sabato 19 ottobre

Udine, 14 ottobre 2013. Si ricorda che la Coppa Italia Cadetti in programma a Sacile il prossimo sabato 19 ottobre,
è suddivisa in due parti, di cui una è riservata agli atleti tesserati fino a cintura verde e l’altra agli atleti cinture blu-marroni-nere.
Nel caso questa novità fosse sfuggita si raccomanda di provvedere al più presto alle iscrizioni attraverso il banner qui a lato.

La FIJLKAM in Barcolana sulla Karate Do Trieste

Trieste, 13 ottobre 2013. Sventola la bandiera della FIJLKAM nella Barcolana 2013! Issata sull’albero della Karate Do Trieste capitanata dal Maestro Anna Devivi, lo scafo battente bandiera federale si è piazzata nella classifica provvisoria al terzo posto della categoria regata ed al 114esimo generale che, su oltre millecinquecento barche iscritte, è un gran bel piazzamento. In attesa della classifica definitiva, complimenti al Maestro Devivi ed all’intero equipaggio del Karate Do Trieste.