vai al vecchio sito

Month aprile 2013

ECJ – Trofeo Tarcento 2013 Livello altissimo: vincono Belgio e Brasile

Ufficio stampa Kuroki. 417 atleti di 23 Nazioni ed un livello di gara molto alto: alla fine la spuntano il Belgio tra i maschi ed è una sorpresa assolute e il Brasile tra le femmine, come da pronostico. In gara atleti e atlete da Armenia, Austria, Belgio, Bonia Erzegovina, Brasile, Croazia, Repubblica Ceka, Gran Bretagna, Germania, Isarele, Italia, Moldova, Malta, Montenegro, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, San Marino, Serbia,  Svizzera, Slovacchia e Turchia) In bella evidenza anche l’Italia che porta a casa un bel bottino di medaglie. Le prove di Maria Centracchio e Fabio Basile sono di livello superiore, ma tutte e 87 gli azzurrini si sono comportati egregiamente. La squadra che ha mostrato le individualità migliori è stata il Brasile, ma il Belgio si è dimostrato piu’ cinico vincendo due categorie, come la Croazia, ma in più cogliendo anche il bronzo.

La manifestazione tarcentina – che prosegue fino a mercoledì con il Training Camp – si è dimostrata ancora una volta veramente all’altezza. Grance lo sforzo dell’Asd Judo Kuroki Tarcento e dei suoi moltissimi volontari e amici che hanno lavorato per la riuscita di questo grande evento del calendario judoistico.

Le gare hanno mostrato un judo giovane in grande evoluzione e capace di infiammare il pubblico e gli appassionati. Molti gli ippon e gara che si è sviluppata in forma ordinata e positiva. Ottimo il team arbitrale costruito da Alberto Stefanel e Gianluigi Pugnetti con arbitri da nove nazioni.

Classifiche della prima giornata di gara

Settore maschile

Kg. 55 – 1. Alex Ferrariu (Romania), 2. Guilherme Locio (Brasile), 3°. Matthieu Groell (Svizzera) e Gabriel Silva (Brasile)

Kg. 60 – 1. Fabio Basile (Italia), 2. Angelo Lanzafame (Italia), 3. Adrien Quertinmont (Belgio) e Nicolas Santos (Brasile)

Kg. 66 – 1. Thomas Lissens (Belgio), 2. Ricardo Junior Santos (Brasile), 3. Matteo Piras (Italia) e Gabriel Pinheiro (Brasile)

Kg. 73 – 1. Sami Chouchi (Belgio), 2. Jakub Jecminek (Repubblica Ceka), 3. Gabriel Mendes (Brasile) e Igor Potparic (Slovenia)

Kg. 81 –1. 1. Peter Zilka (Slovacchia), 2. Uri Kvashna Bar Tal (Isarele), 3. Gustavo Assis (Brasile) e Rijad Dedeic (Montenegro)

Kg. 90 – 1. Zlatko Krumic (Croazia), 2. Piotr Kuczera (Polonia), 3. Laurin Boehler (Austria) e Tadej Mulec (Slovenia)

Kg. 100 – 1. Jurica Katic (Croazia), 2. Ciro Busto (Italia), 3. Rok Polajzer (Slovenia) e Maximilian Hageneder (Austria)

Kg.+100 – 1. Vito Dragic (Slovenia), 2. Harun Sadikovic (Bosnia Erzegovina), 3. Benjamin Bouizgarne (Germania) e Ruan Silva (Brasile)

Settore femminile

Kg. 44 – 1. Nesrin Kartal Cetin (Turchia), 2. Tawany Silva (Brasile), 3. Julijana Savic (Serbia) e Sevda Yorulmaz (Turchia)

Kg. 48 – 1. Nathalia Brigida (Brasile), 2. Moa Minsker (Israele), 3. Cristina Budescu (Moldova) e Marta Rainero (Italia)

Kg. 52 – 1. Jessica Pereira (Brasile), 2. Busra Akyol (Turchia), 3. Shira Hayat (Isarele) e Beata Guszak (Croazia)

Kg. 57 – 1. Maria Centracchio (Italia), 2. Fabienne Kocher (Svizzera), 3. Flavia Gomes (Brasile) e Camilla Barreto (Brasile)

Kg. 63 –1. Maja Blagoievic (Croazia), 2. Rotem Sohr (Israele), 3. Bar Farin (Israele) e Erika Ferreira (Brasile)

Kg. 70 – 1. Amy Livesey (Gran Bretagna), 2. Ivana Jandric (Serbia), 3. Sarah Gregor (Germania) e Sophie Berger (Belgio)

Kg. 78 – 1. Samantha Soares (Brasile), 2. Urska Gracner (Slovenia), 3. Rosetta Melora (Italia) e Isadora Pereira (Brasile)

Kg.+78  1.Sibilla Facholli (Brasile), 23. Milica Zabic (Croazia), 3. Kubra Bayram (Turchia) e Jodie Myers (Gran Bretagna)

 

TROFEO TARCENTO – 1. BELGIO, 2. Croazia, 3. Italia

TEAM FEMMINILE – 1. BRASILE, 2. Turchia, 3. Italia

COPPA AMICIZIA – TURCHIA

MIGLIORE TEAM REGIONALE – DLF YAMA ARASHI UDINE

ECJ-Trofeo Tarcento, partenza di alto livello

Ufficio stampa Kuroki. 417 atleti di 23 Nazioni ed un livello di gara molto alto: questa la prima impressione del Trofeo Tarcento – Europa Cup di judo a Lignano Sabbiadoro. La manifestazione vede in gara 87 judoka italiani, la delegazione piu’ numerosa seguita da quella tedesca con 40 judoka e da quella brasiliana in preparazione delle Olimpiadi di Rio con 36 atleti. Le gare della prima giornata hanno evidenziato delle belle individualità e un’organizzazione all’altezza. Molti gli arbitri di alto livello che hanno officiato in maniera esemplare. Delegato Eju della gara il finlandese Tapio Maki, per il secondo anno consecutivo designato al Trofeo Tarcento. La gestione di gara è invece stata fatta dal croato Sinisa Veir componente dell’Eju computer team. Notevole l’impressione destata dai judoka brasiliani e dalla forte squadre femminile della Turchia, ma un plauso va alla nazionale italiana che ha messo in evidenza belle individualità sia in campo maschile, sia in campo femminile, su tutti Fabio Basile dominatore della caregoria e Maria Centracchio che ha vinto all’ultimo secondo. Dalla prima giornata di gare è venuto fuori un bel judo vivo e attivoche mostra una bella evoluzione gecnica.Unanime consenso ha destato il nuovo sistema arbitrale con care system e arbitri di sedia fuori dal tatami, per la prima volta utilizzato in Italia.

Classifiche della prima giornata di gara

Settore maschile

Kg. 55 – 1. Alex Ferrariu (Romania), 2. Guilherme Locio (Brasile), 3°. Matthieu Groell (Svizzera) e Gabriel Silva (Brasile)

Kg. 60 – 1. Fabio Basile (Italia), 2. Angelo Lanzafame (Italia), 3. Adrien Quertinmont (Belgio) e Nicolas Santos (Brasile)

Kg. 66 – 1. Thomas Lissens (Belgio), 2. Ricardo Junior Santos (Brasile), 3. Matteo Piras (Italia) e Gabriel Pinheiro (Brasile)

Kg. 73 – 1. Sami Chouchi (Belgio), 2. Jakub Jecminek (Repubblica Ceka), 3. Gabriel Mendes (Brasile) e Igor Potparic (Slovenia)

Settore femminile

Kg. 44 – 1. Nesrin Kartal Cetin (Turchia), 2. Tawany Silva (Brasile), 3. Julijana Savic (Serbia) e Sevda Yorulmaz (Turchia)

Kg. 48 – 1. Nathalia Brigida (Brasile), 2. Moa Minsker (Israele), 3. Cristina Budescu (Moldova) e Marta Rainero (Italia)

Kg. 52 – 1. Jessica Pereira (Brasile), 2. Busra Akyol (Turchia), 3. Shira hayat (Isarele) e Beata Guszak (Croazia)

Kg. 57 – 1. Maria Centracchio (Italia), 2. Fabienne Kocher (Svizzera), 3. Flavia Gomes (Brasile) e Camilla Barreto (Italia)

Oltre 400 atleti da 22 nazioni per l’European Cup junior a Lignano

Udine, 24 aprile 2013. Trofeo Tarcento, capitolo numero 31 ed è European Cup juniores. L’appuntamento è per sabato 27 e domenica 28 nel Palagetur a Lignano Sabbiadoro per una gara cui hanno aderito oltre quattrocento atleti da ventidue nazioni, Brasile, Armenia, Turchia, Israele, Svizzera, Moldova, San Marino, Malta, Gran Bretagna, Repubblica Ceka, Slovacchia, Slovenia, Polonia, Croazia, Austria, Germania, Romania, Svezia, Belgio, Finlandia, Portogallo ed Italia, ma Serbia e Bosnia Erzegovina potrebbero aggiungersi all’ultima ora. Ben centoquattro gli atleti italiani iscritti e quindi con le credenziali minime che ammettono la partecipazione alle European Cup. In gara anche la nazionale italiana juniores guidata dalla commissione giovanile composta da Nicola Moraci, Laura Di Toma e Sandro Piccirillo. Le gare in programma sabato e domenica inizieranno alle 9.30 e le finali sono previste alle 18. “Una manifestazione di cui siamo molto orgogliosi – ha detto Gianluigi Pugnetti, il Presidente del Comitato Organizzatore – e che corona il nostro lavoro organizzativo iniziato molti anni fa”. La tradizione del trofeo Tarcento infatti è nata assieme al club, il Judo Kuroki, nel 1981 per rivolgersi alla classe seniores fino al 1996, quando il torneo scelse la strada di proporsi alla sola classe juniores, sperimentazione che si è protratta per cinque anni e ritornarvi poi nel 2011 quando si presentò l’opportunità di entrare a far parte del circuito europeo. Le due giornate di gare saranno seguite dal training camp affidato alla guida di Ylenia Scapin e Francesco Bruyere, l’atleta, oggi allenatore federale, che vanta il record di vittorie, ben sei, proprio nel Trofeo Tarcento.

Coni Fvg, Convocazione assemblee elettive atleti e tecnici

Trieste, 23 aprile 2013.  Considerata la composizione incompleta del Consiglio regionale del Coni Friuli Venezia Giulia a seguito della mancato raggiungimento del quorum per l’elezione dei rappresentati dei tecnici e degli atleti lo scorso mese di gennaio, si ravvisa la necessità di convocare nuovamente le assemblee in oggetto lunedì 20 maggio 2013. Si allega pertanto la convocazione e la relativa documentazione. Si confida nella collaborazione di tutti al fine di promuovere e favorire la partecipazione di tutti i rappresentanti.

Modulistica

Tesseramento on-line: nuova piattaforma

Roma, 23 aprile 2013 – E’ stata definita la nuova piattaforma per il tesseramento online che sarà operativa a partire dall’8 maggio 2013. Tale rinnovamento risponde all’esigenza di semplificare e rendere massima l’efficienza delle procedure amministrative connesse al tesseramento e, al contempo, garantire la massima correttezza delle informazioni.

Sono state introdotte novità principalmente riguardo tre aspetti: le modalità di pagamento; il Registro Nazionale CONI e le licenze federali.

Le novità sono contenute in un apposito Manuale dell’Utente e illustrate attraverso immagini esemplificative.  E’ possibile scaricare il manuale accedendo all’area riservata del sito e cliccando su “Nuovo Tesseramento online”.

Precisiamo che, nel periodo compreso tra il 23/04/2013 e il 07/05/2013 necessario per  rendere operativo il nuovo sistema, le procedure di Affiliazione e Tesseramento verranno effettuate esclusivamente con il sistema cartaceo inviando i documenti al numero di fax 06.56470384 o per posta elettronica agli indirizzi  e-mail dedicati all’Ufficio Affiliazioni e Tesseramento.

Comunicato 23 aprile

Alti gradi di judo e karate del Veneto a Jesolo con Petrov e Bagnulo

Udine, 23 aprile 2013. Seminario per gli alti gradi di judo e karate del Veneto. Si è tenuto a Jesolo ed a organizzarlo è stato il comitato regionale presieduto da Giosuè Erissini che ha proposto un’interessante lezione del maestro bulgaro Toni Petrov, 7° dan esperto di tecniche di autodifesa ed istruttore delle forze speciali di polizia della Bulgaria, coadiuvato dal maestro Giancarlo Bagnulo, presidente della commissione nazionale MGA. All’incontro, particolarmente apprezzato e costruttivo cui hanno preso parte anche il maestro Piero Zaupa, consigliere nazionale karate ed il maestro Antonio Di Maggio, direttore delle gare di judo, è seguito uno stage di aggiornamento diretto da Petrov e Bagnulo rivolto ai numerosi appassionati di MGA e Ju Jitsu del Veneto. Il Friuli Venezia Giulia è stato rappresentato dal suo presidente onorario, il maestro Palmiro Gaio e da Alessandro Kramar.

FVG, 3 primi e 3 terzi posti a Genova nel 25° Trofeo Città di Colombo

Soraya Luri Meret Genova (2)Udine, 21 aprile 2013. Friuli Venezia Giulia sei volte sul podio a Genova per tre medaglie d’oro e tre di bronzo conquistate in occasione del 25° Torneo Internazionale Città di Colombo, prova valida per il Grand Prix cadetti e juniores. Alla manifestazione genovese, cui hanno preso parte millecento atleti di duecentotrenta società da dodici nazioni, i portacolori dei club friulani hanno infilato al collo la medaglia d’oro con Marco Vendramini dello Skorpion Pordenone, primo nei 60 kg cadetti e per due volte con Soraya Luri Meret del Kuroki Tarcento, prima nei +70 kg cadette e nei 78 kg juniores. Ben sette i combattimenti vinti dal diciassettenne pordenonese per salire sul gradino più alto del podio dei 60 kg cadetti, categoria che ha registrato settantanove atleti al via, mentre la tarcentina Soraya Luri Meret ha messo al tappeto quattro avversarie nella gara riservata alle cadette ed altre due in quella della classe juniores. Tre è il numero anche per medaglie di bronzo, che sono andate al collo di tre atleti della classe cadetti, Eugenio Tassotto dello Shimai Dojo Fagagna nei 50 kg, Leonardo Puppini dello Skorpion Pordenone nei 60 kg e Matteo Pribaz del Team Judo nei 46 kg. A completare la brillante prova offerta dei team regionali, presenti peraltro con trentadue atleti di otto club, sono da segnalare i quattro quinti di Valentina Varutti dello Shimai, Matteo Giormani della Ginnastica Triestina, Martina Loiacono ed Elisa Cittaro del Dlf Yama Arashi Udine e cinque settimi posti con Lucrezia Salvador ed Alberto Ciardo del Dojo Sacile, David Cacitti ed Angelo Agostini del Villanova, Laura Scano del Dlf Yama Arashi Udine.

Risultati Cadetti

Risultati juniores

Il Grappling del San Vito conquista tre titoli a Ostia

Udine, 16 aprile 2013. Il Grappling Team del Judo Club San Vito ha conquistato a Roma 3 titoli italiani ed un terzo posto. Il PalaFijlkam a Ostia ha ospitato il 2° Campionato Italiano di Brazilian Jiu Jitsu / Grappling GI organizzato dalla FIGMMA (unica federazione autorizzata dalla FIJLKAM e dal CONI a gestire le discipline del grappling, BJJ e MMA). Il pordenonese Marco Ferretti, si è classificato primo nei 100 kg Veterans serie A ed al  terzo posto nei 100 kg Seniores serie A. Carlo Giacomello si è classificato al primo posto negli 85 kg cadetti, mentre Roberta Russo ha vinto il titolo di serie A nei +71 kg. Questi risultati hanno portato il Judo Club San Vito al 3° posto della classifica per società alle spalle di Aeterna Jiu Jitsu e Rio Grappling Italia ed a pari merito con Cyclone Roma.

Palombini e Luri Meret, settimo posto a Coimbra nell’European Cadet Cup

Udine, 14 aprile 2013. Marta Palombini e Soraya Luri Meret si sono classificate al settimo posto a Coimbra, dove si è svolta l’European Cadet Cup n. 5 di quest’anno e che ha registrato la partecipazione di 354 atleti di 19 nazioni. Per la muggesana Palombini, sconfitta al primo turno dei 63 kg dalla britannica Lubjana Piovesana, poi vincitrice della categoria, da registrare due belle vittorie nei recuperi sull’israeliana Adi Eizenberg per yuko e sulla danese Marie Laerke Olsen per ippon, prima di cedere il passo alla spagnola Silvia Lage Rivera, mentre la tarcentina Luri Meret, ha iniziato con la vittoria per ippon sulla portoghese Helia Oliveira per incappare poi in due sconfitte con la spagnola Sara Rodriguez Rodriguez, che ha poi concluso al primo posto e quindi con l’inglese Michelle Boyle. Per l’Italia, presente con 43 atleti, sono state conquistate tredici medaglie con quattro primi, tre secondi e sei terzi posti, oltre a cinque quinti e dieci settimi, che sono valse il primo posto nel medagliere precedendo Israele (2-4-2) e Gran Bretagna (2-3-6).

RISULTATI

Italia senza rivali nell’EJU Kata Tournament a Pordenone

Pordenone, 14 aprile 2013. Italia senza rivali a Pordenone in occasione del 6° EJU Kata Tournament cui hanno partecipato ventisette coppie da sei nazioni. Dodici le medaglie conquistate dalla rappresentativa azzurra (4 oro, 3 argento, 5 bronzo), che hanno assegnato nettamente il primato nel medagliere davanti alla Croazia (1-0-0), Belgio e Francia (0-1-0), mentre Svizzera e Germania sono rimaste a bocca asciutta. Alessandro Furchì–Michele Battorti nel Nage no kata, Andrea Fregnan–Stefano Moregola (Katame), Giacomo De Cerce-Pierluca Padovan (Kime), Ubaldo Volpi-Maurizio Calderini (Kodokan) sono le quattro coppie azzurre salite sul gradino più alto del podio, mentre la quinta medaglia d’oro è andata al collo della coppia croata Zoran Grba–Sandra Ursicich nel Ju no kata. In occasione delle premiazioni una particolare cerimonia è stata riservata al maestro Shoji Sugiyama, che ha compiuto 80 anni ed a Pordenone ha rappresentato l’EJU assieme a Michel Kozlowski. Classifiche complete. Nage no kata: 1) Alessandro Furchì–Michele Battorti (ITALIA); 2) Nicholas Gillon–Philippe Jean Gillon (BELGIO) ; 3) Mauro Collini-Tommaso Rondinini (ITALIA); 4) Angelo Rubino–Amico Salvatore (ITALIA); Katame no kata: 1) Andrea Fregnan–Stefano Moregola (ITALIA); 2) Carole Herras–Mathieu Coulon (FRANCIA); 3) Massimo Cester–Daniele Da Riol (ITALIA); 4) Dario Gianoglio–Daniele Vezza (ITALIA); 5) Nicola De Bartolo–Giulio Valente (ITALIA); Kime no Kata: 1) Giacomo De Cerce-Pierluca Padovan (ITALIA); 2) Rocco Romano-Gaetano Castanò (ITALIA); 3)  Roberto Gabutti-Ezio Centolanze (ITALIA); 4) Vincenzo Perri-Antonio Cartellà (ITALIA); 5) Jelena Vukovic–Patarina Potnek (CROAZIA); Juno no kata: 1) Zoran Grba–Sandra Ursicich (CROAZIA); 2) Marco Calugi–Martina Calugi (ITALIA); 3) Roberto Bibolotti-Luca Benelli (ITALIA); 4) Paola Di Luigi-Claudio De Angelis (ITALIA); 5) Johann Moss–Raymonde Veuthey (SVIZZERA); 6) Fabrice Beney-Antonella Beney (SVIZZERA); 7) Mauro Bisi-Stefania Martino (ITALIA); Kodokan Goshin jutsu: 1) Ubaldo Volpi-Maurizio Calderini (ITALIA); 2) Marco Dotta-Marco Durigon (ITALIA); 3) Stefano Dal Molin-Luca Cavalleri (ITALIA); 4) Teodoro Argento-Luca Mavilia (ITALIA); 5) Marion Billmeir-Jurgen Billmeir (GERMANIA); 6) Reta Tschopp-Ariane Wuthrich (SVIZZERA).