vai al vecchio sito

Day 14 aprile 2013

Palombini e Luri Meret, settimo posto a Coimbra nell’European Cadet Cup

Udine, 14 aprile 2013. Marta Palombini e Soraya Luri Meret si sono classificate al settimo posto a Coimbra, dove si è svolta l’European Cadet Cup n. 5 di quest’anno e che ha registrato la partecipazione di 354 atleti di 19 nazioni. Per la muggesana Palombini, sconfitta al primo turno dei 63 kg dalla britannica Lubjana Piovesana, poi vincitrice della categoria, da registrare due belle vittorie nei recuperi sull’israeliana Adi Eizenberg per yuko e sulla danese Marie Laerke Olsen per ippon, prima di cedere il passo alla spagnola Silvia Lage Rivera, mentre la tarcentina Luri Meret, ha iniziato con la vittoria per ippon sulla portoghese Helia Oliveira per incappare poi in due sconfitte con la spagnola Sara Rodriguez Rodriguez, che ha poi concluso al primo posto e quindi con l’inglese Michelle Boyle. Per l’Italia, presente con 43 atleti, sono state conquistate tredici medaglie con quattro primi, tre secondi e sei terzi posti, oltre a cinque quinti e dieci settimi, che sono valse il primo posto nel medagliere precedendo Israele (2-4-2) e Gran Bretagna (2-3-6).

RISULTATI

Italia senza rivali nell’EJU Kata Tournament a Pordenone

Pordenone, 14 aprile 2013. Italia senza rivali a Pordenone in occasione del 6° EJU Kata Tournament cui hanno partecipato ventisette coppie da sei nazioni. Dodici le medaglie conquistate dalla rappresentativa azzurra (4 oro, 3 argento, 5 bronzo), che hanno assegnato nettamente il primato nel medagliere davanti alla Croazia (1-0-0), Belgio e Francia (0-1-0), mentre Svizzera e Germania sono rimaste a bocca asciutta. Alessandro Furchì–Michele Battorti nel Nage no kata, Andrea Fregnan–Stefano Moregola (Katame), Giacomo De Cerce-Pierluca Padovan (Kime), Ubaldo Volpi-Maurizio Calderini (Kodokan) sono le quattro coppie azzurre salite sul gradino più alto del podio, mentre la quinta medaglia d’oro è andata al collo della coppia croata Zoran Grba–Sandra Ursicich nel Ju no kata. In occasione delle premiazioni una particolare cerimonia è stata riservata al maestro Shoji Sugiyama, che ha compiuto 80 anni ed a Pordenone ha rappresentato l’EJU assieme a Michel Kozlowski. Classifiche complete. Nage no kata: 1) Alessandro Furchì–Michele Battorti (ITALIA); 2) Nicholas Gillon–Philippe Jean Gillon (BELGIO) ; 3) Mauro Collini-Tommaso Rondinini (ITALIA); 4) Angelo Rubino–Amico Salvatore (ITALIA); Katame no kata: 1) Andrea Fregnan–Stefano Moregola (ITALIA); 2) Carole Herras–Mathieu Coulon (FRANCIA); 3) Massimo Cester–Daniele Da Riol (ITALIA); 4) Dario Gianoglio–Daniele Vezza (ITALIA); 5) Nicola De Bartolo–Giulio Valente (ITALIA); Kime no Kata: 1) Giacomo De Cerce-Pierluca Padovan (ITALIA); 2) Rocco Romano-Gaetano Castanò (ITALIA); 3)  Roberto Gabutti-Ezio Centolanze (ITALIA); 4) Vincenzo Perri-Antonio Cartellà (ITALIA); 5) Jelena Vukovic–Patarina Potnek (CROAZIA); Juno no kata: 1) Zoran Grba–Sandra Ursicich (CROAZIA); 2) Marco Calugi–Martina Calugi (ITALIA); 3) Roberto Bibolotti-Luca Benelli (ITALIA); 4) Paola Di Luigi-Claudio De Angelis (ITALIA); 5) Johann Moss–Raymonde Veuthey (SVIZZERA); 6) Fabrice Beney-Antonella Beney (SVIZZERA); 7) Mauro Bisi-Stefania Martino (ITALIA); Kodokan Goshin jutsu: 1) Ubaldo Volpi-Maurizio Calderini (ITALIA); 2) Marco Dotta-Marco Durigon (ITALIA); 3) Stefano Dal Molin-Luca Cavalleri (ITALIA); 4) Teodoro Argento-Luca Mavilia (ITALIA); 5) Marion Billmeir-Jurgen Billmeir (GERMANIA); 6) Reta Tschopp-Ariane Wuthrich (SVIZZERA).